Daily Archives: 4 Luglio 2019

Sostegno al reddito per persone senza fissa dimora: chiarimenti

L’Istituto, facendo seguito al messaggio 20 febbraio 2019, n. 689, fornisce ulteriori chiarimenti necessari per gestire l’istruttoria delle domande e dei pagamenti delle prestazioni a sostegno del reddito riferite sia ai soggetti dichiarati irreperibili che a quelli senza fissa dimora.

Come precisato nel messaggio 4 luglio 2019, n. 2521, le persone senza fissa dimora sono quei soggetti che non hanno una residenza fissa, ma hanno il diritto di ottenere una residenza, sebbene “fittizia”, nel comune dove hanno stabilito il proprio domicilio.

Presupposto per il riconoscimento del diritto alle prestazioni a sostegno del reddito a carattere assistenziale e all’assegno di maternità dei lavoratori atipici e discontinui (c.d. assegno di maternità dello Stato) è la residenza del beneficiario nel territorio dello Stato italiano, così come annotata nei registri anagrafici del comune.

Di conseguenza, anche i soggetti senza fissa dimora, se iscritti all’anagrafe di un comune del territorio italiano, hanno diritto ad accedere e a continuare a fruire di tali prestazioni.

Committenti Gestione Separata: comunicazione debito 2018

Il messaggio 4 luglio 2019, n. 2528 comunica che sono state elaborate le situazioni debitorie delle aziende committenti, pubbliche e private, che nel 2018 hanno denunciato il pagamento di compensi ai soggetti iscritti alla Gestione Separata tramite il flusso UNIEMENS.

La situazione debitoria comprende l’omesso pagamento del contributo dovuto, sia totale che parziale, relativo a ogni singolo periodo mensile. Le sanzioni civili vengono calcolate sul contributo omesso e/o sul ritardato versamento totale o parziale.

Le aziende committenti e i loro intermediari possono controllare le loro posizioni tramite il Cassetto previdenziale per committenti della Gestione Separata.

Definizione agevolata: domande di adesione entro il 31 luglio

Con il "decreto Crescita" (decreto-legge 34/2019, convertito con modificazioni dalla legge 58/2019sono stati riaperti i termini per aderire alla Definizione agevolata 2018  (cosiddetta “rottamazione-ter”) e al Saldo e stralcio”. 
La nuova scadenza è stata fissata al 31 luglio 2019. La riapertura dei termini riguarda esclusivamente i debiti che non siano stati inseriti in una precedente domanda di adesione presentata entro il 30 aprile 2019.

I contribuenti che intendano aderire possono consultare il sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it dove sono disponibili tutte le informazioni utili, i modelli da utilizzare per l’adesione, le guide alla compilazione e i servizi web che Agenzia delle Entrate-Riscossione mette a disposizione per inviare le domande direttamente da pc, smartphone e tablet, senza andare allo sportello.

Rottamazione-ter

L’agevolazione consiste nella possibilità di estinguere i debiti iscritti a ruolo contenuti nelle cartelle di pagamento versando le somme dovute senza pagare le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali non sono dovuti gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge. Si può scegliere di pagare gli importi scontati a rate o in un’unica soluzione.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la sezione dedicata alla Rottamazione-ter sul sito di Agenzia delle Entrate-Riscossione.

“Saldo e stralcio”

L’ISEE del nucleo familiare non supera i 20mila euro? Il “Saldo e stralcio” è la misura riservata ai contribuenti persone fisiche in grave e comprovata difficoltà economica, che possono così estinguere alcune tipologie di debito usufruendo di una forte riduzione delle somme residue dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione (pagando il 16, 20 o 35% degli importi, la percentuale varia in base all’ISEE).

Per maggiori informazioni è possibile consultare la sezione dedicata al "Saldo e stralcio" sul sito di Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo