This is default featured post 1 title

EuroGiornale.com - News dall'Italia e dal Mondo

aggiornate in tempo reale dalla redazione e da numerose fonti esterne. »

This is default featured post 2 title

EuroGiornale.com - News dall'Italia e dal Mondo

aggiornate in tempo reale dalla redazione e da numerose fonti esterne. »

This is default featured post 3 title

EuroGiornale.com - News dall'Italia e dal Mondo

aggiornate in tempo reale dalla redazione e da numerose fonti esterne. »

This is default featured post 4 title

EuroGiornale.com - News dall'Italia e dal Mondo

aggiornate in tempo reale dalla redazione e da numerose fonti esterne. »

This is default featured post 5 title

EuroGiornale.com - News dall'Italia e dal Mondo

aggiornate in tempo reale dalla redazione e da numerose fonti esterne. »

Parigi 2024: la mascotte dei Giochi è ‘Olympic Phryge’

AGI - La mascotte delle Olimpiadi di Parigi 2024 si chiama 'Olympic Phryge' e fa riferimento ai tradizionali copricapi frigi da cui la mascotte prende la forma. Il nome e il design furono scelti come simboli di libertà e per rappresentare delle figure allegoriche della Repubblica francese. L''Olympic Phryge' si presenta in blu, bianco e rosso - i colori della bandiera tricolore francese - con il logo dorato di Parigi 2024 blasonato sul petto. Il motto dell''Olympic Phryge' e 'Paralimpic Phryge' è: "da soli si va più veloci, ma insieme si va più lontano". 

L’orgoglio di Kamila Harris per le sue radici Tamil

AGI - Il passo indietro di Joe Biden nella corsa alla Casa Bianca, sta concentrando in queste ore i riflettori del mondo su Kamala Harris e sulle possibilità dell'attuale vice-presidente di diventare la sfidante democratica di Donald Trump nelle elezioni presidenziali di novembre. Dal punto di vista dell'Asia, a far notizia sono soprattutto le radici indiane della 59enne ex procuratrice generale della California che aspira oggi a diventare la prima donna presidente degli Stati Uniti. Kamala Harris scrive Asianews - è la figlia di Shyamala Gopalan, una ricercatrice originaria del Tamil Nadu giunta negli Stati Uniti nel 1958 a 19 anni per studiare biologia all'Università di Berkeley, come generazioni di giovani indiani che hanno costruito carriere di successo negli Stati Uniti. Secondo i dati dell'ultimo censimento sono 4,4 milioni i cittadini degli Stati Uniti di radici indiane, una consistenza numerica cresciuta del 50% tra il 2010 e il 2020. Tra i gruppi di origine asiatica sono ormai secondi solo ai sino-americani, che sono 5,2 milioni.

 

Scienziata dalla carriera brillante che si è dedicata alla ricerca sui tumori al seno, Shyamala Gopalan, scomparsa nel 2009, ha trasmesso a Kamala - primogenita nata nel 1964 dal matrimonio con l'economista afro-americano di origini giamaicane Donald Harris - un orgoglio profondo per le sue radici tamil. "I nostri nomi classici indiani - ha scritto l'attuale vicepresidente degli Stati Uniti nella sua autobiografia, facendo riferimento a lei e alla sorella Maya - richiamavano la nostra eredita' e siamo state cresciute con una forte consapevolezza e apprezzamento per la cultura indiana". Pur lasciando loro frequentare una black church battista, Shyamala fece in modo che conoscessero anche l'induismo che lei professava. Ricevendo l'anno scorso il premier indiano Modi in visita alla Casa Bianca, Kamala Harris ha ricordato i periodi che - dopo il divorzio tra i genitori, avvenuto quando aveva 5 anni - trascorreva ogni anno a Chennai con i nonni materni. In quell'occasione parlo' anche del fortissimo legame con il nonno P.V. Gopalan, un funzionario pubblico indiano che si era occupato anche della riabilitazione dei rifugiati giunti in India dal Pakistan Orientale (l'odierno Bangladesh) dopo la traumatica esperienza della "separazione" dopo l'indipendenza.

 

 

Davanti a Modi raccontò di come quest'uomo ormai in pensione la portasse con lei nelle sue passeggiate mattutine, durante le quali con gli amici rievocavano "le storie sui combattenti per la libertà e sui padri fondatori della nazione e sull'indipendenza dell'India. Ricordo che parlavano dell'importanza di combattere la corruzione e di lottare per l'uguaglianza, indipendentemente dal credo o dalla casta". "Mio nonno - aveva aggiunto - mi ha insegnato non solo che cosa significa avere una democrazia, ma anche tenerla viva. E credo che siano state proprio queste lezioni, a ispirare il mio interesse per la cosa pubblica".

 

Sempre parlando a quel ricevimento ufficiale con Narendra Modi, Kamala Harris - rievocando la storia di sua madre - rivendico' il fatto che proprio attraverso le forme di cooperazione scientifica e tecnologica "l'impegno globale dell'India non è andato solo a beneficio del popolo indiano, ma anche di quello degli Stati Uniti e di tutto il mondo". Il quotidiano The Hindu ricorda infine oggi che la sua vittoria nel 2020 come vice di Joe Biden nelle elezioni presidenziali fu festeggiata anche a Thulasendrapuramin, il villaggio natale di sua madre, nel distretto di Tiruvarur, in Tamil Nadu. Gli abitanti del villaggio fecero scoppiare petardi, distribuirono dolci e disegnarono kolam colorati davanti alle loro case. Tennero anche una speciale puja di ringraziamento nel tempio indu', per quella che definirono la "figlia del villaggio". 

 

Dalla Bercy Arena a Tahiti. Tutti gli impianti di Parigi 2024

AGI - Da Parigi a Tahiti. Le Olimpiadi di Parigi che saranno ufficialmente aperte venerdì 26 per concludersi domenica 11 agosto, si svolgeranno in 34 siti tra stadi, impianti e le onde della Polinesia. Stadi e palazzetti multifunzionali che in passato hanno ospitato già importanti eventi sportivi - su tutti la Coppa del mondo di calcio del 1998 - ma anche concerti di star della musica internazionale. Parigi 2024 segnerà anche il ritorno del pubblico sugli spalti dopo un'assenza di otto anni. L'ultima volta con le tribune olimpiche animate dai tifosi risale a Rio de Janeiro 2016. Causa pandemia di coronavirus le Olimpiadi di Tokyo 2020 vennero rinviate all'anno successivo ma senza pubblico.

 

BERCY ARENA (15.000 spettatori): è un luogo emblematico della cultura e dello sport in Francia e a Parigi. È riconoscibile per la sua caratteristica forma piramidale che cattura l'attenzione nel 12esimo distretto. Costruito nel 1984, l'impianto ha già ospitato eventi sportivi di alto livello come il Rolex Paris Master, torneo internazionale di tennis maschile, e le fasi finali del Campionato europeo di pallamano femminile 2018 ma anche i concerti di Madonna e Paul McCartney. Durante i Giochi ospiterà le gare ginnastica artistica, trampolino e le partite di pallacanestro.

 

CHAMP-DE-MARS ARENA (8.356 spettatori): creata per ospitare eventi di arte, moda e sport solitamente organizzati al Grand Palais, la Champ de Mars Arena sarà anche il palcoscenico ideale per eventi culturali promossi dalla Rèunion des musèes nationaux-Grand Palais. Ospiterà le competizioni di lotta e judo.

 

GRAND PALAIS (8.000 spettatori): è un gioiello nel cuore di Parigi. Costruito in occasione dell'Esposizione Universale del 1900 utilizzando le più avanzate tecniche dell'epoca, la struttura presenta una maestosa navata (6.000 tonnellate di acciaio) sormontata da un imponente tetto in vetro. Sarà la casa della scherma e del taekwondo.

 

INVALIDES (8.000 spettatori): l'Esplanade des Invalides, nel cuore della capitale, di fronte al magnifico Hotel des Invalides (all'interno c'è la tomba di Napoleone Bonaparte), è una delle mete preferite per il tempo libero dove è possibile praticare sport, ascoltare musica o fare una passeggiata. In occasione di Parigi 2024 ospiterà il tiro con l'arco e l'arrivo della maratona.

 

LA CONCORDE STADIUM: Parigi 2024 ha deciso di organizzare gli sport urbani nel loro ambiente naturale, lontano dagli stadi, nel cuore della città. Da questa idea nasce la trasformazione temporanea di Place de La Concorde in un'arena aperta, in linea con i principi dell'Agenda 2020 del Cio. Breakdance, skateboarding (street e park), Bmx e basket 33 condivideranno Place de la Concorde, luogo iconico della Ville Lumière.

 

PARC DES PRINCES STADIUM (47.926 spettatori): noto nella dizione italiana 'Parco dei Principì, si tratta di un luogo mito dello sport francese. Si trova ne 16esimo distretto ed è rimasto l'impianto più grande del Paese fino alla costruzione dello Stade de France (fine anni '90). è la sede del Paris Saint Germain dal 1974. Ha ospitato anche concerti. Alle Olimpiadi ospiterà alcune partite di calcio più importanti, tra cui le finali femminili e maschili.

 

PONT ALEXANDRE III (1.000 spettatori): collega le due sponde della Senna e due impianti come il Grand Palais e Invalides. Sarà la sede d'arrivo delle prove a cronometro del ciclismo individuale, del nuoto di fondo e del triathlon.

 

PONT D'IENA (3349 spettatori): lungo 155 metri e largo 35, è uno dei 37 ponti di Parigi. Costruito tra il 1808 e il 1814 dall'ingegnere Lamandè, è composto da cinque archi di 28 metri e quattro pilastri intermedi. Durante i Giochi, Pont d'Ièna ospiterà eventi di triathlon, ciclismo su strada, atletica (maratona e marcia) e nuoto di fondo (10 km).

 

PORTE DE LA CHAPELLE ARENA (7.000 spettatori): nuovo importante polo culturale della capitale francese, ospiterà gli eventi di badminton e ginnastica ritmica.

 

ROLAND-GARROS (14.962 spettatori): è uno stadio leggendario e avrà un ruolo fondamentale per i Giochi ospitando non soltanto i tornei di tennis ma anche gli incontri delle fasi finali del pugilato. Costruito nel 1928 e intitolato al celebre aviatore francese, è situato ai margini del Bois de Boulogne. Ampliato e modernizzato in diverse occasioni nel corso degli anni, lo stadio Roland-Garros si estende su 12 ettari e dispone di 18 campi in terra battuta.

 

SOUTH PARIS ARENA (12.000 spettatori/pallavolo; 6.650/tennistavolo; 6.500/pesi; 7.800/pallamano): fa parte del Paris Expo Porte de Versailles, centro espositivo e congressuale tra i più attivi in Europa e più visitato in Francia. è stato costruito nel 1923. Il padiglione 1 ospiterà la pallavolo, il padiglione 4 il tennistavolo, mentre il padiglione 6 sarà la sede della pallamano e dei pesi.

 

TOUR EIFFEL STADIUM (12.860 spettatori): per i parigini Champ-de-Mars è un luogo di incontro e festa. Tantissime persone affollano ogni giorno uno dei giardini pubblici più iconici della città per praticare sport, ammirare il panorama o semplicemente passeggiare in mezzo al verde. L'arena temporanea ospiterà i tornei di beach volley.

 

AQUATICS CENTRE (5.000 spettatori): è uno dei due impianti sportivi permanenti realizzati per i Giochi di Parigi. Ne beneficeranno non soltanto i residenti di Seine-Saint-Denis ma l'intero movimento natatorio francese. L'Aquatics Centre sorge di fronte allo Stade de France. Ospiterà nuoto artistico, tuffi e le partite della fase a gironi della pallanuoto.

 

VERSAILLES (fino a 40.000 spettatori): la Reggia di Versailles, simbolo iconico conosciuto in tutto il mondo, sarà la sede delle gare di equitazione e pentathlon moderno. Residenza di Re Luigi XIV dal 1682, con i suoi magnifici giardini è diventato museo nazionale, aperto al pubblico, nel 1883. Nel 1979 è stato il primo sito francese ad essere dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco.

 

ELANCOURT HILL (15.000 spettatori): situato a 231 metri, è il punto più alto della regione parigina dove i svolgeranno le prove di mountain bike. Dalla sommità si puo' godere la vista mozzafiato sulla Torre Eiffel, La Dèfense e le foreste che circondano Parigi. Dopo la Seconda guerra mondiale divenne una discarica, chiusa nel 1975. Negli anni '80 un ambizioso programma di rigenerazione trasformo' la collina in un parco pubblico.

 

GOLF NATIONAL (32.720 spettatori): gode di due percorsi da 18 buche ma 'L'Albatros' si distingue come il più competitivo e complesso che è già stato utilizzato per le principali competizioni internazionali, inclusa la Ryder Cup del 2018.

 

LE BOURGET SPORT CLIMBING VENUE (6.000 spettatori): sarà il sito dell'arrampicata sportiva. Sei le pareti, tre dedicate all'allenamento e al riscaldamento (due indoor e una outdoor) e tre per le gare (lead, speed e boulder), tutte all'aperto.

 

NORTH PARIS ARENA (6.000 spettatori): si trova vicino all'aeroporto Paris-Charles de Gaulle e questa venue ospiterà le eliminatorie degli eventi di pugilato e le prove di scherma del pentathlon moderno.

 

LA DEFENSE ARENA (17.000 spettatori): è una struttura polivalente eccezionale in termini di dimensioni e capacità. Dispone dello schermo gigante interattivo più grande al mondo. Con un design e 600 "scaglie" giganti in alluminio e vetro che compongono la facciata esterna dell'edificio, grazie alla sua struttura modulare e multiuso, la Paris La Dèfense Arena ospiterà per la prima volta nella sua storia le gare di nuoto e pallanuoto.

 

SAINT-QUENTIN-EN-YVELINES BMX STADIUM (3000 spettatori): la pista, interamente coperta e accessibile anche ai praticanti amatoriali, è stata ridisegnata appositamente per le gare a cinque cerchi. La bmx sarà la disciplina con meno partecipanti, solo 25.

 

SAINT-QUENTIN-EN-YVELINES VELODROME (5000 spettatori): il velodromo è un vero gioiello, fiore all'occhiello e sede operativa della Federazione ciclistica francese: sede dei Mondiali di ciclismo su pista nel 2015 e nel 2022 e degli Europei 2016, è pronto per accogliere le gare olimpiche di Parigi.

 

STADE DE FRANCE (77.083 spettatori): inaugurato in occasione dei Mondiali di calcio del 1998, da allora ospita i più grandi eventi sportivi del Paese, dai Mondiali di atletica leggera del 2003 alla Coppa del mondo di rugby del 2007 fino all'Europeo di calcio del 2016. Ha accolto concerti di moltissime star della musica internazionali. In occasione dei Giochi sarà la sede delle gare di atletica e rugby e della cerimonia di chiusura.

 

VAIRES-SUR-MARNE NAUTICAL STADIUM (24.000 spettator/canoa velocità e canottaggio; 12.000/canoa slalom): prima struttura di nuova concezione ad essere consegnata nel giugno del 2019, il complesso è strutturato attorno a tre elementi centrali della base ricreativa: il lago, lo stadio delle acque bianche e la zona giorno. Centro internazionale di eccellenza, insieme a Pechino e Sydney è uno dei tre siti al mondo con le strutture necessarie per organizzare allo stesso tempo gli eventi olimpici di canoa kayak e canottaggio.

 

YVES-DU-MANOIR STADIUM (15.000 spettatori): ospitare per due volte i Giochi Olimpici è un privilegio che pochissimi impianti possono vantare. Ai Giochi del 1924 era stato il teatro della cerimonia d'apertura e delle gare di atletica leggera. Più volte ristrutturato, nei prossimi giorni ospiterà le partite di hockey su prato.

 

BORDEAUX STADIUM (42.000 spettatori): 'casà dei Girondins de Bordeaux, una delle principali squadre di calcio in Francia, l''impianto ospiterà le partite di calcio.

 

CHATEAUROUX SHOOTING CENTRE: situato a 271 chilometri, l'impianto è uno dei più grandi poligoni di tiro a livello internazionale. In occasione di Parigi 2024 ospiterà gli eventi di tiro a segno e tiro a volo.

 

GEOFFROY-GUICHARD STADIUM (41.965 spettatori): è uno degli impianti francesi più iconici ed è stato il palcoscenico di alcuni dei momenti più importanti della storia dell'As Saint-Etienne. Dalla sua costruzione nel 1931, lo stadio 'Chaudron' è stato più volte ristrutturato per accogliere le principali competizioni sportive, dagli Europei di calcio del 1984 alla Coppa del Mondo di rugby del 2007.

 

LA BEAUJOIRE STADIUM (37.473 spettatori): sede della squadra di calcio dell'Fc Nantes da quando è stato costruito, lo stadio è dotato di un tetto che copre tutte le tribune e resta uno degli stadi più famosi di Francia.

 

LYON STADIUM (59.186 spettatori): impianto recente e ultramoderno di proprietà dell'Olympique Lyonnais, lo stadio è stato progettato con l'ambizione di rispettare l'ambiente. Grazie ai pannelli solari sul tetto, il 100% della sua energia è rinnovabile.

 

MARSEILLE MARINA (12.262 spettatori): considerato il miglior luogo per ospitare gli eventi velici. Punto di partenza delle barche il porto turistico di Roucas-Blanc. La qualità delle condizioni dell'acqua al largo di Marsiglia, con venti relativamente costanti e una configurazione costiera correttamente orientata, senza correnti o maree, assicurerà agli atleti condizioni tattiche e strategiche ideali.

 

MARSEILLE STADIUM (67.394 spettatori): conosciuto come Stade Vèlodrome, è il secondo impianto più grande di Francia. Oltre alle partite casalinghe dell'Olympique de Marseille, l'impianto ha ospitato diverse gare della nazionale francese e tutte le principali competizioni organizzate in Francia dalla prima metà del XX secolo. Il Vèlodrome ha già accolto importanti concerti di star internazionali come Rolling Stones, Pink Floyd, Cèline Dion e AC/DC.

 

NICE STADIUM (36.178 spettatori): impianto ultramoderno nel 2013 per sostituire il vecchio e obsoleto Stade du Ray, è sede della squadra di calcio dell'OGC Nice.

 

PIERRE MAUROY STADIUM (27.000 spettatori): impianto modulare dal design spettacolare, costruito nel 2012 e sede del Lille Olympique Sporting Club, una delle principali società calcistiche francesi. Situato a Villeneuve-d'Ascq, lo stadio è dotato di un tetto che puo' aprirsi o chiudersi in trenta minuti. Durante i Giochi sarà il palcoscenico della fase a gironi della pallacanestro e della fase finale dei tornei di pallamano.

 

TAHITI TEAHUPO'O (600 spettatori): è il sito di Parigi 2024 più lontano. Si trova lungo la Route de Teahupo'o nell'isola di Tahiti nella Polinesia francese e ospiterà le gare di surf, confermata disciplina olimpica dopo il debutto a Tokyo. Da oltre venti anni è sede di una delle tappe più prestigiose del tour mondiale maschile, luogo sognato da tutti i surfisti. 

L’aerotaxi da prototipo a realtà, ecco eVTOL

AGI - L'azienda aeronautica brasiliana Embraer ha presentato il primo prototipo in scala reale del suo aereo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL), che sarà utilizzato per fornire servizi di aerotaxi nelle città.

L'azienda ha presentato pubblicamente il velivolo al 45esimo Farnborough Air Show nel Regno Unito attraverso Eve Air Mobility, il marchio di Embraer per il segmento della mobilità aerea urbana.

L'eVTOL è stato prodotto nello stabilimento del costruttore brasiliano situato a Gaviao Peixoto, nell'interno dello Stato brasiliano di San Paolo (sud-est). Ora sarà sottoposto a una serie di test che valuteranno gli aspetti operativi, le prestazioni del velivolo e le sue caratteristiche di sicurezza, per poi richiedere la certificazione da parte degli enti normativi.

 

"Questo è un passo importante che rafforza il nostro impegno per la sicurezza, l'accessibilità e l'innovazione", ha dichiarato il Ceo di Eve Johann Bordais. Il velivolo di Eve utilizza una configurazione di decollo e crociera "con rotori dedicati per il volo verticale e ali fisse per la fase di crociera, senza bisogno di componenti di transizione in volo", si legge in un comunicato. Include anche un propulsore alimentato da due motori elettrici, che riduce i costi operativi e fornisce una spinta a bassa rumorosità.

"Stiamo andando oltre la creazione di un velivolo: stiamo sviluppando un ecosistema completo di soluzioni per plasmare il futuro dell'industria della mobilita' aerea avanzata", ha dichiarato Bordais. Parallelamente, Eve, società quotata in borsa a New York, sta sviluppando un software per la gestione del traffico aereo urbano per espandere le operazioni di mobilità nelle città di tutto il mondo.

Embraer è il terzo produttore mondiale di aeromobili e il leader di mercato nei jet commerciali e d'affari regionali, ma è anche attivo nei segmenti dell'agricoltura e della difesa. Secondo i dati dell'azienda, dalla sua fondazione nel 1969 ha consegnato più di 8.000 aerei.

 

Trump una macchina da soldi, raccoglie più fondi di Biden

AGI - Donald Trump ha raccolto più fondi di Joe Biden nel secondo trimestre, facendo emergere come l'ex presidente stia registrando un'impennata di donazioni in un momento in cui i contribuenti democratici sono sempre più nervosi per le prospettive del loro candidato. I gruppi di raccolta fondi allineati con il tycoon hanno raccolto 431,2 milioni di dollari tra aprile e giugno - 98,9 milioni di dollari in più rispetto ai gruppi pro-Biden, che hanno raccolto 332,4 milioni di dollari.

I risultati, ottenuti da un'analisi del Financial Times sui dati federali relativi alle campagne elettorali, mostrano che la condanna dell'ex presidente, avvenuta il 30 maggio scorso, ha rappresentato un importante punto di svolta nella corsa ai fondi per la campagna elettorale. Trump era molto indietro rispetto a Biden per quanto riguarda i fondi raccolti, fino a quando una giuria di New York lo ha dichiarato colpevole di 34 capi d'accusa per aver falsificato i registri aziendali al fine di coprire un pagamento di denaro non dichiarato a una pornostar.

 

Il verdetto ha di fatto riunito il partito repubblicano, al punto che i gruppi di raccolta fondi allineati a Trump hanno più che triplicato l'ammontare dei contributi raccolti nel secondo trimestre rispetto al primo trimestre, quando i gruppi che sostengono Biden avevano raccolto circa 49 milioni di dollari in più. Rispetto al secondo trimestre del 2020, anno delle ultime elezioni presidenziali, risulta più che raddoppiata la raccolta fondi a favore di Trump.

Dall'analisi, che non registra ancora i dati relativi a luglio, emerge che la raccolta a favore di Biden abbia subito una battuta d'arresto dopo che il 'duello' tv del 27 giugno scorso ha sollevato preoccupazioni sull'età e sulle capacità cognitive del presidente. I raccoglitori di fondi hanno lanciato l'allarme sull'esaurimento dei fondi, mentre grandi donatori democratici come Stewart Bainum, Mark Pincus, Reed Hastings e Mike Moritz hanno chiesto a Biden di farsi da parte.

Alla fine di giugno, Biden aveva raccolto 281 milioni di dollari, mentre Trump 336,2 milioni. Trump ha speso 85,5 milioni di dollari dei donatori in spese legali - circa il 26,4% di tutti i fondi spesi - mentre affronta una sentenza di frode civile da 464 milioni di dollari a New York e diverse accuse penali.

Il Financial Times cita ad esempio Future Forward - il super Pac pro-Biden finanziato dai miliardari Michael Bloomberg, Reid Hoffman e il defunto Jim Simons - che ha speso 130 milioni di dollari di pubblicità a partire dalla fine di agosto e fino al giorno delle elezioni, il 5 novembre.

Il rampollo bancario Mellon è stato il più grande donatore di Trump e ha donato 75 milioni di dollari a un super Pac a favore di Trump, di cui 50 milioni all'indomani della condanna dell'ex presidente. Ike Perlmutter, ex presidente della Marvel Entertainment, ha donato 10 milioni di dollari dopo il verdetto. 

 

Olimpiadi e caccia alle medaglie. Chi sono gli atleti in odore di record

AGI - Le Olimpiadi sono sicuramente lotta per le medaglie ma anche caccia ai record. Con l'Italia Team al primato di partecipazione con 403 atleti qualificati, con 205 tra Paesi e delegazioni presenti (squadra dei rifugiati olimpici e squadra atleti neutrali con atleti russi e bielorussi) per un totale di 11.475 atleti accreditati, Parigi 2024 potrebbe essere l'edizione del miglioramento di alcuni storici primati sia a livello personale che di squadra. La stella dell'NBA Kevin Durant potrebbe diventare il primo atleta di sempre a vincere quattro medaglie d'oro in uno sport di squadra.

La variabile è la vittoria del quinto titolo olimpico consecutivo del Team Usa. Jimmer Fredette scriverà sicuramente una pagina di storia: al cestista dell'NBA basterà scendere in campo nel basket 3x3. Nel 2011, il mondo del basket era nel bel mezzo di un fenomeno soprannominato 'Jimmermania' che infilava canestri uno dopo l'altro. Nel torneo femminile, Kelsey Plum e Jackie Young potrebbero diventare le prime giocatrici a vincere l'oro olimpico sia nel basket 3x3 che in quello tradizionale.

 

Le sette volte medaglie d'oro Isabell Werth e Kate Ledecky sono in lizza per diventare le atlete con più medaglie d'oro conquistate ai Giochi olimpici. L'attuale record femminile è detenuto dalla ginnasta sovietica Larisa Latynina che ha vinto nove medaglie d'oro tra Melbourne 1956 e Tokyo 1964. Werth, tedesca, stella dell'equitazione, per raggiungere Latynina dovrà conquistare due ori nelle gare che si svolgeranno a Versailles mentre Ledecky, star del nuoto, entrerà quattro volte in acqua nella piscina della Defense Arena.

Le tiratrice georgiana Nino Salukvadze parteciperà alla sua decima Olimpiade dopo aver indossato la maglia dell'Unione Sovietica (a Seul '88), quella della Comunità degli Stati Indipendenti (a Barcellona '92) e successivamente della Georgia. A livello di squadre, a Parigi 2024 ci sarà per la prima volta per un team dell'Uzbekistan.

 

Mercoledì i calciatori uzbeki debutteranno contro la Spagna. Debutto olimpico anche per l'Azerbaigian che ha conquistato il pass con la squadra femminile del basket 3x3. Debutto il 30 luglio contro la Spagna. Le ragazze Dream Team americano del basket potrebbe centrare l'ottavo oro consecutivo e, quindi, battere il primato negli sport di squadra che al momento appartiene ai colleghi uomini (1936-1968). 

 

 

Tour de France: Pogacar vince anche crono e conquista la maglia gialla

AGI - Tadej Pogacar ha vinto per la terza volta in carriera il Tour de France. Il 25enne fuoriclasse sloveno dell'Uae Team Emirates, che in questa edizione della Grande Boucle ha conquistato sei tappe vincendo anche la crono finale, mette in bacheca la maglia gialla così come gia' accaduto nel 2020 e 2021. Alle sue spalle, il bi-campione uscente, il danese Jonas Vingegaard (Team Visma) e il belga Remco Evenepoel (Soudal Quick-Step), rispettivamente secondo e terzo nella crono e nella classifica generale (il primo a 6'17" dallo sloveno, il secondo a 9'18"). Così le altre maglie: al colombiano Richard Carapaz (EF Education-EasyPost), quella a pois di miglior scalatore, all'eritreo Biniam Girmay (Intermarchè-Wanty) la verde della classifica a punti e allo stesso Evenepoel la maglia di miglior giovane. Pogacar riesce dunque nella doppietta Giro-Tour: l'ultimo a riuscirci, nel 1998, era stato Marco Pantani.

 

Lo sloveno si è imposto nella cronometro finale, la Montecarlo-Nizza di 33,7 chilometri, anticipando Jonas Vingegaard (Team Visma - Lease a Bike) di 1'03" e Remco Evenepoel (Soudal Quick-Step) di 1'14".

 

Si tratta della terza vittoria in carriera del Tour de France per il capitano della UAE Emirates: 84 vittorie in carriera e 17esima tappa al Tour de France, sono 58 le vittorie stagionali del team degli emirati. Per lo sloveno anche un record assoluto: nessuno mai era riuscito a vincere nello stesso anno sei tappe al Giro d'Italia e sei al Tour de France. Pogacar c'è riuscito facendo meglio del primo 'cannibalè del ciclismo, il belga Eddie Merkx che si era fermato a 11 tappe vinte (6 al Giro e 5 al Tour). Per Pogacar, 26 anni a settembre, si tratta anche della doppietta Giro-Tour, la prima dal 1998 quando l'ultimo a riuscire in questa impresa era stato Marco Pantani. 

Gp Ungheria, doppietta McLaren. Leclerc arriva quarto

AGI - Dopo 35 gran premi disputati il 23enne Oscar Piastri su McLaren vince nel Gran Premio d'Ungheria davanti al suo compagno di squadra Lando Norris. Le due monoposto inglesi si piazzano davanti a Lewis Hamilton e Charles Leclerc. Solo quinto il campione del mondo e leader della classifica piloti Max Verstappen. 

Oscar Piastri ha vinto il Gp di Ungheria precedendo l'altra McLaren del britannico Lando Norris che ha lasciato passare l'australiano per ordine dei box. Inevitabili le polemiche. In conferenza stampa Norris è stato diplomatico: "Lo hanno deciso ai box e io ho eseguito".

 

Terzo posto per la Mercedes del britannico Lewis Hamilton, al suo 200esimo podio in carriera, quarta la Ferrari del monegasco Charles Leclerc che ha approfittato nel migliore dei modi di un errore della Red Bull del campione del mondo, Max Verstappen, furibondo con la sua scuderia perche' la macchina non era al meglio e autore di uno spettacolare contatto in fase di sorpasso con Hamilton.
Quinta la Red Bull dell'olandese e sesta l'altra Rossa dello spagnolo Carlos Sainz. Settimo posto per il messicano Sergio Perez (Red Bull), protagonista di una rimonta straordinaria insieme al britannico George Russell (Mercedes) arrivato ottavo. Nono posto per il giapponese Yuki Tsunoda (RB), decimo il canadese Lance Stroll su Aston Martin. 

 

Berrettini trionfa a Gstaad, da lunedì sarà numero 50 al mondo

AGI - Matteo Berrettini ha vinto il titolo nello "Swiss Open Gstaad", torneo Atp 250 con un montepremi di 579.320 euro che si è concluso sulla terra rossa della Roy Emerson Arena della città elvetica. Il 28enne tennista romano, n.82 del ranking e sesto favorito del seeding, vincitore proprio a Gstaad nel 2018 del suo primo titolo Atp (e di nuovo finalista nel 2022, stoppato da Ruud), nella sua terza finale tra le Alpi svizzere ha superato il qualificato francese Quentin Halys, n.192 del ranking mondiale, in due set con il punteggio di 6-3 6-1, maturato in un'ora di gioco.

Il match era stato interrotto sul 5-3 per l'azzurro nel primo set a causa della pioggia. Per Berrettini si tratta del nono titolo in carriera, il secondo stagionale dopo l'Atp 250 di Marrakech, sempre sulla terra battuta.

"È incredibile, mi sembra ieri che ho vinto qui a Gstaad e invece è passato tantissimo. È un posto speciale, ho le stesse energie e sensazioni di sei anni fa, sono felicissimo". Così Matteo Berrettini commenta il trionfo nell'Atp 250 di Gstaad, vinto dal romano già nel 2018 e tornato nella sua bacheca dopo la finale contro il qualificato francese Halys.

 

"Per lui era la prima finale, quando poi ti fermi e riparti non è facile - sottolinea l'azzurro, che in campo ha messo anche più esperienza rispetto al rivale dopo lo stop per pioggia - Ho cercato di capire anche le condizioni, che sono state diverse per tutte la settimana: quando l'ho brekkato nel primo set ho trovato le giuste energie e il focus perfetto".

Berrettini, che da domani salirà al numero 50 del mondo, preferisce non prefissare traguardi specifici: "Quest'anno ho iniziato tardi, con tanti dubbi anche sulla condizione fisica, e ho pensato a giocare bene. Difficile trovare obiettivi adesso, vorrei godermi i prossimi tornei in attesa dell'Australian Open".

 

Cyber caos, ancora disagi. Lento ripristino delle attività

AGI - Ci vorranno giorni o addirittura settimane perché molte aziende si riprendano completamente dal black out informatico di venerdì scorso: lo sostengono gli esperti, le cui opinioni sono state raccolte dal Financial Times. L'aggiornamento buggato di Crowdstrike ha danneggiato 8,5 milioni di PC e server Windows, che pur rappresentando meno dell'1% di tutti i dispositivi Microsoft, hanno lasciato a terra gli aerei, e causato una serie di disservizi in tutto il mondo.

 

Secondo gli analisti, l'episodio è ancora più scioccante se si considera la solida reputazione di CrowdStrike come prima linea di difesa di molte aziende contro gli attacchi informatici. L'unico rimedio per gli utenti Windows colpiti dall'errore "schermata blu della morte" consiste a questo punto nel riavviare il computer e cancellare manualmente l'aggiornamento del file difettoso di CrowdStrike: un'operazione che richiede un accesso diretto a ogni dispositivo.

 

Ciò significa che l'applicazione potrebbe richiedere giorni o settimane nelle aziende con migliaia di computer Windows o con una carenza di personale IT per amministrare la modifica, dicono gli esperti. "Sembra che milioni di computer debbano essere riparati a mano", ha osservato Mikko Hypponen, chief research officer di WithSecure, una società di sicurezza informatica. "Le macchine più critiche, come il pc dell'amministratore delegato, sono già state riparate, ma per l'uomo medio ci vorrà un po' di tempo prima che qualcuno venga a riparare il suo laptop", ha ironizzato.

Ad aggravare l'impatto dell'errore sono le grandi dimensioni e la natura di alto profilo di molti degli utenti di CrowdStrike. L'azienda di Austin, in Texas, ha dichiarato di avere più di 29.000 clienti aziendali alla fine del 2023 e ha affermato nel materiale di marketing che il suo software è utilizzato da più della metà delle Fortune 500. "Nonostante sia in realtà un'azienda piuttosto grande, l'idea che possa chiudere il mondo è straordinaria", ha rimarcato Marshall Lux, visiting fellow presso la McDonough School of Business della Georgetown University.

 

L'effetto a catena globale illustra "l'interconnettività di tutte queste cose" e il "rischio di concentrazione in questo mercato", ha aggiunto Lux. I fornitori di software "sono chiaramente diventati così grandi e così interconnessi" che i loro fallimenti possono danneggiare il sistema economico globale, ha scritto Fatima Boolani, analista di Citi.

 

Venerdì scorso, scusandosi con i clienti di CrowdStrike, Kurtz ha sottolineato che l'incidente "non è stato un attacco informatico" e ha insistito sul fatto che i clienti di CrowdStrike "rimangono completamente protetti". Ma i ricercatori esperti in sicurezza hanno avvertito che molti hacker potrebbero approfittare del caos per impersonare agenti Microsoft o CrowdStrike per truffe di phishing.

 

"Lo vediamo accadere con ogni incidente informatico importante che fa notizia", ha dichiarato Vasileios Karagiannopoulos, professore associato di criminalita' informatica e sicurezza informatica presso l'Università di Portsmouth. L'azienda di sicurezza informatica Secureworks ha dichiarato che i suoi ricercatori hanno registrato diverse nuove registrazioni di domini a tema CrowdStrike a poche ore dall'incidente, probabilmente da parte di criminali che mirano a ingannare i clienti dell'azienda.

 

Aziende come CrowdStrike sono sotto pressione per lanciare nuovi aggiornamenti di sicurezza il più rapidamente possibile per difendersi dagli ultimi attacchi informatici. "C'è un compromesso tra la velocità di garantire la protezione dei sistemi contro le nuove minacce e la diligenza necessaria per proteggere la resilienza del sistema e impedire che si verifichino incidenti come questo", ha dichiarato Adam Leon Smith, membro della British Computer Society, un organismo professionale del settore informatico.Il danno causato dall'aggiornamento software difettoso di questa settimana "potrebbe richiedere giorni e settimane" per essere riparato, ha concluso. 

 

Tutto pronto a Parigi, cosa sapere sulle Olimpiadi 2024

AGI - La lunga attesa sta per finire. Le Olimpiadi di Parigi, le trentatreesime dell'era moderna, le prime senza le forti limitazioni causate dal Covid-19, la pandemia che nel 2020 causò il posticipo di un anno dell'edizione di Tokyo, stanno diventando realtà per 11.475 atleti in rappresentanza di 205 delegazioni. I Comitati olimpici nazionali che aderiscono al Comitato Olimpico Internazionale sono 206 ma ai Giochi nella Ville Lumière ci sono due Nazioni in meno, Russia e Bielorussia: i pochi atleti ammessi con passaporto russo e bielorusso gareggeranno da neutrali e individuali sotto la 'bandiera' dell'Ain a seguito delle sanzioni per l'invasione di Mosca in Ucraina. Va aggiunta la squadra olimpica dei rifugiati, orgoglio del numero uno dello sport mondiale Thomas Bach che ieri ha aperto la riunione dell'Esecutivo.

 

I giorni di gara saranno 19, considerando che calcio, pallamano e rugby a sette inizieranno a giocare già mercoledì 24 con due giorni d'anticipo rispetto alla cerimonia d'apertura di venerdì 26. L'overture sarà una prima di sempre perché non si terrà all'interno di uno stadio bensì sull'acqua, sulla Senna con le delegazioni che sfileranno sulle barche. A Parigi 2024 ci sarà il debutto assoluto della breakdance con 16 'B-Boys' e 17 'B-Girls' che, però, non ci sarà a Los Angeles 2028.

 

Sfiorata la parità di genere: secondo il prezioso portale MyInfo sono accreditati 5.842 uomini e 5.633 donne in 45 discipline sportive. Lo sport con maggiore partecipazione sarà l'atletica leggera con 2.132 atleti (1.091 uomini e 1.041 donne) seguita dal nuoto con 857 (464 uomini e 393 donne), canottaggio con 503 e hockey su prato con 454. Lo sport con la presenza più bassa, la bmx con 25 atleti (13 uomini e 12 donne).

 

Quattro Nazioni saranno presenti con un solo atleta: si tratta di Belize, Liechtenstein, Nauru e Somalia. Cinque gli atleti da San Marino. Tra i Paesi che in molto conoscono solo perché sfilano alla cerimonia dei Giochi, vanno citati sicuramente Kiribati (nel cuore dell'oceano Pacifico sulla linea di cambiamento di data), E-Swatini (ex Swaziland), Palau, Micronesia, Isole Salomone e Tuvalu. L'Italia è al record assoluto di partecipazione con 403 atleti ed è al settimo posto della classifica delle squadre più' numerose. Al primo posto ci sono gli Stati Uniti con 591 atleti, seguiti da Francia con 571, Germania con 468, Australia 460, Giappone con 447 e Cina con 404.

Le principali novità

La Breakdance, nata nel Bronx negli anni '70, nel corso dei decenni si è evoluta in uno sport competitivo, completo di eventi internazionali con un solido sistema di giudizio e campionati mondiali. La Breaking ha debuttato ai Giochi Olimpici Giovanili del 2018 a Buenos Aires. È previsto un girone all'italiana seguito da quarti di finale, semifinali e finali per le medaglie. I nove giudici valutano in base a sei criteri: creatività, personalità, tecnica, varietà, performance e musica. Performance e creatività hanno un peso del 60% sulla valutazione.

 

Inglobato nel kayak, a Parigi debutta il format del cross (sfida non contro il tempo come nelle altre gare) con quattro atleti che gareggiano assieme lungo un percorso. Per la prima volta nella storia delle Olimpiadi gli uomini sono stati inclusi nel nuoto artistico. Nel pugilato è stata aggiunta una nuova classe di peso al femminile e tolta una al maschile: ora ci sono sette categorie per gli uomini e sei per le donne.

 

Nella vela sono state aggiunte le gare di kite. Nel tiro a volo la gara di skeet a squadre miste sostituisce la gara di trap a squadre miste. Nell'atletica leggera una novità: cancellata la 50 km dai programmi internazionali, la nuova gara è la prova a squadre mista sulla distanza della maratona. Nelle distanza tra 200 e 1500 metri (ostacoli compresi) è stato aggiunto un turno di ripescaggio. Gli atleti che non si qualificano nei turni preliminari avranno una seconda possibilità di qualificarsi per le semifinali partecipando alle batterie di ripescaggio.

 

Nella pallavolo i gironi saranno tre con quattro squadre (in precedenza due gironi da sei). Nel sollevamento pesi il numero delle classi di peso è stato ridotto da 14 a 10.

Lando Norris in pole al Gran Premio d’Ungheria

AGI - Il britannico Lando Norris (McLaren), con il tempo di 1'15"227 ha conquistato la pole position nel Gp di Ungheria. Secondo posto per l'altra McLaren, quella di Oscar Piastri, a 22 millesimi. Terzo il campione del mondo, Max Verstappen a 46 millesimi. Quarto posto per Carlos Sainz (Ferrari (+0"469), quinto Lewis Hamilton (Mercedes, +0"627), sesto Charles Leclerc (Ferrari, +0"678). Settimo posto per Fernando Alonso (Aston Martin, +0"816), ottavo il compagno di scuderia Lance Stroll (+1"017), quindi le RB completano la top ten con Daniel Ricciardo (+1"220) e Yuki Tsunoda (+1"250). 

L’Italia è seconda in Europa per crescita di nuovi occupati

AGI - Dopo il calo subito tra il 2019 e il 2020 (al 71,5%), nell'Unione europea il tasso di occupazione delle persone tra i 20 e i 64 anni è cresciuto nei successivi tre anni, raggiungendo il 75,3% nel 2023. L'Italia è il secondo paese dell'Ue in cui la crescita annuale è stata più elevata (+1,5 punti percentuali), preceduta solo da Malta (+1,6). E' quanto emerge dai dati Eurostat contenuti nell'edizione del 2024 dei "Key Indicators on Europe". Sempre i dati Eurostat rilevano che sono sette i Paesi Ue dove gli occupati nel 2023 ammontavano ad almeno l'80% delle persone in età da lavoro, con il tasso più alto registrato nei Paesi Bassi (83,5%), in Svezia (82,6%) e in Estonia (82,1%). Più in basso l'Italia con il 66,3%. 

 

Nel 2023 le persone a rischio povertà o esclusione sociale nell'Ue sono state 94,6 milioni, pari al 21,4% della popolazione dell'Unione. In Italia la percentuale ammonta al 22,8%, in calo di due punti rispetto al 2022 ma al di sopra della media Ue. È quanto emerge dai dati diffusi dall'Eurostat. In calo in Italia anche la percentuale di minori a rischio di povertà ed esclusione sociale, al 27,1% nel 2023 dal 28,5% del 2022. Ma il dato rimane comunque al di sopra della media Ue del 24,8% (rimasta sostanzialmente stabile dal 2022, con un lieve aumento dello 0,1%).

Berrettini batte Tsitsipas ed è in finale allo Swiss Open

AGI - Matteo Berrettini è in finale allo "Swiss Open", torneo Atp 250 in scena sui campi in terra battuta della Roy Emerson Arena di Gstaad, dotato di un montepremi complessivo pari a 579.320 euro. Il tennista capitolino, sesta testa di serie del seeding e numero 82 del mondo, che proprio a Gstaad nel 2018 ha vinto il suo primo titolo Atp, ha sconfitto il greco Stefanos Tsitsipas, primo favorito del seeding, per 7-6(8) 7-5 dopo un'ora e 41 minuti di gioco. Sulla strada di Berrettini c'è ora il francese Quentin Halys, 27 anni, n.192 del mondo e proveniente dalle qualificazioni. Tra il romano e il suo avversario di domani c'è un solo precedente risalente a nove anni fa quando vinse il francese 6-3 7-6 negli ottavi di finale dell'Italy F29. 

 

"Ero concentrato e sapevo che ogni break poteva essere decisivo. È stato un mix di emozioni che ha portato al tie break del primo set. Io ho giocato il mio miglior tennis al momento decisivo", spiega Berrettini al termine del match vinto con Tsitsipas. Adesso in finale ritroverà dopo tanti anni Halys che, a differenza del romano, non è mai esploso malgrado promettesse bene. "Sarà una gara difficile - dice Berrettini - ci siamo incontrati in un torneo in Toscana nove anni fa ed era una situazione diversa", ammette il campione italiano che sta ritrovando la migliore condizione dopo essere stato fermo a lungo e aver perso molte posizioni in classifica, crollando dal n.6 al n.82 attuale.

Boeing punta al lancio del gigante 777X nel 2025

AGI - In una mastodontica fabbrica che un manager Boeing definisce la più grande "del pianeta" per volume, la compagnia aerea sta assemblando il più grande aereo bimotore del mondo: il 777X. L'impianto dell'area di Seattle è pieno di molti dei colossi volanti in varie fasi della produzione, con le montagne innevate dello stato di Washington che fanno capolino da dietro la porta aperta di un hangar. Lo stabilimento Boeing di Everett avrà il compito di assemblare tre versioni del jet: l'aereo cargo 777-200, che si basa su un modello 777 già in servizio; il 777-9 di nuova generazione, ancora in fase di certificazione; e il 777-8, un altro nuovo modello leggermente più piccolo del 777-9.

La compagnia è stata sottoposta a una pesante revisione dopo un incidente quasi catastrofico di gennaio su un aereo 737 MAX operato da Alaska Airlines, che ha visto una spina della porta saltare durante il volo. Diversi altri incidenti di alto profilo che hanno coinvolto i suoi aeromobili - anche se nessuno sui 777 - hanno aumentato la pressione sul produttore, con la società che ha annunciato misure per migliorare la sicurezza e il controllo di qualità in risposta.

 

I funzionari dell'azienda insistono sul fatto che le prospettive a lungo termine di Boeing rimangono brillanti, in parte grazie al nuovo 777X. Il 777 - un punto fermo dell'aviazione commerciale a lungo raggio - è "l'aereo a doppio corridoio di maggior successo di tutti i tempi", ha detto ai giornalisti Brad Till, amministratore delegato di Boeing, durante un tour della fabbrica tenutosi alla fine del mese scorso.

Boeing ha ricevuto più di 2.250 ordini per i modelli 777 da quando la famiglia di aerei è stata lanciata 30 anni fa, e i 777 hanno trasportato circa 3,9 miliardi di passeggeri su 15,9 milioni di voli. Boeing ha presentato l'incarnazione più recente del jet, il 777X nel 2013. Le consegne erano originariamente previste per il 2020, ma l'azienda ha incontrato ostacoli durante il processo di certificazione, con gli ordini che dovrebbero essere evasi a partire dal 2025.

Il mega aereo avrà la cabina più spaziosa del 777X rispetto al suo predecessore, il 777-300 ER, grazie a una fusoliera più sottile. Le caratteristiche includono vani bagagli più spaziosi e un sofisticato aggiornamento dell'illuminazione a LED per i voli più lunghi che imiterà la luce a destinazione di un aereo nel tentativo di contrastare il jet lag, secondo Till.

I motori del jet hanno meno pale, riducendo il rumore, mentre l'efficienza superiore dell'aereo richiede meno carburante, ha detto Till. "Le emissioni di anidride carbonica sono dal 20 al 30% in meno" rispetto all'A350, l'aereo a doppio corridoio prodotto dalla rivale Airbus, ha detto Till. 

 

Spiagge italiane nel caos, i balneari scrivono al governo

AGI - I gestori balneari - in particolare la Base Balneare con Donnedamare e Assobalneari Italia aderente a Federturismo Confindustria - hanno inviato una lettera alla Presidente del Consiglio Meloni, richiedendo la convocazione di una riunione di urgenza per arrivare a una risoluzione della situazione di forte incertezza che colpisce il settore del turismo balneare.

La richiesta, redatta e firmata insieme ad altre 5 associazioni a tutela della categoria, arriva all'indomani della sentenza della Corte di Giustizia UE che ha dichiarato legittimi gli espropri balneari al termine delle concessioni e che lascerebbe in ginocchio un comparto che oggi conta oltre 30.000 imprese.

"L'incertezza che caratterizza il settore balneare è ormai sfociata in un vero e proprio caos, che in mancanza di una normativa si ripercuote in continui atti da parte del potere giudiziario, che erroneamente legittimano categorie a noi ostili a compiere gesti di forza e occupazione degli spazi in cui sorgono le nostre attività imprenditoriali. Facciamo appello al governo affinché venga dato seguito all'impegno già preso e si tuteli il valore di migliaia di imprese che, con il loro costante operato, da sempre concorrono alla crescita dell'economia nazionale e a consolidare la reputazione internazionale del nostro Paese." hanno commentato i Presidenti di La Base Balneare con Donnedamare e Assobalneari Italia aderente a Federturismo Confindustria.

 

Grazie agli importanti investimenti realizzati negli anni, l'intera categoria, si legge nella nota, che dà lavoro a oltre 300.000 persone, ha trasformato i litorali italiani in una delle mete più ambite per il turismo di tutto il mondo, contribuendo a dare vita a un'eccellenza a livello internazionale che oggi rappresenta uno dei principali motori per la creazione del Pil e del turismo di qualità in Italia.

A testimonianza del valore generato dal settore, secondo un'anticipazione di uno studio condotto e coordinato dal Professor Daniele Marini dell'Università di Padova, per ogni euro speso in uno stabilimento balneare si genera un valore di 2,46 euro in Italia. "Risulta dunque fondamentale che si arrivi a una ferma presa di posizione nei confronti della Commissione Europea, anche in considerazione dell'ultima sentenza della CGUE che non potrà che avere riflessi negativi sulla qualità oggi garantita dal settore, causando pesanti ricadute negative sull'economia nazionale".

 

Pier Silvio Berlusconi: “La politica è nel mio dna”. Ma non è nei programmi

AGI - "Il fascino della politica in termini di adrenalina, avventura, spinta, rapporto con la gente io lo sento, fa parte del Dna di mio padre, di un qualcosa che io, ahimè, sento di avere". Lo ha detto, a margine della presentazione dei palinsesti Mediaset, l'amministratore delegato di Mfe, Pier Silvio Berlusconi. "Parlare con le persone - ha aggiunto - è stato il mio mestiere per più di 30 anni perché la tv questo fa. Ma un conto è fare le elezioni con la grande avventura elettorale, un conto è il sacrificio della vita politica di tutti i giorni" senza tralasciare "il conflitto di interessi: come lo metti? Vendi tutto? Mollare tutto in mano a qualcuno non è un tema leggero".

L'Ad di Mfe ha quindi smentito l'indiscrezione di aver commissionato sondaggi per testare la sua popolarità: "Né io e neppure Mediaset abbiamo commissionato sondaggi su di me e sulla politica. È una balla" ha detto aggiungendo di recarsi spesso "a Roma perché lì c'è una grossa parte della nostra attività produttiva" e in quelle occasioni "certamente incontro anche imprenditori, ma nulla c'entra con la politica". In ogni caso, durante la serata per la presentazione dei prossimi palinsesti autunnali di Mediaset, l'Ad del gruppo ha toccato alcuni temi prettamente politici.

Commentando le elezioni in Francia ha osservato che "meno male che in Italia c'è un governo ed è stabile", un aspetto che "fa bene a tutti, ai cittadini e agli imprenditori". Sul tema dei diritti civili, recentemente commentati dalla sorella Marina, Pier Silvio Berlusconi ha osservato che "Marina ha espresso una sua opinione personale e da editore; è libera di farlo". "La difesa dei diritti civili è nel Dna che ci ha tramandato nostro padre", si tratta di "una battaglia di civiltà che non smette mai: i diritti civili non sono di destra o di sinistra, sono battaglie che vanno portate avanti", ma "dire che sono comunista è valido quanto dire che sono interista", ha concluso in tono scherzoso. 

Faro dell’Antitrust su Armani e Dior, avrebbero presentato dichiarazioni etiche non veritiere  

AGI - L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, anche a seguito dell'attività svolta dalla Procura e dal Tribunale di Milano, ha avviato un'istruttoria nei confronti di alcune società del Gruppo Armani (Giorgio Armani S.p.A. e G.A. Operations S.p.A.) e un'istruttoria nei confronti di alcune società del Gruppo Dior (Christian Dior Couture S.A., Christian Dior Italia S.r.l. e Manufactures Dior S.r.l.) per possibili condotte illecite nella promozione e nella vendita di articoli e di accessori di abbigliamento, in violazione delle norme del Codice del Consumo. Lo comunica l'Autorità in una nota spiegando che "in entrambi i casi, le società potrebbero avere presentato dichiarazioni etiche e di responsabilità sociale non veritiere, in particolare riguardo alle condizioni di lavoro e al rispetto della legalità presso i loro fornitori".

 

Secondo l'Antitrust, le società avrebbero enfatizzato l'artigianalità e l'eccellenza delle lavorazioni. A fronte di tali dichiarazioni, per realizzare alcuni articoli e accessori di abbigliamento, le società si sarebbero avvalse di forniture provenienti da laboratori e da opifici che impiegano lavoratori che riceverebbero salari inadeguati. Inoltre opererebbero in orari di lavoro oltre i limiti di legge e in condizioni sanitarie e di sicurezza insufficienti, in contrasto con i livelli di eccellenza della produzione vantati dalle società. Ieri i funzionari dell'Autorità, con l'ausilio del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, hanno svolto ispezioni presso le sedi delle società Giorgio Armani e G.A. Operations e anche presso la sede della società Christian Dior Italia.

Fisco, via al concordato preventivo per imprenditori e professionisti forfettari

AGI - Imprenditori e professionisti forfetari adesso possono conoscere la proposta di Concordato preventivo ed eventualmente accettarla entro il termine di presentazione del modello Redditi 2024 (15 ottobre 2024). Per questi contribuenti è ora possibile compilare il quadro LM del modello direttamente tramite il servizio "RedditiOnline" oppure tramite l'applicativo della dichiarazione precompilata per definire il proprio reddito 2024 e valutare se aderire all'istituto, introdotto al fine di favorire l'adempimento spontaneo agli obblighi dichiarativi.

Per i contribuenti in regime forfetario, l'adesione alla proposta permette di pianificare la propria tassazione per un anno. I contribuenti Isa, invece, hanno a disposizione dallo scorso 15 giugno sul sito dell'Agenzia il software "Il tuo ISA 2024 CPB" per calcolare il proprio indice sintetico di affidabilità (Isa) e accedere alla proposta di Concordato preventivo biennale (Cpb).

Possono ora aderire alla proposta di Concordato del Fisco anche le persone fisiche che esercitano attività d'impresa, arti o professioni e applicano il regime forfetario. Condizione per l'adesione è non avere debiti tributari riferiti al periodo d'imposta precedente a quello cui si riferisce la proposta o aver estinto, prima della scadenza del termine per aderire, quelli di importo pari o superiore a 5mila euro (compresi interessi e sanzioni). I contribuenti che optano per il nuovo istituto non possono - entro soglie definite - essere soggetti ad accertamenti sui redditi concordati.

I contribuenti forfetari interessati possono calcolare la propria proposta di Concordato compilando i campi presenti nel quadroLM del modelloRedditi 2024 (anno d'imposta 2023) tramite il servizioRedditiOnline oppure tramite l'applicativo della dichiarazione precompilata. La proposta di concordato dovrà eventualmente essere accettata entro il termine di presentazione del modello, fissato al 15 ottobre 2024.

L'adesione vincola il contribuente a dichiarare il reddito concordato - per un anno in via sperimentale per i soggetti forfetari - a prescindere dagli importi effettivamente conseguiti, mentre non ha alcun effetto ai fini Iva. Imprenditori e professionisti che applicano gli Isa possono aderire al concordato dallo scorso 15 giugno tramite il software "Il tuo ISA 2024 CPB" che permette di calcolare il proprio indice sintetico di affidabilità e di concordare il reddito di lavoro autonomo o di impresa e la base imponibile Irap per gli anni 2024 e 2025. 

I valori di Borsa italiana e spread oggi 5 dicembre 2023

Dopo l’avvio di settimana incerto, c’è grande attesa per le Borse europee e per lo spread tra Btp e Bund tedeschi. Nella giornata di ieri, lunedì 4 dicembre 2023, i listini del Vecchio Continente hanno chiuso in ordine sparso. A Piazza Affari il Ftse Mib ha concluso la seduta a 29.914 punti. Il differenziale a 176,6 punti.

Powered by WordPress and MasterTemplate