Daily Archives: 11 Aprile 2019

Personale diplomatico assunto a contratto: nuova base imponibile

Con la circolare INPS 11 aprile 2019, n. 52 si illustra, alla luce delle modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2018, il quadro normativo in materia di retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli impiegati assunti a contratto dalle rappresentanze diplomatiche, dagli uffici consolari e dagli istituti di cultura facenti capo al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e del personale locale delle scuole statali all’estero.

Allo scopo di favorire la corretta applicazione delle disposizioni, la circolare indica il regime che disciplina il rapporto di lavoro di queste categorie di lavoratori e la relativa tutela previdenziale.

Assegno per il Nucleo Familiare e assegno di maternità dei Comuni: rivalutazioni 2019

Con la circolare INPS 11 aprile 2019, n. 51 si comunica che sono state rivalutate la misura e i requisiti economici per l’Assegno per il Nucleo Familiare e l’Assegno di maternità dei Comuni.
In particolare, nell’anno 2019, l’importo per l’ANF dei Comuni (Assegno per il Nucleo Familiare dei Comuni) è pari, nella misura intera, a 144,42 euro, mentre il valore  dell'indicatore della situazione economica equivalente è pari a 8.745,26 euro. Agli assegni di competenza dell’anno 2018, per i quali siano ancora in corso i relativi procedimenti, continuano ad applicarsi i valori previsti per il 2018.

L’importo dell’Assegno di maternità dei Comuni, spettante nella misura intera, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti nel 2019 è pari a 346,39 euro per cinque mensilità e quindi a un totale di 1.731,95 euro. Il valore  ISEE da tenere presente per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti e che avverranno nel 2019 è pari a 17.330,01 euro.

Assistenza fiscale: i compensi per i soggetti convenzionati con INPS

Nell’ambito della convenzione tra l’INPS e i soggetti abilitati all’assistenza fiscale per l’affidamento e la disciplina del servizio di raccolta e trasmissione delle dichiarazioni delle situazioni reddituali (Modelli RED) e delle dichiarazioni di responsabilità (Modelli ICRIC, ICRIC FREQUENZA, ICLAV, ACC.AS/PS), il messaggio 11 aprile 2019, n. 1491 fornisce alcune precisazioni in merito alla liquidazione e al pagamento dei compensi da corrispondere ai professionisti convenzionati con l’INPS.

Si precisa che la fattura elettronica dovrà essere compilata secondo le indicazioni del documento Convenzioni - Contratti Riferimento Amministrazione (pdf 286KB) pubblicato sul portale dell’Istituto.

Contratto apprendistato professionalizzante: il regime contributivo

Il messaggio 10 aprile 2019, n. 1478 fornisce chiarimenti in merito al regime contributivo applicabile ai rapporti di apprendistato professionalizzante degli apprendisti alle dipendenze di un datore di lavoro che occupi un numero di addetti pari o inferiore a nove.

Con la circolare INPS 14 novembre 2018, n. 108 sono state illustrate le istruzioni in materia di regime contributivo applicabile ai contratti di apprendistato per i datori di lavoro sopraccitati e le riduzioni applicate.

La trasformazione del contratto prevista dall’articolo 43, comma 9, decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81 non comporta la costituzione di un nuovo rapporto di lavoro, ma la continuità dell’originario contratto di lavoro subordinato stipulato tra le parti. Pertanto, a decorrere dalla data di trasformazione del contratto, l’aliquota di contribuzione a carico del datore di lavoro è pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.

Il datore di lavoro è tenuto al versamento dell’aliquota di finanziamento della NASpI nella misura dell’1,31% e del contributo integrativo destinabile al finanziamento dei fondi interprofessionali per la formazione continua pari allo 0,30%, incrementata dalle aliquote di finanziamento delle prestazioni erogate a titolo di CIGO/CIGS o di fondi di solidarietà per i datori di lavoro che rientrano nel campo di applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148.

Portale INPS: tutti i moduli PIN in un’unica sezione

Per agevolare gli utenti nella ricerca dei moduli, tutti quelli che riguardano il PIN sono stati raccolti in un’unica sezione del Portale dell’Istituto.

Nella sezione “Tutti i moduli”, infatti, è stata creata la nuova voce “Assegnazione e abilitazione PIN”. Posizionata come prima scelta nel menu a sinistra, consente di trovare al suo interno tutti i moduli di assegnazione e abilitazione ai profili PIN.

Il PIN, oltre che per accedere a prestazioni di interesse strettamente personale del titolare, può essere utilizzato per svolgere ulteriori attività espressamente autorizzate. Per questo, oltre al modulo di assegnazione del PIN dispositivo al cittadino (MV35), sono stati realizzati altri moduli di abilitazione o estensione del PIN.

I più cliccati tra i moduli PIN sono:

  • MV35: “Richiesta assegnazione PIN dispositivo per il cittadino”;
  • MV36: “Richiesta di abilitazione per enti e casse previdenziali convenzionate con INPS per la totalizzazione e l'Estratto Conto Integrato Casellario dei lavoratori attivi”;
  • SC62: “Richiesta di abilitazione PIN azienda – dipendente privato o pubblico o subdelegato di intermediari”;
  • SC65: “Richiesta di abilitazione PIN azienda – datore di lavoro”;
  • AP110: “Richiesta PIN dispositivo per medici certificatori”;
  • RA012: “Richiesta di abilitazione ai servizi telematici Gestione Dipendenti Pubblici – denunce contributive e versamenti, contribuzione figurativa, prestiti, riscossione crediti, gestione TFR/TFS”;
  • MV62: “Richiesta di abilitazione PIN amministrazione comunale – dipendente o incaricato”.

Estratto conto dipendenti pubblici: online la guida

È disponibile online la guida (pdf 221KB) sull’Estratto conto dei dipendenti pubblici.

L’Estratto conto dei dipendenti pubblici è il documento che riporta i dati relativi a stati di servizio, gli eventuali periodi riconosciuti con provvedimento di riscatto, ricongiunzione o computo, gli eventuali altri periodi riconosciuti con contribuzione ?gurativa e le retribuzioni utili a ?ni pensionistici successive al 31 dicembre 1992, con esclusione di ogni riferimento ai periodi utili ai ?ni del trattamento di ?ne servizio.

Per consultare l’estratto conto è possibile seguire le indicazioni della guida e accedere in pochi semplici passaggi al servizio telematico dedicato. In questo modo, il dipendente pubblico potrà effettuare tutti gli approfondimenti e le verifiche necessarie, proponendo, in caso di errori o inesattezze, una Richiesta di variazione della posizione assicurativa (RVPA).

Nella guida sono illustrate, inoltre, le modalità con cui effettuare la RVPA e gli strumenti di cui il datore di lavoro può avvalersi per modificare le posizioni assicurative dei propri dipendenti.

Valore PA: pubblicato l’avviso per i corsi di formazione 2019

È stato pubblicato l'avviso alle pubbliche amministrazioni Valore PA corsi di formazione 2019.

Si evidenziano le novità dell’articolo 7 sulla procedura di adesione: 

  • le amministrazioni potranno aderire al progetto Valore PA ed esprimere i fabbisogni formativi dal 12 aprile 2019 al 20 maggio 2019, tramite il servizio online;
  • le amministrazioni che hanno aderito alle edizioni precedenti di Valore PA risulteranno già abilitate all’accesso alla nuova procedura. Le nuove amministrazioni dovranno invece richiedere l’abilitazione ai servizi telematici compilando il modello RA013 e inviandolo alla Direzione regionale/Direzione di coordinamento metropolitano di competenza; 
  • le amministrazioni centrali presenti su tutto il territorio nazionale dovranno esprimere i propri fabbisogni per ciascuna Regione/Direzione di coordinamento metropolitano di riferimento.

Attestazioni fiscali degli oneri da riscatto sul portale pagamenti

Con il messaggio 11 aprile 2019, n. 1490 l’Istituto comunica che le attestazioni fiscali dei versamenti effettuati nel 2018 per gli oneri da riscatto, ricongiunzione o rendita, sono visualizzabili e stampabili nel portale dei pagamenti del sito, accedendo con codice fiscale e numero di pratica oppure con PIN.

Le attestazioni fiscali relative ai pagamenti effettuati dagli iscritti al Fondo Pensioni Lavoratori dello Spettacolo (FPLS) e al Fondo Pensioni Sportivi Professionisti (FPSP) ex ENPALS, che non dovessero essere disponibili, potranno essere richieste utilizzando la casella di posta elettronica polospecialisticopals.roma@inps.it.

Sul portale dei pagamenti non sono presenti le attestazioni fiscali relative ai versamenti effettuati in forma rateale dagli enti datori di lavoro pubblici per conto dei dipendenti iscritti alle Gestioni ex INPDAP, mentre è possibile la visualizzazione dei versamenti effettuati direttamente dagli iscritti.

Gli interessati potranno, in ogni caso, richiedere alle strutture territoriali dell’Istituto la stampa delle attestazioni e, ove riscontrino discordanze tra importi attestati e importi versati, la rettifica del documento.

UNIEMENS: precisazioni su nuove modalità di compilazione

Con il messaggio 27 febbraio 2019, n. 803 erano state comunicate le nuove modalità di compilazione delle dichiarazioni retributive e contributive mediante flusso UNIEMENS per i datori di lavoro che si avvalgono di lavoratori per i quali è prevista l’assicurazione economica di malattia.

Con il messaggio 10 aprile 2019, n. 1475 si comunica che l’attivazione delle nuove modalità di compilazione del flusso UNIEMENS, tramite il nuovo elemento <TipoRetrMal>, è stata rinviata ai periodi di competenza di maggio 2019. Il messaggio, inoltre, fornisce indicazioni sull’utilizzo di questo elemento.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo