Daily Archives: 12 Luglio 2019

Rifiuti: le soluzioni prospettate dal nuovo piano di Palazzo Vecchio

Scandicci: con la raccolta differenziata oltre il 70% arrivano i cassonetti interrati. Uniformato il servizio con postazioni ad accesso controllato. Comune di Sesto Fiorentino depurato al 100%

Reati ambientali: più controlli sulle aziende

Presentato oggi il rapporto Ecomafia 2019. Le storie e i numeri della criminalità in Toscana, che si conferma tra le regioni più colpite dagli ecoreati. L'assessore Bugli annuncia uno specifico registro regionale: "Non ci sono insediamenti fissi e costanti delle mafie ma esse operano nei vari settori e quello dei rifiuti è uno di questi"

Mission Iran

By Imran Malik The continuity of US policy in the Greater Middle East Region (GMER) is remarkable for its unwavering consistency. Over the last four decades it has been exemplified by its steadfast albeit arrogant and ruthless exposition of all manners of political, diplomatic, economic, technological and military coercions to meet its ends. The center of gravity of US' vital national interests in the GMER is Israel, its bridgehead into the fossil fuels rich region. US guarantees Israel's independence and survivability, its uncompromisable security and its unquestionable and multidimensional hegemony in the region. All other geopolitical, geo-economic and geostrategic considerations are secondary. Period.

New sanctions against Russian debt may break Russian economy

The USA is not likely to approve the law to ban the purchase of the Russian debt, Nordea Bank analyst Gregory Zhernov believes. According to him, the Americans make good money on Russian federal bonds (known for the Russian initials as OFZ - federal loan bonds).The House of Representatives supported the initiative to include a ban on operations with the Russian national debt in the draft defence budget for 2020.  The amendment provides for a mechanism to lift these sanctions. If the US administration concludes that Russia did not intervene in the American elections at least during one election cycle, and if Congress agrees with this conclusion, the sanctions will be lifted. The draft defense budget has not been approved yet. US President Donald Trump will need to sign it after the document is approved by the House of Representatives and the Senate.Nordea Bank analyst Grigory Zhernov told Pravda.Ru that the Americans have repeatedly voiced such initiatives before. However, the implementation of such a scenario does not seem likely to follow. "This is the reason why we see no reaction from the Russian ruble to this news. The Russian CDS have shown no reaction either - they stay at their lows since the summer of last year after the sanctions rhetoric against Russia was toughened dramatically," said Grigory Zhernov.Nevertheless, attempts to increase the pressure of sanctions on Russia will continue as the US presidential election in November 2020 approaches. In the long run, it will limit the potential for the Russian ruble to strengthen. According to Grigory Zhernov, the demand for Russian bonds on the part of non-residents, including the Americans, has been very high during the recent months. "The high demand for OFZ (federal loan bonds) was one of the drivers for the Russian ruble. The ruble looks quite attractive. Given the fact that we expect a rate cut from the Bank of Russia, everyone, including Americans, want to make money on it," said the expert.At the same time, in the event the USA passes the law banning all operations with the Russian debt, the ruble may collapse yet again. The Americans will be forced to sell off Russian assets. Yet, such a development is not going to strike a serious blow on the Russian economy either because of the  large budget surplus and the growth of Russia's reserves, the analyst added. "To crown it all, Russia has a very low national debt. In other words, Russia does not need to resort to refinancing methods to pay it off. From this point of view, Russia's solvency will not be affected.

Russian planes carrying S-400 Triumf missile system land in Turkey

Turkey's Ministry of National announced the start of deliveries of components of Russia's S-400 Triumf (Triumph) anti-aircraft missile systems (SAM). The first batch of the renowned system  arrived at Myrted air base in Ankara province on July 12. The shipments will last for a few days, a message from Turkey's Ministry of Defense said. As part of the deal, Turkey is expecting the deliveries of four S-400 anti-aircraft missile systems.The components of the system were delivered to Turkey on board the Il-76 cargo aircraft of Russia's EMERCOM (aircraft number RA-76363 "Vasily Molokov").Putin's official spokesman Dmitry Peskov confirmed the start of the deliveries. "The components of the system will be delivered in strict accordance with agreements and contracts," the Kremlin official said. Turkish TV channel Haber Turk said that three Russian cargo aircraft carrying components of the S-400 Triumf complex have already landed at the Turkish airbase.Turkey's order for the S-400 anti-aircraft missile system caused an increase in tensions between Turkey and the United States. Washington insists that Turkey, being a NATO member, must not  conduct military cooperation with both the United States and Russia.As part of the sanctions, the Pentagon, in June 2910, prohibited training for Turkish pilots on F-35 fighters, which Ankara had ordered from Washington. The shipments of F-35 fighter aircraft totalling $10 billion can be canceled because of Turkey's S-400 agreement with Russia.  officials from the US Department of Defense said.In addition, the USA may resort to the notorious CAATSA law (Countering America's Adversaries Through Sanctions Act). The law, signed in the summer of 2017, introduced additional restrictive measures against Russia, Iran, the DPRK, and third countries that cooperate with the defense and intelligence sectors of the Russian Federation. Photo: mil.ru Also read:

Convenzione tra soggetti abilitati all’assistenza fiscale e INPS

Il messaggio 11 luglio 2019, n. 2658 fornisce informazioni sulla convenzione tra INPS e soggetti abilitati all’assistenza fiscale, per l’affidamento e la disciplina del servizio di raccolta e trasmissione delle dichiarazioni delle situazioni reddituali (modelli RED) e delle dichiarazioni di responsabilità (modelli ACC.AS/PS, ICRIC FREQUENZA, ICLAV), per la corretta erogazione delle prestazioni previdenziali e assistenziali, campagne RED ordinaria 2019 (anno reddito 2018), Solleciti 2018 (anno reddito 2017), INV CIV ordinaria 2019 e Solleciti 2018.

Lo schema di convenzione, allegato al messaggio, individua i casi in cui devono essere presentate le dichiarazioni, regolamenta le modalità di svolgimento del servizio, di conservazione della documentazione e di trasmissione telematica, disciplina le attività di verifica e di validazione dei dati, nonché quelle di comunicazione delle anomalie eventualmente riscontrate.

Il servizio viene affidato in via non esclusiva.

Il cittadino potrà comunque presentare direttamente la comunicazione attraverso il servizio online (accessibile con PIN dispositivo, credenziali SPID di secondo livello o avvalendosi del Contact center) o le strutture territoriali dell’Istituto.

I CAF e gli altri soggetti abilitati all’assistenza fiscale, se in possesso dei requisiti, hanno facoltà di stipulare convenzioni singole.

Il Direttore centrale Organizzazione e sistemi informativi è stato autorizzato a sottoscrivere, in nome e per conto dell’Istituto, le convenzioni in oggetto.

La procedura per la sottoscrizione delle convenzioni scadrà il 31 gennaio 2020.

I soggetti interessati alla sottoscrizione della convenzione potranno rivolgersi alla Direzione centrale Organizzazione e sistemi informativi – Area Sviluppo dei processi di integrazione e sinergia e procedimentalizzazione delle convenzioni con soggetti privati e professionisti, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: Convenzioni.CAF@inps.it.

Modello 730/4: servizio online per la verifica dei conguagli fiscali

I contribuenti che hanno presentato il modello 730/4, indicando l’INPS quale sostituto d’imposta per l’effettuazione dei conguagli fiscali, possono verificare le risultanze contabili inviate all’Istituto dal soggetto che ha gestito la dichiarazione e i relativi esiti tramite il servizio online “Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino”. È quanto comunica l’INPS con il messaggio 11 luglio 2019, n. 2652.

Il servizio consente ai contribuenti di consultare i seguenti dati:

  • avvenuta ricezione da parte dell’Istituto delle risultanze contabili, con il dettaglio dei relativi importi, e la denominazione del soggetto che ha effettuato l’invio;
  • conferma che i conguagli relativi alle risultanze contabili verranno effettuati sulle prestazioni istituzionali, se l’INPS è il sostituto d’imposta per il contribuente;
  • diniego, con conseguente restituzione della dichiarazione 730/4, nei casi in cui non sussista il rapporto di sostituzione;
  • trattenute o rimborsi effettuati mensilmente sulle prestazioni erogate dall’INPS, in applicazione delle risultanze del modello 730/4.

Oltre alla funzione di consultazione, a partire dal 15 luglio 2019, il servizio consentirà ai contribuenti di effettuare online la richiesta di annullamento e/o di variazione della seconda rata d’acconto Irpef o Cedolare Secca entro il 30 settembre 2019.

Cassetto lavoro domestico: la nuova sezione “Agenda appuntamenti”

Con il messaggio 11 luglio 2019, n. 2651 l’Istituto informa che nel Cassetto previdenziale per il lavoro domestico sono state introdotte le nuove funzionalità per la gestione degli appuntamenti presso le strutture territoriali dell’INPS. Tali funzionalità, accessibili dalla sezione “Agenda Appuntamenti”, sono disponibili sia per il cittadino che per gli intermediari abilitati.

Queste novità arrivano dopo il rilascio del Cassetto previdenziale per il lavoro domestico, comunicato con il messaggio 28 dicembre 2017, n. 5182, e l’introduzione della funzionalità per la comunicazione bidirezionale che offre la possibilità di dialogare in modo diretto con le strutture dell’INPS attraverso la nuova sezione “Comunicazioni”, illustrata nel messaggio 6 luglio 2018, n. 2749.

L’attivazione di un appuntamento presso una struttura territoriale dell’INPS e la sua successiva gestione è disponibile esclusivamente con riferimento a uno o più quesiti già inoltrati tramite Cassetto e che abbiano ricevuto esito negativo o per i quali non si sia ricevuto un riscontro entro un termine prestabilito, fissato in funzione dell’argomento oggetto delle comunicazioni.

Dalla sezione “Agenda Appuntamenti” è possibile:

  • creare un appuntamento;
  • cancellare un appuntamento precedentemente confermato;
  • cercare e visualizzare gli appuntamenti già inseriti a sistema.

Reddito e Pensione di Cittadinanza: gestione delle richieste di rinuncia

L’INPS, con il messaggio 11 luglio 2019, n. 2662, ha fornito le indicazioni operative per la gestione delle richieste di rinuncia al Reddito di Cittadinanza e alla Pensione di Cittadinanza.

La rinuncia potrà essere effettuata dal richiedente titolare della Carta Rdc/Pdc, il quale dovrà dichiarare che la domanda di rinuncia viene presentata in nome e per conto del nucleo familiare, a prescindere dalla fase di attuazione del beneficio in essere e dalla composizione del nucleo stesso.

È disponibile online il modulo SR183 da utilizzare e presentare alle strutture territoriali dell’INPS per la rinuncia al beneficio.

La rinuncia comporta la disattivazione della Carta Rdc/Pdc, con decorrenza dal momento della rinuncia stessa. Pertanto, eventuali importi residui ancora presenti nella Carta non saranno più utilizzabili.

La rinuncia non comporta in alcun modo la riattivazione del ReI, nel caso in cui il nucleo ne fosse beneficiario prima della richiesta di Reddito di Cittadinanza.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo