Category Archives: news informazioni

Possibili rallentamenti nell’erogazione dei servizi

Ieri, a causa di un guasto imprevisto, i servizi non sono stati disponibili.

Il problema è stato risolto ma potrebbero verificarsi eventuali rallentamenti anche nella giornata di oggi.

L’INPS si scusa per il disagio.

Scopri le evoluzioni del portale

In tre mesi circa 90 milioni di visite, 350 milioni di pagine visitate e 56mila suggerimenti ricevuti tramite lo strumento “Aiutaci a migliorare questa pagina”.

Dall’analisi quotidiana dei feedback sono emersi interessanti spunti di riflessione per la messa a punto e le evoluzioni del portale dell’Istituto.

Ogni vostra indicazione è stata studiata, approfondita e categorizzata per delineare le aree di intervento utili a rendere il portale più vicino alle vostre richieste.

La nuova versione del portale migliora l’esperienza d’uso di azioni chiave, come ad esempio l’accesso al servizio, per agevolare la navigazione e offrire interazioni più immediate e intuitive.

Queste sono solo una parte delle novità introdotte per offrirvi un servizio migliore.
Ciò che pensate è importante. Continuate a inviarci suggerimenti online e sui profili social INPS.
Proseguiremo ad ascoltarli e a integrarli nelle future evoluzioni per costruire un portale sempre più vicino a voi.

Per scoprire i cambiamenti del portale potete consultare la mini guida (pdf 4,3Mb).

Contributi asilo nido e supporto domiciliare

Nell’ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie è stato predisposto un contributo economico a sostegno della genitorialità, i cui dettagli esplicativi e disposizioni operative sono stati pubblicati nella circolare INPS 22 maggio 2017, n.88.

Il premio, fino a un importo massimo di 1000 euro su base annua e parametrato a 11 mensilità, può essere corrisposto per far fronte a due distinte situazioni:

  • a beneficio di bambini nati o adottati/affidati dal 1° gennaio 2016 per contribuire al pagamento delle rette relative alla loro frequenza in asili nido pubblici e privati autorizzati (cosiddetto bonus asilo nido);
  • in favore dei bambini al di sotto dei tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari (contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione).

Nella circolare, oltre alla disciplina di dettaglio concernente l’accesso all’incentivo economico, sono disposte le procedure di presentazione delle domande. Queste dovranno essere presentate, a partire dal 17 luglio 2017 e fino al 31 dicembre 2017, online all’INPS attraverso il servizio dedicato che verrà pubblicato a breve.

In alternativa, si potrà fare domanda tramite:

  • Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • enti di patronato e intermediari dell'Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Pubblicato l’avviso per Master universitari “Executive” 2017/2018

Pubblicato l’avviso per la ricerca e selezione di Master universitari “Executive” di I e II livello per l’anno accademico 2017/2018, riservati ai dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

I soggetti proponenti (Atenei statali e non statali, consorzi universitari e interuniversitari, fondazioni universitarie) dovranno candidarsi per accreditare Master con specifiche tematiche e conformi ad alcuni requisiti didattico-organizzativi.

Le istanze di convenzionamento dovranno essere formalizzate utilizzando l’apposito modello e inviate debitamente sottoscritte dal legale rappresentante del soggetto proponente tramite PEC alla Direzione regionale o Direzione metropolitana di coordinamento INPS territorialmente competente.

Le domande dovranno pervenire entro le 12 del 27 Settembre 2017.

Quadro riepilogativo della normativa delle prestazioni antitubercolari

La circolare INPS 13 luglio 2017, n. 112 fornisce chiarimenti in merito alla normativa sulle prestazioni  antitubercolari.

 

Il diritto alle indennità antitubercolari sorge al verificarsi del rischio medico legale e cessa nel caso di abbandono volontario delle cure senza giustificato motivo.

 

Hanno diritto alla tutela previdenziale per le indennità antitubercolari i lavoratori subordinati del settore privato, i pensionati e titolari di rendita e alcune categorie di dipendenti pubblici.

 

Per poter beneficiare delle prestazioni erogate dall’Istituto connesse con la patologia tubercolare il requisito contributivo si intende soddisfatto qualora siano presenti versamenti di contribuzione all’assicurazione IVS contro l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti. L’esistenza del requisito medesimo dovrà essere accertata con riferimento alla data iniziale dell’evento.

 

Con le circolari INPS 27 marzo 2012, n. 45 e 8 agosto 2016, n. 147 sono state fornite le modalità di presentazione delle domande di assistenza per cure tubercolari e di trasmissione online dei certificati da parte dei medici.

 

Con un messaggio operativo di prossima pubblicazione saranno fornite le opportune istruzioni amministrative e le indicazioni procedurali alle strutture territoriali competenti alla trattazione delle pratiche.

Lavoratori in aspettativa per cariche pubbliche: modello F24 ELIDE

È stata pubblicata la circolare INPS 13 luglio 2017, n. 113 che dispone l’utilizzo del modello F24 ELIDE per il pagamento dei contributi previdenziali per tutti i lavoratori privati in aspettativa per cariche pubbliche elettive, compresi gli iscritti a fondi o gestioni speciali.

Con la causale sarà possibile precisare la gestione previdenziale di riferimento del lavoratore (Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti FPLD o fondo speciale).

Con la valorizzazione del codice fiscale del lavoratore a cui il pagamento è riferito, la sede INPS deputata all’accredito della contribuzione potrà avere immediata evidenza del corretto adempimento individuale, anche se contenuto in un F24 ELIDE utilizzato per adempimento cumulativo.

L’adozione del nuovo modello sarà obbligatoria da ottobre 2017, con riferimento alla competenza 2016 ed escluderà la compilazione del flusso UNIEMENS.

La circolare fornisce le istruzioni di compilazione, quelle contabili e illustra le modalità di:

  • adempimento a cura del lavoratore nominato o eletto o dei suoi eredi;
  • accredito in estratto conto;

consultazione archivi pagamenti.

Gestione Dipendenti Pubblici: personale collocato in disponibilità

Il “collocamento in disponibilità” dei dipendenti pubblici in esubero è disciplinato dagli articoli 33, 34 e 34-bis, decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Con la circolare 13 luglio 2017, n. 114 si forniscono chiarimenti in ordine al versamento degli oneri sociali corrisposti dalle amministrazioni pubbliche all'INPS durante il periodo in cui il dipendente è collocato in disponibilità.

L’amministrazione colloca in disponibilità il personale che non sia possibile impiegare diversamente nell'ambito della stessa amministrazione .

Durante il periodo in cui il lavoratore è collocato in disponibilità l’amministrazione pubblica è tenuta a corrispondere un’indennità pari all'80% dello stipendio e dell'indennità integrativa speciale nonché l'assegno per il nucleo familiare, con esclusione di qualsiasi altro emolumento retributivo comunque denominato, per la durata di 24 mesi.

In caso di trasferimento cessano gli obblighi contributivi a carico dell’amministrazione di provenienza e il lavoratore è iscritto alle gestioni di riferimento dell’amministrazione di destinazione.

Il lavoratore trasferito presso un’altra amministrazione pubblica, che non è più iscritto a una delle gestione pubbliche, può aderire al Fondo Credito entro 30 giorni dalla data del trasferimento, inviando alla struttura INPS di riferimento il relativo modulo di adesione.

Il periodo in cui il lavoratore è stato collocato in disponibilità risulta utile ai fini della liquidazione del TFS/TFR.

Disciplina del lavoro occasionale per il settore agricolo

Con la circolare INPS 5 luglio 2017, n. 107 l’istituto ha accolto la regolamentazione delle prestazioni di lavoro occasionale disciplinate e introdotte dalla legge di conversione 21 Giugno 2017, n. 96.

Nel messaggio 12 luglio 2017, n. 2887 sono contenute le istruzioni per la determinazione del compenso delle prestazioni di lavoro occasionale nel settore agricolo in relazione alle aree professionali di appartenenza, per integrare e rivalutare la misura minima della retribuzione oraria da assumere.

Per favorire la corretta applicazione della disciplina, si ricorda inoltre, che la misura del compenso minimo giornaliero si applica alle prestazioni di durata non superiore a quattro ore giornaliere e si fa presente che:

  • i lavoratori assunti con contratto di apprendistato non vanno conteggiati nella misura della forza aziendale a tempo indeterminato;
  • ai fini del computo della forza aziendale mensile, dopo la determinazione del numero complessivo dei lavoratori occupati, si dovrà tenere in considerazione, per i lavoratori a tempo parziale, la durata contrattuale della prestazione lavorativa, il risultato va arrotondato per eccesso nel caso in cui il valore del primo decimale sia superiore a 0,5 e per difetto in caso contrario;
  • la media semestrale dei dipendenti a tempo indeterminato riferita al periodo che va dall’ottavo al terzo mese antecedente la data di svolgimento della prestazione lavorativa, va calcolata sulla base del dato effettivo, senza operare alcun arrotondamento.

Convenzione tra INPS e CONFUNISCO: riscossione contributi associativi

Il 31 maggio 2017 è stata stipulata una convenzione tra l’INPS e la Confederazione e Unione di Sindacati Autonomi (CONFUNISCO) per la riscossione dei contributi associativi degli imprenditori agricoli e dei coltivatori diretti (circolare INPS 11 luglio 2017, n. 110) e delle aziende assuntrici di manodopera, dei piccoli coloni e compartecipanti familiari (circolare INPS 11 luglio 2017, n. 111).

Le circolari illustrano i punti salienti della convenzione e in particolare:

  • la modalità di riscossione del contributo;
  • la gestione delle deleghe alla riscossione della quota associativa;
  • la revoca della delega alla riscossione della quota associativa;
  • i costi per il servizio di riscossione dei contributi associativi;
  • la clausola di salvaguardia per l’Istituto;
  • le disposizioni in materia di protezione dei dati personali;
  • la durata e il recesso;
  • le istruzioni contabili e la variazione al piano dei conti.

Pubblicate le FAQ sull’Ape Sociale

Sono pubblicate le FAQ (pdf 719KB) relative all’Ape Sociale che si riferiscono a quesiti di carattere generale quali:

  • mantenimento della residenza in Italia;
  • requisito contributivo nell’ipotesi di pluralità di gestioni assicurative e contributive;
  • decorrenza della prestazione;
  • cessazione, annullamento, revoca del beneficio;
  • cause di incompatibilità;
  • caratteristiche per condizioni soggettive (assistenza a soggetto con handicap grave, stato di disoccupazione).

Le FAQ contengono inoltre quesiti relativi alla presentazione, all’istruttoria e al monitoraggio delle domande.

Pensione anticipata lavoratori precoci e APE Sociale. Precisazioni

La legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017) ha introdotto alcune novità in merito al beneficio del pensionamento anticipato. Ha, inoltre, ridotto il requisito contributivo per i lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del compimento dei 19 anni (beneficio per i lavoratori precoci) e ha istituito, in via sperimentale, l’APE Sociale, volta a sostenere economicamente alcune categorie destinatarie di specifiche tutele fino all’accesso alla pensione vera e propria.

Con il messaggio 11 luglio 2017, n. 2884 l’INPS fornisce alcuni chiarimenti alle istruzioni operative per accedere a entrambi i benefici, pubblicate nella circolare INPS 16 giugno 2017,  n.99 e circolare INPS 16 giugno 2017, n. 100.

Nello specifico vengono forniti:

  • i criteri di valutazione dello stato di disoccupazione;
  • la possibilità di integrare le domande in un secondo tempo, inserendo documenti richiesti dalla normativa senza, per questo, modificare il numero di protocollo, la data e l’ora di ricezione rilasciati al momento dell’invio;
  • indicazioni operative alla categoria degli operai dell’edilizia per far fronte all’irreperibilità del datore di lavoro, che determina l’impossibilità a presentare alcuni documenti necessari per accedere al beneficio per i lavoratori precoci.

Esonero contributivo assunzioni scuola lavoro o apprendistato duale

La circolare INPS 10 luglio 2017, n. 109 chiarisce le modalità di accesso all’esonero contributivo previsto per le assunzioni a tempo indeterminato di giovani effettuate nel corso del 2017 e 2018 (art. 1, commi 308 e seguenti, legge 11 dicembre 2016, n. 232).

L’agevolazione spetta ai datori di lavoro che assumono, entro sei mesi dal conseguimento del titolo di studio, giovani che hanno svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro, se soddisfatti determinati requisiti.

L’incentivo si applica anche alle assunzioni a tempo indeterminato, effettuate entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio, di giovani che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

L’incentivo è pari al totale dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite massimo di 3.250 euro annui. La durata del beneficio è pari a 36 mesi a partire dalla data di assunzione o trasformazione del rapporto.

Per presentare la domanda il datore di lavoro dovrà compilare il modulo online “308-2016” disponibile, a partire dall’11 luglio 2017, all’interno della piattaforma DiResCo - Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente.

Bonus asilo nido: dalle 10 del 17 luglio sarà attivo il servizio

Dalle 10 di lunedì 17 luglio 2017 sarà attivo il servizio online per richiedere il bonus asilo nido.

Il contributo, fino a un importo massimo di 1.000 euro su base annua, può essere corrisposto, previa presentazione della domanda da parte del genitore, per far fronte a due distinte situazioni:

  • a beneficio di bambini nati o adottati/affidati dal 1° gennaio 2016 per contribuire al pagamento delle rette relative alla loro frequenza in asili nido pubblici e privati autorizzati (cosiddetto bonus asilo nido);
  • in favore dei bambini al di sotto dei tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari (contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione).

È online il servizio per le prestazioni di lavoro occasionale

Dal 10 luglio 2017 è online il servizio per richiedere le prestazioni di lavoro occasionale.

Gli utilizzatori, ovvero i datori di lavoro possono richiedere prestazioni di lavoro occasionali da parte dei prestatori, ovvero i lavoratori, secondo due diversi canali di accesso:

I due strumenti si differenziano essenzialmente in base ai datori di lavoro, alle modalità e ai tempi di comunicazione della prestazione, all’oggetto della prestazione e al suo valore economico.

I passaggi da compiere tramite il servizio online sono i seguenti:

  • registrazione del datore di lavoro e del lavoratore;
  • indicazione da parte del lavoratore della modalità con cui intende essere retribuito;
  • inserimento in procedura da parte del lavoratore della comunicazione di lavoro occasionale;
  • pagamento diretto del lavoratore da parte dell’INPS entro il 15 del mese successivo alla prestazione.

Servizio civile universale e riscatto ai fini pensionistici

Il decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40 detta norme per la revisione della disciplina in materia di servizio civile nazionale e istituisce il servizio civile universale.

Il servizio civile universale è finalizzato, come previsto dalla Costituzione, alla difesa non armata e non violenta della patria, all’educazione, alla pace tra i popoli, nonché alla promozione dei valori fondativi della Repubblica.

Possono svolgere il servizio civile universale, su base volontaria e a seguito di bandi pubblici di selezione, senza distinzione di sesso, i cittadini italiani, i cittadini di paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia che, alla data di presentazione della domanda, abbiano tra i 18 e i 28 anni.

Il servizio può svolgersi in Italia e all’estero e ha una durata che varia tra gli 8 e i 12 mesi.

La circolare INPS 6 luglio 2017, n. 108 fornisce le indicazioni di carattere generale relative alla disciplina del rapporto di servizio civile universale, con particolare riferimento al riscatto dei corrispondenti periodi ai fini pensionistici e le modalità di presentazione della relativa domanda.

Evasione obblighi contributivi chiarimenti sul regime sanzionatorio

La circolare INPS 5 luglio 2017, n. 106 fornisce dettagli in materia di regime sanzionatorio per l’inadempimento degli obblighi contributivi, di cui all’art. 116, co. 8, lettera b), legge 23 dicembre 2000, n. 388.

 

Le informazioni riguardano le ipotesi di evasione, definite come registrazioni o denunce obbligatorie omesse e non conformi al vero. Nello specifico sono esplicitati gli elementi oggettivi di occultamento e gli elementi psicologici che configurano la mancata e/o infedele denuncia in termini di evasione. 

Infine, è introdotta la forma di ravvedimento operoso con cui è possibile effettuare denunce spontanee di situazioni debitorie evitando che esse si traducano in situazioni soggette a misure sanzionatorie.

Aggiornamenti sulle modalità di compilazione e invio ListaPosPA

Con il messaggio 5 luglio 2017, n. 2791 si comunica che, al fine di semplificare il processo di compilazione e invio della denuncia UNIEMENS- ListaPosPA, è stata realizzata una specifica tipologia di comunicazione detta a “Variazione”, da utilizzare nei casi di sostituzione di denunce pregresse precedentemente trasmesse.

In questa maniera sarà possibile comunicare rettifiche alle denunce di periodi pregressi, sottraendosi alle tempistiche dettate dall’invio del flusso “Ordinario”, e quindi tali elementi, in assenza di errori bloccanti, potranno alimentare da subito sia l’”Estratto Conto Amministrazione” che il “Conto Assicurativo” del lavoratore.

La trasmissione del flusso a “Variazione”, sia in modalità autonoma che manuale, sarà consentita a decorrere dal 31 luglio 2017.

Le prestazioni di lavoro occasionale

La circolare INPS 5 luglio 2017, n. 107 chiarisce i dettagli in materia di lavoro occasionale (legge 21 giugno 2017, n. 96) che può essere svolto tramite due modalità: il libretto famiglia e il contratto di prestazioni occasionali.

Nello specifico definisce le figure del datore di lavoro e del lavoratore con i termini, rispettivamente, di “utilizzatore” e “prestatore” e le loro caratteristiche, le soglie di utilizzo ed economiche a cui entrambe le parti devono attenersi e i diritti garantiti al prestatore (quali i riposi, l’assicurazione per l’invalidità, vecchiaia e superstiti, con iscrizione alla Gestione Separata, e l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e malattie professionali).

Inoltre sono indicate le procedure di registrazione e gestione delle prestazioni.
Prima dell’avvio di una prestazione occasionale, sia il prestatore che l’utilizzatore devono registrarsi al servizio online presto disponibile.

Tramite lo stesso servizio sarà possibile gestire ogni aspetto del contratto. L’utilizzatore potrà monitorare le segnalazioni dell’inizio dell’attività ed eventuali rettifiche o annullamenti. Il prestatore gestirà la propria anagrafica e i dati bancari per l’accredito del compenso che avverrà entro il 15 del mese successivo a quello di svolgimento della prestazione, a cura dell’Istituto.

Da ultimo, sono indicati i provvedimenti sanzionatori nei casi di irregolarità e inadempienze.

L’INPS, inoltre, conferma che continuerà a emettere i voucher baby sitting  fino al 31 dicembre 2017.

Da gennaio 2018 il contributo Bonus baby sitting sarà erogato secondo le modalità previste per il libretto famiglia, sulla base delle istruzioni che saranno appositamente emanate.

Ricorsi contro il disconoscimento del rapporto di lavoro: chiarimenti

Con il messaggio 5 luglio 2017, n. 2799 si forniscono chiarimenti in ordine all’individuazione dell’organo competente a decidere i ricorsi contro il provvedimento di disconoscimento del rapporto di lavoro adottato nei confronti del lavoratore da parte degli uffici amministrativi dell’Istituto in seguito alle attività di verifica amministrativa o successivamente di accertamento ispettivo.

L’istanza di ricorso può essere presentata:

  • direttamente dall’interessato attraverso il servizio online  dedicato;
  • oppure tramite avvocati, enti di patronato e altri soggetti abilitati all’intermediazione con l’Istituto ai sensi della legge 11 gennaio 1979, n. 12 per gli ambiti di propria competenza, tramite i servizi online a loro disposizione.

Sospensione dei servizi Gestione Dipendenti Pubblici (GDP)

INPS informa che il 9 luglio 2017 dalle 9,30 alle 13,30 circa, a seguito dell’attività di manutenzione e innovazione dei servizi “Prestiti agli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali” e “Riscossione crediti agli iscritti”, sarà sospeso l’accesso per gli utenti della Gestione Dipendenti Pubblici (GDP).

L’INPS si scusa per il disagio.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo