Monthly Archives: Agosto 2019

Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni (CIG): i dati di luglio 2019

È stato pubblicato l’Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni con i dati di luglio 2019. Il numero di ore complessivamente autorizzate per trattamenti di integrazione salariale è stato pari a 19.056.909, in aumento del 33,5% rispetto allo stesso mese del 2018 (14.278.082).

Nel dettaglio, le ore autorizzate per gli interventi di:

  • Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) sono state 8.847.531, in aumento del 17% rispetto a luglio 2018;
  • Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) sono state 10.025.875, in aumento del 50,2% rispetto a luglio 2018;
  • Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD) sono state 183.503, in aumento del 317,5% rispetto a luglio 2018.

A giugno 2019 sono state presentate 135.269 domande di NASpI, 2.463 di DIS-COLL e 152 di mobilità, per un totale di 137.884 domande, segnando una diminuzione del 3,17% rispetto a giugno 2018.

In allegato all’Osservatorio sulla Cassa Integrazione Guadagni è stato pubblicato il Focus agosto 2019 (pdf 1MB) con i dati di luglio.

Soggiorni invernali 2019-20 Case del Maestro: online il bando

È stato pubblicato il bando di concorso per i soggiorni invernali 2019-20 presso le Case del Maestro, rivolto agli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale in servizio o in pensione e ai loro parenti entro il secondo grado. Possono beneficiare dei soggiorni anche i vedovi e gli orfani di iscritti e pensionati, minorenni alla data di scadenza del bando, insieme all’altro genitore o al tutore.

La domanda deve essere trasmessa dalle 12 del 16 settembre alle 12 del 4 ottobre 2019.

I soggiorni invernali si svolgeranno presso le strutture indicate, dal 27 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020. La durata del soggiorno è di dieci giorni (nove notti), con pensione completa e servizi accessori.

Polo unico di tutela della malattia: dati 2° trimestre 2019

È stato pubblicato l’Osservatorio statistico sul “Polo unico di tutela della malattia” con i dati relativi al secondo trimestre 2019. L’Osservatorio, che ha lo scopo di monitorare il fenomeno dell’astensione dal lavoro per malattia dei lavoratori dipendenti privati e pubblici, è stato realizzato prendendo come riferimento i certificati medici inviati dal medico e le visite mediche di controllo effettuate dall’Istituto.

Nel secondo trimestre del 2019 si registra un incremento del numero dei certificati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sia per il settore privato (+6,8%) che per il settore pubblico (+7,6%).

A livello territoriale, l’incremento risulta più consistente al Centro sia per il settore privato (+4%), che per quello pubblico (+9,6%).

Pubblicato l’Osservatorio sul precariato con i dati di giugno 2019

Sono stati pubblicati i dati di giugno 2019 dell’Osservatorio sul precariato. Nel primo semestre del 2019, nel settore privato complessivamente le assunzioni sono state 3.726.334. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la crescita ha riguardato i contratti a tempo indeterminato, di apprendistato, stagionali e intermittenti. Risultano in diminuzione i contratti a tempo determinato e quelli in somministrazione. 

 

La dinamica dei flussi

Nel semestre si conferma, rispetto allo stesso periodo del 2018, l’incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, che passano da 231.866 a 372.016. In crescita risultano anche le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (+16,1%).

Le cessazioni sono state 2.902.048, in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2018: la riduzione ha riguardato le cessazioni di contratti in somministrazione, di rapporti a termine e di rapporti a tempo indeterminato. In crescita sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente, stagionale e in apprendistato. 

 

Il lavoro occasionale

I lavoratori impiegati con Contratto di Prestazione Occasionale (CPO) a giugno 2019 sono stati 20.355 (stabile rispetto allo stesso mese del 2018), con un importo lordo medio di 239 euro.

Per quanto riguarda, invece, i lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF), sono stati 6.880 (in linea con giugno 2018), con un importo mensile lordo medio di 187 euro.

Dalla prossima settimana sarà possibile accedere alla versione navigabile aggiornata dell’Osservatorio, che arricchisce le informazioni presenti nel report cartaceo.

Assegno Nucleo Familiare: arretrati di importo maggiore di 3.000 euro

Con la circolare INPS 22 marzo 2019, n. 45, l’Istituto ha fornito le indicazioni relative alla nuova modalità di presentazione della domanda di Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) dei lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo.

Il messaggio 26 agosto 2019, n. 3119 riassume ai datori di lavoro le istruzioni per la compilazione del flusso UNIEMENS, in particolare per la valorizzazione dei campi del nuovo elemento <'infoaggcausalicontrib'>. Fino a quando non sarà resa obbligatoria la compilazione del nuovo elemento, le aziende dovranno continuare a trasmettere flussi di regolarizzazione per arretrati di importo superiore a 3.000 euro secondo le disposizioni impartite con il messaggio 31 ottobre 2017, n. 4283.

Cassa Integrazione in Deroga: termine decadenza dei pagamenti diretti

Il decreto-legge 4/2019, convertito dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, ha previsto l’estensione del termine di decadenza ai pagamenti diretti, da parte dell’INPS, dei trattamenti di integrazione salariale in deroga. Con la circolare INPS 22 agosto 2019, n. 120 l’Istituto fornisce chiarimenti sulla normativa e le istruzioni per la compilazione del modello SR41 da trasmettere.

Per ottenere il pagamento diretto dall'INPS dei trattamenti di Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD), il datore di lavoro deve inviare all’Istituto tutti i dati necessari entro sei mesi dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del periodo concesso o dalla data del provvedimento di concessione se successivo. I dati devono essere trasmessi tramite il modello SR41.

La circolare, inoltre, fornisce le indicazioni sulla gestione dei trattamenti conclusi prima o dopo il 30 marzo 2019, data di entrata in vigore della legge 26/2019.

Quota 100 dipendenti pubblici: oltre 10mila le domande presentate

Sono 10.336 le domande di pensione Quota 100 presentate dai dipendenti pubblici con decorrenza agosto 2019. La maggior parte delle richieste, 5.694, come emerge dai dati INPS, proviene dagli enti locali (regioni, comuni e province). Segue il settore della sanità, con le 2.023 domande presentate da paramedici, amministrativi e tecnici.

È possibile consultare tutti i dati nella tabella.

Tabella relativa ai dati della News quota 100 per dipendenti pubblici 

Benefici previdenziali per i lavoratori di fibre ceramiche refrattarie

La legge finanziaria 2018 ha stabilito che i benefici previdenziali riservati ai lavoratori esposti all’amianto, previsti dall’articolo 13, comma 8, legge 27 marzo 1992, n. 257, possano essere attribuiti anche ai soggetti che abbiano prestato attività lavorativa dipendente negli stabilimenti di fibre ceramiche refrattarie.

Con la circolare INPS 19 agosto 2019, n. 119 l’Istituto fornisce le istruzioni operative per l’applicazione della norma. Destinatari del beneficio, a decorrere dal 2018, sono coloro che abbiano lavorato, per almeno dieci anni, anche non consecutivi, nei reparti di produzione degli stabilimenti di fabbricazione di fibre ceramiche refrattarie, a prescindere dalla forma previdenziale obbligatoria a carico della quale viene liquidata la pensione con il riconoscimento del beneficio.

Il beneficio riconosciuto consiste nella rivalutazione dei periodi di lavoro svolto:

  • fino al 30 settembre 2003: per il coefficiente dell’1,5, ai fini del diritto e della misura della pensione;
  • successivamente al 30 settembre 2003: per il coefficiente dell’1,25, ai fini della misura della pensione.

ISEE: conferma periodo validità Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU)

L’articolo 10 del Decreto legislativo 147 del 2017 aveva modificato il periodo di validità della Dichiarazione Sostitutiva Unica ( DSU), utile ai fini dell’ ISEE, prevedendo che, a decorrere dal 1° gennaio 2019, la DSU era valida dalla data di presentazione fino al successivo 31 agosto.

Il decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, ha modificato tale comma, prorogando al 31 dicembre 2019 il periodo di validità delle DSU presentate dal 1° gennaio 2019 al 31 agosto 2019.

Si precisa che le DSU già attestate che recavano data scadenza 31 agosto 2019 sono state aggiornate sul portale con la nuova data di scadenza. Sulla materia da ultimo è intervenuto il decreto crescita, che ha messo a regime la modifica suddetta, stabilendo che la DSU è valida dalla data di presentazione fino al successivo 31 dicembre (art. 4 sexies).

In sintesi, quindi, tutte le DSU presentate nel corso dell'anno 2019 scadono il 31 dicembre 2019 (ad es. una DSU presentata il 1 agosto 2019 scade il 31 dicembre 2019). Dal 1° gennaio 2020 tutte le DSU che saranno rilasciate a decorrere da tale data scadranno il 31 dicembre 2020.

Il Polo nazionale Guardia di Finanza nella sede INPS di Viterbo

A decorrere dal 1° settembre 2019 viene istituito, presso la Direzione provinciale INPS di Viterbo, il Polo nazionale Guardia di Finanza. Il Polo, che farà capo alla Direzione regionale Lazio, rientra nell’ambito del protocollo d’intesa tra l’Istituto e la Guardia di Finanza.

Da settembre, nella sede di Viterbo, vengono così istituiti due specifici moduli organizzativi:

  • Linea di prodotto servizio “Polo gestione posizione assicurativa-gestione piccoli prestiti e prestiti pluriennali Guardia di Finanza”;
  • Linea di prodotto servizio “Polo prestazioni pensionistiche e previdenziali”.

Il Polo, come specificato dalla circolare INPS 14 agosto 2019, n. 118, si occuperà della gestione delle prestazioni pensionistiche, previdenziali e creditizie.

Lavoratori call center: istruzioni misure di sostegno del reddito

La legge 28 marzo 2019, n. 26 ha previsto, per il 2019, un nuovo finanziamento di 20 milioni di euro per le misure di sostegno del reddito a favore dei lavoratori dipendenti dalle imprese del settore dei call center. Queste misure prevedono l’erogazione di un’indennità pari al trattamento massimo di integrazione salariale.

Con il messaggio 9 agosto 2019, n. 3058 si forniscono chiarimenti sugli obblighi contributivi e sugli adempimenti informativi a carico delle imprese ammesse al trattamento di sostegno al reddito. Si forniscono, inoltre, le istruzioni contabili con i nuovi codici UNIEMENS.

UNIEMENS-ListaPosPA: modifiche e inserimento Gestione ENPDEP

Con il messaggio 9 agosto 2019, n. 3056, si comunica che l’elemento , all’interno del flusso UNIEMENS-ListaPosPA, è stato introdotto anche nel quadro V1 Causale 5. Lo stesso elemento è stato implementato al fine di consentire la possibilità, anche per la Gestione ENPDEP, oltre a quella pensionistica e del Fondo credito, di evidenziare la quota di contributo da versare a seguito delle operazioni di conguaglio.

Ulteriori informazioni sono riportate nel messaggio.

Riduzione importo pensioni oltre i 100mila euro: chiarimenti

L’Istituto, con la circolare INPS 7 maggio 2019, n. 62, fornisce indicazioni sull’applicazione della legge 30 dicembre 2018, n. 145, in materia di riduzione dei trattamenti pensionistici di importo complessivamente superiore a 100mila euro su base annua.

In particolare, nella circolare è stato chiarito che l’ambito applicativo della norma è circoscritto alle sole gestioni tassativamente indicate con esclusione delle Casse professionali.

A seguito del parere del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, la circolare INPS 9 agosto 2019, n. 116 precisa che le pensioni da totalizzazione o da cumulo, nelle quali sia presente anche un solo periodo contributivo a carico delle Casse professionali, devono ritenersi escluse dall’ambito applicativo della norma citata e non interessate dalla riduzione in parola.

Pensione Quota 100: incumulabilità con i redditi da lavoro

La circolare INPS 9 agosto 2019, n. 117 fornisce chiarimenti sull’incumulabilità della pensione Quota 100 con i redditi da lavoro e sulla valutazione dei periodi di lavoro svolto all’estero ai fini del conseguimento della stessa. Vengono, inoltre, forniti chiarimenti in merito alla decorrenza della prestazione.

Per conseguire la pensione anticipata con Quota 100 è richiesta la cessazione del rapporto di lavoro dipendente, ma non la cessazione dell’attività di lavoro autonomo.

Pertanto, in caso di svolgimento di attività di lavoro autonomo, fermo restando l’obbligo del versamento dei contributi obbligatori presso la relativa gestione, i redditi eventualmente percepiti rilevano, ai fini della incumulabilità della pensione Quota 100, secondo i criteri e nei limiti indicati nella circolare.

Cassetto artigiani e commercianti: integrazione agenda appuntamenti

La funzionalità “agenda appuntamenti” del Cassetto previdenziale artigiani e commercianti, introdotta con il messaggio 20 giugno 2019, n. 2339, è stata integrata con la possibilità di richiedere un appuntamento con “oggetto misto”.

È possibile, pertanto, fissare un unico appuntamento per tutti i ticket riferiti alla singola posizione previdenziale. Tutti i dettagli sono riportati nel messaggio 9 agosto 2019, n. 3053.

Biblioteca Centrale e Archivio Storico: chiusura estiva al pubblico

L’Istituto comunica che la Biblioteca Centrale e l’Archivio Storico della Direzione Generale sospenderanno le attività per le periodiche esigenze di inventario da lunedì 12 agosto a venerdì 23 agosto 2019

Per eventuali richieste a carattere straordinario e indispensabile, durante tale periodo, si potrà contattare direttamente la Biblioteca centrale.

Le attività riprenderanno regolarmente da lunedì 26 agosto 2019.

Nomina di Pasquale Tridico a Presidente INPS

Con Decreto del presidente della Repubblica del 22 maggio 2019 (pdf 375KB), il prof. Pasquale Tridico è nominato Presidente dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.

Professore ordinario in Politica economica presso l’Università Roma Tre e coordinatore del corso di Laurea Magistrale ‘Mercato del lavoro, relazioni industriali e sistemi di welfare’, Pasquale Tridico ha svolto attività di ricerca in diverse Università europee e negli Stati Uniti. Durante il dottorato in Economia Politica ha vinto la borsa di ricerca “Marie Curie” dell’UE presso la Sussex University e nel 2010-11 ha vinto la borsa Fulbright presso la New York University. È anche titolare della cattedra Jean Monnet dell’UE in “Economic Growth and Welfare Systems” e ha ottenuto un finanziamento da parte dell’UE per l’apertura di un Centro di Ricerca di Eccellenza Jean Monnet denominato “Labour, Welfare and Social Rights”, di cui è direttore. Affermato economista di scuola keynesiana, Segretario Generale dal 2012 dell’Associazione Accademica EAEPE (European Association for Evolutionary Political Economy), è autore di oltre cento pubblicazioni in italiano e in inglese sui temi del mercato del lavoro, disuguaglianze e distribuzione del reddito, sistemi di welfare, politica economica italiana ed europea, sviluppo economico e crisi finanziarie. Ha anche contribuito ai lavori del Parlamento italiano intervenendo in audizioni e convegni su questi temi e, dal giugno 2018 al febbraio 2019, è stato consigliere economico presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Curriculum italiano di Pasquale Tridico (pdf 327KB)

Curriculum inglese di Pasquale Tridico (pdf 332KB)

 

“Occupazione Sviluppo Sud”: completata l’elaborazione delle domande

Il messaggio 7 agosto 2019, n. 3031 rende noto che l’Istituto ha completato le elaborazioni delle domande per il riconoscimento dell’incentivo “Occupazione Sviluppo Sud”.

Come specificato al paragrafo 10 della circolare INPS 16 luglio 2019, n. 102, il datore di lavoro, entro 10 giorni di calendario dalla data di accoglimento dell’istanza, ha l’onere di comunicare, pena la decadenza dell’incentivo, l’avvenuta assunzione, chiedendo la conferma della prenotazione effettuata in suo favore.

Il termine dei 10 giorni di calendario vale anche per le richieste che perverranno nei giorni successivi all’elaborazione cumulativa.

Al fine di agevolare i datori di lavoro nel recupero delle somme spettanti, sono stati prorogati i termini per il recupero degli importi relativi all'incentivo "Occupazione Sviluppo Sud".

 

Uniemens: modifica dei codici contratto da settembre 2019

L’Istituto comunica che, a partire dal periodo di paga settembre 2019, sono istituiti nuovi codici contratto da utilizzare all’interno del flusso UNIEMENS. Viene, inoltre, aggiornata la descrizione di alcuni codici contratto e ne vengono disattivati altri.

Per tutti i dettagli è possibile consultare il messaggio 7 agosto 2019, n. 3030.

 

Versamento quote di TFR: istruzioni per i datori di lavoro privati

Per i datori di lavoro del settore privato che abbiano alle proprie dipendenze almeno 50 addetti è previsto l’obbligo di versamento al Fondo di Tesoreria delle quote di TFR maturate dai propri dipendenti.

Per le aziende in possesso della regolarità contributiva, i versamenti di quote di TFR al Fondo di Tesoreria, sebbene effettuati in assenza dei presupposti dell’obbligo contributivo, sono ritenuti validi a tutti gli effetti di legge.

Le aziende non in regola con gli obblighi contributivi, che non provvederanno a regolarizzare la posizione contributiva nei termini previsti dalle disposizioni sul rilascio dell’attestazione di regolarità, potranno presentare istanza di restituzione delle somme indebitamente versate al Fondo di Tesoreria.

Con il messaggio 7 agosto 2019, n. 3025 l’Istituto fornisce le istruzioni operative per l’applicazione della circolare INPS 1 marzo 2018, n. 37 e per la gestione delle domande di rimborso per prestazioni erogate oltre la capienza.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo