Monthly Archives: Settembre 2019

Master e corsi universitari di perfezionamento 2019-20: il bando

È stato pubblicato il bando di concorso “Master universitari di I e II livello e corsi universitari di perfezionamento 2019-2020”. Il bando è rivolto ai figli e orfani degli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici e iscritti alla Gestione Magistrale.

La domanda deve essere trasmessa dal beneficiario dalle 12 del 3 ottobrealle 12 del 30 ottobre 2019.

Borse di studio Supermedia 2018-2019: pubblicato il bando

Pubblicato il bando di concorso Supermedia, relativo all’anno scolastico 2018-2019, per l’erogazione di borse di studio destinate agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

Il bando è rivolto ai figli o orfani ed equiparati degli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, degli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale, dei dipendenti del Gruppo Poste Italiane SpA e dei dipendenti ex IPOST.

La domanda può essere inviata a decorrere dalle 12 del 4 ottobre, entro le 12 del 25 ottobre 2019.

Magistrati onorari: iscrizione e contributi alla Gestione Separata

Con la circolare INPS 25 settembre 2019, n. 128, l'Istituto illustra le novità normative conseguenti all'entrata in vigore del decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116, che ha esteso la tutela previdenziale assistenziale obbligatoria ai magistrati onorari, prevedendo l’iscrizione dei giudici onorari di pace e dei vice procuratori onorari alla Gestione Separata.

Nella circolare vengono fornite le istruzioni relative al loro inquadramento contributivo nella Gestione Separata, in vigore dal 2017. Vengono indicate, inoltre, le modalità di determinazione del reddito imponibile e della relativa contribuzione dovuta, oggetto di calcolo nell’ambito della dichiarazione dei redditi per ciascun periodo d’imposta.

I magistrati onorari, per i quali è previsto l’obbligo di assicurazione alla Gestione Separata, devono iscriversi alla gestione stessa, inviando la domanda attraverso uno dei seguenti canali:

  • servizio online dedicato;
  • Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • intermediari dell’Istituto.

I termini di pagamento del contributo previdenziale coincidono con quelli previsti per il pagamento delle imposte fiscali e l’aliquota da applicare sul reddito prodotto è del 25,72% (di cui il 25% ai fini previdenziali per invalidità, vecchiaia e superstiti e lo 0,72% ai fini assistenziali per malattia, maternità, degenza ospedaliera).

NASpI: proroga versamento maggiorazione contributo addizionale

L’Istituto, con la circolare INPS 6 settembre 2019, n. 121, ha fornito le istruzioni operative relative alle modalità espositive dei lavoratori per i quali i datori di lavoro siano tenuti al versamento della maggiorazione del contributo addizionale NASpI, nei casi di rinnovo del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato. 

Con il messaggio 24 settembre 2019, n. 3447, l’INPS informa che il termine di esposizione di tale contribuzione, nel periodo compreso tra il 14 luglio 2018 e agosto 2019, è prorogato al mese di ottobre 2019

Pertanto, i datori di lavoro, nel flusso di competenza settembre o ottobre 2019, provvederanno a esporre per ogni singolo lavoratore i valori complessivi relativi a ognuno dei rinnovi intervenuti nel periodo indicato. 

Valore PA: pubblicato il nuovo avviso per i corsi di formazione 2019

È stato pubblicato l'Avviso Valore PA per la selezione e ricerca di corsi di formazione 2019, rivolti al personale dipendente delle pubbliche amministrazioni iscritto alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Dal 26 settembre al 15 ottobre 2019 i soggetti proponenti potranno presentare la proposta formativa attraverso gli operatori espressamente abilitati, utilizzando il servizio online dedicato.

Le amministrazioni proponenti dovranno richiedere l’abilitazione ai servizi telematici compilando il modello RA013 e inviandolo alla Direzione regionale/Direzione di coordinamento metropolitano di competenza.

Datori di lavoro: prescrizione contributo d’ingresso alla mobilità

Con il messaggio 11 gennaio 2017, n. 99, l’INPS ha disposto, ai sensi della legge 28 giugno 2012, n. 92, l’abrogazione del trattamento di indennità di mobilità ordinaria a partire dal 1° gennaio 2017.

La legge 92/2012 ha inoltre abrogato, a decorrere dalla stessa data, la possibilità di iscrizione nelle liste di mobilità e le disposizioni che prevedevano incentivi per l’assunzione dei lavoratori iscritti nelle liste di mobilità.

In conseguenza dell’abrogazione di questi trattamenti, dal 1° gennaio 2017 è cessato l’obbligo di versamento del contributo ordinario di mobilità e del contributo d’ingresso alla mobilità.

Tenuto conto dell’orientamento espresso dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione in tema di prescrizione del contributo dovuto dai datori di lavoro (articolo 5, comma 4, della legge 23 luglio 1991, n. 223), la circolare INPS  20 settembre 2019, n. 124 fornisce le istruzioni per la gestione del credito dell’Istituto.

Comunicazione di cessazione ai fini TFS: passaggio al nuovo sistema

Con il messaggio 20 settembre 2019, n. 3400, si comunica l’attivazione del sistema telematico per la comunicazione di cessazione TFS. L’applicazione potrà essere utilizzata dalle amministrazioni e dagli enti datori di lavoro dopo aver ottenuto l’abilitazione. Per richiedere l’abilitazione bisogna compilare il modulo RA012 e inviarlo, tramite PEC, alla struttura territoriale INPS competente.

L’accesso a “Ultimo Miglio TFS” è già possibile per tutti coloro che sono abilitati all’applicativo “Nuova PassWeb”.

La telematizzazione riguarda sia la modalità di acquisizione dei dati economici e giuridici, utili all’elaborazione del Trattamento di Fine Servizio che avviene tramite l’ultimo miglio TFS e la posizione assicurativa, sia attraverso l’invio della “Comunicazione di cessazione TFS”.

Ulteriori dettagli sono contenuti nel messaggio.

Agricoltura: avvisi bonari per autonomi e datori di lavoro

Con il messaggio 20 settembre 2019, n. 3398 l’INPS comunica l’inizio delle elaborazioni per l’emissione degli avvisi bonari per i datori di lavoro agricolo e gli autonomi in agricoltura.

Gli avvisi bonari saranno a disposizione del contribuente e del suo delegato nel Cassetto previdenziale per agricoltori autonomi (per i coltivatori diretti, i coloni e mezzadri e gli imprenditori agricoli professionali) e nel Cassetto previdenziale per aziende agricole.

In caso di mancato pagamento, l’importo dovuto verrà richiesto tramite avviso di addebito con valore di titolo esecutivo.

Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni (CIG): dati di agosto 2019

È stato pubblicato l’Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni con i dati di agosto 2019. Il numero di ore complessivamente autorizzate per trattamenti di integrazione salariale è stato pari a 6.411.039, in diminuzione del 42,3% rispetto allo stesso mese del 2018 (11.117.019).

Nel dettaglio, le ore autorizzate per gli interventi di:

  • Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) sono state 3.891.704, in diminuzione del 1,9% rispetto a agosto 2018;
  • Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) sono state 2.510.074, in diminuzione del 64,9% rispetto a agosto 2018;
  • Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD) sono state 9.261, in aumento del 19,6% rispetto a agosto 2018.

A luglio 2019 sono state presentate 293.711 domande di NASpI, 3.960 di DIS-COLL e 228 di mobilità, per un totale di 297.899domande, segnando un incremento del 6,4% rispetto a luglio 2018.

In allegato all’Osservatorio sulla Cassa Integrazione Guadagni è stato pubblicato il Focus settembre 2019  (pdf 857 Kb) con i dati di agosto.

Rappresentanza sindacale: l’INPS firma la Convenzione

Giovedì 19 settembre, a Roma, alla presenza di Nunzia Catalfo, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, è stata firmata la Convenzione per la misurazione della rappresentanza dei sindacati dei lavoratori nelle aziende del sistema Confindustria.

La Convenzione è stata firmata da Pasquale Tridico, Presidente INPS, Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria, Leonardo Alestra, Capo dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), e dai Segretari generali di CGIL, Maurizio Landini, CISL, Anna Maria Furlan, e UIL, Carmelo Barbagallo.

Con la Convenzione all’INPS viene affidata la rilevazione dei dati degli iscritti alle organizzazioni sindacali, il cosiddetto “dato associativo” (il rapporto fra lavoratori iscritti a ogni organizzazione e il totale degli iscritti al sindacato). In collaborazione con l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, all’Istituto viene inoltre affidata la raccolta di dati relativi alle rappresentanze nelle aziende, il cosiddetto “dato elettorale” (il rapporto fra lavoratori che, nelle elezioni delle rappresentanze sindacali aziendali, hanno votato la specifica organizzazione sindacale e il totale dei lavoratori che hanno preso parte al processo elettorale).

Sulla base del Testo Unico sulla rappresentanza, saranno considerati validi ai fini della contrattazione collettiva nazionale solo quei contratti sottoscritti da organizzazioni sindacali che rappresentino almeno il 50 per cento più uno della media del dato associativo e del dato elettorale. La stessa maggioranza sarà necessaria per la cosiddetta “consultazione certificata” dei lavoratori che saranno chiamati a esprimersi sugli stessi accordi. Garante del processo di certificazione sarà un comitato ad hoc, composto da esponenti delle organizzazioni sindacali e datoriali, presieduto da un rappresentante del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

Comunicato stampa (pdf 234KB)

Fotogallery

 

Pubblicato l’Osservatorio sul precariato con i dati di luglio 2019

Sono stati pubblicati i dati di luglio 2019 dell’Osservatorio sul precariato. Nei primi sette mesi del 2019, nel settore privato complessivamente le assunzioni sono state 4.488.304. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la crescita ha riguardato i contratti a tempo indeterminato, di apprendistato, stagionali e intermittenti. Sono invece in diminuzione i contratti a tempo determinato e quelli in somministrazione.

La dinamica dei flussi

Nel periodo gennaio-luglio si conferma, rispetto al 2018, l’incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, che passano da 278.873 a 439.123. In crescita risultano anche le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (+20,1%).

Le cessazioni sono state 3.497.020, in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2018: la riduzione ha riguardato le cessazioni di contratti in somministrazione e i rapporti a termine. In crescita sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente, stagionale, in apprendistato e a tempo indeterminato.

Il lavoro occasionale

I lavoratori impiegati con Contratto di Prestazione Occasionale (CPO) a luglio 2019 sono stati 19.414 (numero di poco inferiore rispetto allo stesso mese del 2018), con un importo lordo medio di 267 euro.

I lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF) sono stati 6.599 (pressoché uguali a luglio 2018), con un importo mensile lordo medio di 199 euro.

Sistemazione posizioni assicurative: prosecuzione attività INPS–MIUR

Nel mese di settembre il Progetto ECO dipendenti pubblici dell’INPS sta proseguendo con le attività di definizione delle domande di computo, riscatto, ricongiunzione e connesse sistemazioni dei conti individuali, sulla base dei fascicoli digitalizzati già messi a disposizione dall’AT MIUR Roma, a seguito dell’Accordo sperimentale del febbraio 2019, a partire dalle domande di prestazione dei nati nel 1953 (prossimi pensionandi di vecchiaia). A seguire saranno definite le domande giacenti dei nati tra il 1954 e il 1956.

Alle scuole romane, tramite l'ufficio scolastico provinciale, è stato chiesto di continuare a fornire i riscontri necessari, al fine di anticipare il più possibile le operazioni di sistemazione delle posizioni assicurative del personale scolastico.

È in corso di definizione il rinnovo dell'Accordo sperimentale, per mezzo del quale saranno trasmessi al Progetto ECO ulteriori 3.500 fascicoli digitalizzati con le relative domande di prestazione (circa 9mila).

 

Data center INPS: la previdenza italiana digitalizzata

Dal Bonus Bebè alle prestazioni pensionistiche, dalla malattia alla disoccupazione, dalla cassa integrazione al Reddito di Cittadinanza, ogni anno l'INPS eroga servizi essenziali per la vita del nostro paese. Tutto questo è possibile grazie ai Data center, l’infrastruttura informatica necessaria alla gestione e all’elaborazione dei dati.

Attraverso i Data center l’Istituto eroga circa 440 servizi online a oltre 22 milioni di assicurati, 15 milioni di pensionati, quattro milioni di beneficiari di prestazioni sociali e assistenziali e cinque milioni di imprese.

L’INPS, la prima amministrazione pubblica a digitalizzare i propri processi, si conferma così al passo con l’evoluzione tecnologica. La Direzione centrale Organizzazione sistemi informativi si avvale dei Data center dotati delle più moderne tecnologie e in grado di garantire la protezione dei dati degli italiani.

Oltre 10mila metri quadrati dedicati agli strumenti informatici, 4mila server, 900mila tabelle su database di produzione, 3.500 applicazioni, 23,2 petabyte di spazio disco, 360 milioni di righe di codice software: sono questi i numeri dei Data center dell’INPS, vero e proprio cuore del sistema informatico del paese.

Incarichi e lavoro subordinato in società di capitali: compatibilità

Con il messaggio 17 settembre 2019, n. 3359, l’INPS fornisce chiarimenti agli operatori economici e alle strutture territoriali in merito alla compatibilità tra la titolarità di cariche sociali e l’instaurazione, tra la società e la persona fisica che l’amministra, di un autonomo e diverso rapporto di lavoro subordinato.

La valutazione della compatibilità dello status di amministratore di società di capitali con lo svolgimento di attività di lavoro subordinato presuppone l’accertamento in concreto, caso per caso, della sussistenza delle seguenti condizioni:

  • il potere deliberativo deve essere affidato all’organo collegiale di amministrazione;
  • deve sussistere il vincolo della subordinazione, nonostante la carica sociale, all’effettivo potere di supremazia gerarchica di un altro soggetto;
  • il soggetto deve svolgere, in concreto, mansioni estranee al rapporto organico con la società.

Servizi Gestione Dipendenti Pubblici: abilitazione per intermediari

Con il messaggio 17 settembre 2019, n. 3357 l’INPS estende agli intermediari abilitati (consulenti del lavoro, commercialisti, esperti contabili e avvocati) la possibilità di chiedere l’accesso ad alcuni servizi della Gestione Dipendenti Pubblici (GDP), in particolare a denunce contributive e versamenti, contribuzione figurativa, prestiti, riscossione crediti, gestione TFR/TFS.

Le abilitazioni all’accesso vanno richieste tramite modello RA012, trasmesso via PEC all’indirizzo della Direzione provinciale o filiale metropolitana competente per ente dichiarante indicato sulla denuncia UNIEMENS Lista PosPA.

Reddito di Cittadinanza e Reddito di Inclusione: dati settembre 2019

È stato pubblicato l’Osservatorio sul Reddito di Cittadinanza. Al 4 settembre 2019 risultano pervenute all’INPS 1.460.463 domande di cui 960.007 sono state accolte, 90.812 sono in lavorazione e 409.644 sono state respinte o cancellate.

La maggior parte dei benefici sono stati erogati a nuclei residenti nelle regioni del Sud e nelle Isole (55,6%), seguite dalle regioni del Nord (27,9%) e da quelle del Centro con 230mila domande (16,4%).

Delle 960.007 domande accolte, 842.787 riguardano nuclei percettori del Reddito di Cittadinanza, con 2.214.911 di persone coinvolte, le restanti 117.220 sono nuclei percettori di Pensione di Cittadinanza, con 13.512 persone coinvolte.

 

INPS e SNA: insieme per la formazione e il miglioramento della PA

Con la pubblicazione degli avvisi per la Ricerca di master universitari di I e di II livello e per la Ricerca di master per la trasformazione digitale della PA prende avvio una nuova forma di collaborazione tra l’Istituto e la Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA), finalizzata al miglioramento dell’offerta formativa rivolta agli iscritti alla Gestione Unitaria prestazioni creditizie e sociali.

Si tratta della prima iniziativa di sinergia con la prestigiosa istituzione di selezione e formazione professionale della pubblica amministrazione, fondata nel 1957 e oggi punto centrale del Sistema unico di reclutamento e della formazione pubblica.

INPS e SNA collaboreranno sia nelle fasi di ricerca dei master executive per assegnare borse di studio sia in quelle di verifica dell’efficacia delle iniziative didattiche proposte.

Saranno, inoltre, assegnate borse di studio specifiche per la frequenza di percorsi formativi mirati alla trasformazione digitale della PA, che rappresenteranno un’occasione di crescita particolarmente qualificante per i dipendenti della pubblica amministrazione.

Il contributo finanziario dell’INPS per l’iscrizione ai master di I e II livello è destinato esclusivamente ai dipendenti pubblici iscritti alla Gestione Unitaria prestazioni creditizie e sociali.

Il contributo finanziario della SNA per l’iscrizione ai master di II livello è rivolto, invece, a dirigenti e funzionari appartenenti ai ruoli e in servizio presso l’INPS e tutte le altre pubbliche amministrazioni.

Corso di lingue in Italia 2019: pubblicate le graduatorie del concorso

Sono state pubblicate le graduatorie del concorso Corso di lingue in Italia”, riservato agli studenti che nell’anno scolastico 2018-2019 hanno frequentato gli ultimi due anni della scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado.

Gli studenti devono essere figli, orfani ed equiparati dei dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria prestazioni creditizie e sociali (ex Fondo Credito) e dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici (GDP).

Le borse di studio offerte sono finalizzate a sostenere gli esami per la certificazione del livello di conoscenza della lingua secondo il Quadro Comune Europeo di Riferimento (CEFR).

Posizione assicurativa: Convenzione INPS – Ministero della Giustizia

Nell’ambito degli accordi necessari per lo sviluppo delle attività del “Progetto ECO dipendenti pubblici”, l’INPS e il Ministero della Giustizia hanno sottoscritto, lo scorso 22 gennaio, una Convenzione (pdf 4,97MB) al fine di sollecitare la definizione delle domande di riscatto, ricongiunzione, computo e accredito figurativo di contributi per maternità, presentate dai dipendenti del Ministero della Giustizia – Dipartimento Organizzazione giudiziaria e del personale prima del 1° ottobre 2005 e giacenti presso lo stesso Ministero.

Scopo della Convenzione è quello di accelerare la definizione delle domande di natura pensionistica e la sistemazione delle posizioni assicurative dei dipendenti del Ministero, in linea con gli obiettivi strategici dell’Istituto.

La Convenzione prevede la digitalizzazione di 12.150 domande di prestazione e relativi fascicoli cartacei, e il trasferimento dei corrispondenti file negli archivi informatici INPS, con l’apertura delle pratiche in capo al Progetto ECO, che le definirà e curerà la notifica dei provvedimenti e la sistemazione o correzione delle posizioni assicurative.

L’INPS attuerà la Convenzione a partire dai prossimi mesi, quando il Progetto ECO dipendenti pubblici avrà a disposizione i fascicoli digitalizzati per avviare le lavorazioni, attualmente in fase di elaborazione da parte della società incaricata (POSTEL SpA).

Tutti gli uffici giudiziari sono stati informati dell’iniziativa con la circolare Ministero della Giustizia 16 luglio 2019 (pdf 84,6KB).

Gestione Separata: contributi dovuti per gli amministratori locali

Con la circolare INPS 21 novembre 2001, n. 205, l’Istituto ha fornito le istruzioni relative al pagamento e alla presentazione delle denunce contributive da parte degli enti locali obbligati al versamento dei contributi dovuti alla Gestione Separata. Gli enti locali interessati provvedono anche per gli amministratori locali, che producono reddito e risultano iscritti alla Gestone Separata, al versamento delle quote mensili mediante modello F24 e alla presentazione delle denunce contributive.

Al fine della corretta individuazione del contributo dovuto e della corretta compilazione del flusso UNIEMENS, con il messaggio 10 settembre 2019, n. 3268 viene introdotto un nuovo “Tipo rapporto” specifico per gli enti locali obbligati al versamento dei contributi per gli amministratori locali che svolgono attività libero professionale, iscritti alla Gestione Separata e obbligati all’aliquota maggiore.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo