Monthly Archives: Gennaio 2019

Reddito di Inclusione (REI): i dati del 2018

È stato pubblicato l’Osservatorio sul Reddito di Inclusione (REI) con i dati del 2018, anno in cui sono stati erogati benefici economici a 462.170 nuclei familiari, raggiungendo 1.329.325 persone.

La maggior parte dei benefici sono stati erogati al Sud (68%), con interessamento del 71% delle persone coinvolte. Il 47% dei nuclei beneficiari di REI risiede in sole due regioni: Campania e Sicilia. Calabria, Lazio, Lombardia e Puglia coprono un ulteriore 28% dei nuclei.

Il tasso di inclusione del REI, ovvero il numero di persone coinvolte ogni 10mila abitanti, nel 2018 risulta pari a 220. Raggiunge i valori più alti in Sicilia, Campania e Calabria (rispettivamente 634, 603 e 447) e i valori minimi in Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige (37 e 28).

L’importo medio mensile del REI erogato nel 2018, pari a 295,88 euro, risulta variabile a livello territoriale, con un intervallo che va dai 237,01 euro per la Valle d'Aosta ai 327,63 euro per la Campania.

Aste pubbliche INPS: unità immobiliari in varie regioni italiane

Sono stati pubblicati sul sito del Notariato gli atti necessari a partecipare alle Aste immobiliari di unità secondarie di proprietà dell’Istituto collocate in diverse regioni italiane. Le aste si svolgeranno in modalità telematica o tradizionale.

Alla pagina RAN - Rete Aste Notarili è possibile consultare, per ogni asta, il bando integrale, il disciplinare e i suoi allegati, che regolano le modalità di partecipazione, i lotti all’asta e le loro planimetrie.

Retribuzioni convenzionali 2019 per i lavoratori italiani all’estero

Con la circolare INPS 30 gennaio 2019, n. 13 l’Istituto comunica quali sono le retribuzioni convenzionali da prendere a riferimento per il calcolo dei contributi dovuti, per il 2019, a favore dei lavoratori operanti all’estero in paesi extracomunitari non legati all’Italia da accordi di sicurezza sociale.

Le retribuzioni convenzionali si applicano non soltanto ai lavoratori italiani, ma anche ai lavoratori cittadini degli altri Stati membri dell’UE e ai lavoratori extracomunitari, titolari di un regolare titolo di soggiorno e di un contratto di lavoro in Italia, inviati dal proprio datore di lavoro in un paese extracomunitario.

Le retribuzioni convenzionali, inoltre, trovano applicazione, in via residuale, anche nei confronti dei lavoratori operanti in paesi convenzionati, limitatamente alle assicurazioni non contemplate dagli accordi di sicurezza sociale.

Gestione pubblica: conguaglio previdenziale 2018

L’Istituto, con riferimento alle denunce contributive presentate con il flusso UNIEMENS, ListaPosPA, dai datori di lavoro iscritti alla Gestione pubblica, ha fornito le indicazioni per le operazioni di conguaglio previdenziale relative al 2018.

Nella circolare INPS 30 gennaio 2019, n. 12 sono illustrati i dettagli di tali operazioni, i relativi termini e le sanzioni.

Per le aziende e le amministrazioni iscritte alla Gestione pubblica le operazioni di conguaglio devono essere effettuate entro il mese di febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento dei redditi oggetto del conguaglio.

APE Sociale: proroga del beneficio a dicembre 2019

Il decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, in tema di “Disposizioni urgenti in materia di Reddito di Cittadinanza e di pensioni”, all’articolo 18 posticipa il periodo di sperimentazione dell’APE Sociale fino al 31 dicembre 2019.

Pertanto, con il messaggio 29 gennaio 2019, n. 402, l’INPS comunica dallo stesso giorno la riapertura delle domande per verificare le condizioni di accesso all’APE sociale.

Possono presentare domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio dell’APE sociale tutte le persone che, nel corso del 2019, maturano i requisiti previsti dalla legge.

Può presentare domanda anche chi ha maturato i requisiti negli anni precedenti, e, stante il permanere degli stessi, non ha richiesto il beneficio.

Inoltre, per non perdere ratei di trattamento, le persone che al momento della domanda di verifica delle condizioni di accesso al beneficio sono già in possesso di tutti i requisiti devono presentare contestualmente anche la domanda di APE sociale.

Quota 100: presentazione delle domande di pensione

È stato pubblicato il decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, che disciplina l’accesso al trattamento di pensione cosiddetta “Quota 100”, alla pensione anticipata, ordinaria e cosiddetta “Opzione donna”.

In attesa della pubblicazione della circolare illustrativa delle nuove disposizioni, con il messaggio 29 gennaio 2019, n. 395 si comunicano le modalità operative di presentazione delle relative domande di pensione, tramite l’accesso ai servizi online.

La domanda di pensione può essere presentata anche tramite i patronati e gli altri soggetti abilitati alla intermediazione delle istanze di servizio all’INPS ovvero, in alternativa, può essere presentata utilizzando i servizi del Contact center.

Integrazione salariale e indennità di disoccupazione: importi 2019

La circolare INPS 25 gennaio 2019, n. 5 riporta la misura degli importi massimi, in vigore dal 1° gennaio 2019, di:

È, inoltre, indicata la misura dell’importo mensile dell’assegno per Attività Socialmente Utili (ASU).

Ammessi con riserva programma ITACA 2019-2020: documenti da allegare

Si ricorda a tutti gli ammessi con riserva al programma ITACA, anno 2019-2020, relativo all’assegnazione di borse di studio per soggiorni scolastici all'estero, che devono allegare la documentazione richiesta, per via telematica, seguendo la procedura indicata nell'articolo 8 del bando di concorso.

La documentazione potrà essere inserita fino al 21 febbraio 2019.

Lavoratori dipendenti: valori utili per il calcolo contributi 2019

Con la circolare INPS 25 gennaio 2019, n. 6 l’Istituto comunica, relativamente all’anno 2019, i valori del minimale di retribuzione giornaliera, del massimale annuo della base contributiva e pensionabile, del limite per l’accredito dei contributi obbligatori e figurativi, nonché gli altri valori per il calcolo delle contribuzioni dovute in materia di previdenza e assistenza sociale per i lavoratori dipendenti iscritti alle gestioni private e pubbliche.

Vengono definiti, inoltre, i minimali di retribuzione 2019 da applicare alle diverse categorie di lavoratori, tra cui quelli iscritti al Fondo Volo e al settore pesca, nonché ai lavoratori dello spettacolo e agli sportivi professionisti e i massimali contributivi per i direttori generali, amministrativi e sanitari, delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere del settore pubblico.

Donne vittime di violenza di genere: online la domanda di congedo

Il congedo indennizzato per le donne vittime di violenza di genere è un congedo retribuito che può essere utilizzato esclusivamente dalle lavoratrici inserite nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere, per un periodo massimo di tre mesi (equivalenti a 90 giornate di prevista attività lavorativa) fruibili nell’arco temporale di tre anni.

Questo congedo spetta alle lavoratrici:

  • dipendenti a tempo determinato e indeterminato del settore pubblico e privato;
  • autonome;
  • autonome dello spettacolo;
  • agricole;
  • stagionali;
  • domestiche.

Con la circolare INPS 25 gennaio 2019, n. 3, l’Istituto specifica quali sono i riferimenti normativi che definiscono la prestazione e le modalità operative per presentare la domanda di congedo.

Fino al 31 marzo 2019 la domanda potrà essere presentata sia in formato cartaceo sia in modalità telematica. Dal 1° aprile 2019, invece, la richiesta di congedo dovrà essere presentata dall’interessata esclusivamente per via telematica.

UNIEMENS: nuovo applicativo per il calcolo delle aliquote contributive

L’Istituto comunica che all’interno del servizio UNIEMENS è stata rilasciata la nuova funzionalità denominata “Calcolo aliquote contributive”, utilizzabile da aziende e intermediari.

Come illustrato nel messaggio 25 gennaio 2019, n. 356, l’applicativo è rivolto, più nello specifico, ai datori di lavoro del settore privato o ai loro intermediari e consente di simulare il calcolo dell'aliquota contributiva sulla base delle caratteristiche contributive dell'azienda e del profilo contributivo del lavoratore.

Indennità antitubercolari: importi 2019

In relazione agli importi da corrispondere a titolo di indennità antitubercolari, per la percentuale stabilita per il 2019, la misura fissa di tali importi è correlata per legge alla dinamica del trattamento minimo delle pensioni a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD).

Nella circolare INPS 25 gennaio 2019, n. 4  sono indicate le variazioni degli importi per il 2019, secondo la percentuale prevista dagli articoli 1 e 2, decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 16 novembre 2018.

La procedura automatizzata di liquidazione delle prestazioni è stata adeguata con i nuovi importi.

Agenzia complessa di Milano Centro: dal 30 gennaio trasferimento sede

Da mercoledì 30 gennaio avranno inizio le operazioni di trasloco degli uffici e del personale della Agenzia complessa di Milano Centro presso lo stabile in via Circo 14.

Il trasferimento avverrà in modo graduale, al fine di garantire l’operatività della struttura e i servizi ai cittadini e alle imprese. Il cambiamento di sede interesserà inizialmente gli uffici dell’Area Flussi, la cui completa operatività presso il nuovo stabile è prevista per lunedì 4 febbraio. Gli uffici dei servizi all’utenza rimarranno operativi in piazza Missori fino a venerdì 8 febbraio, per poi essere allocati definitivamente in via Circo da lunedì 11 febbraio 2019.

Modalità di contatto telefonico con l’INPS

Si ricorda che per ogni richiesta di informazione e assistenza è possibile chiamare il Contact center, raggiungibile da rete fissa al numero gratuito 803 164, oppure da telefono cellulare (con tariffazione stabilita dal proprio gestore) al numero 06 164164; un operatore è a disposizione dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14.

Si comunica, inoltre, in relazione ad alcune notizie apparse in questi giorni sui mass media, che entro domani saranno concluse le operazioni di subentro tra nuovo e vecchio fornitore del servizio telefonico delle sedi INPS, sulla base di una convenzione Consip per la fornitura del sistema di fonia che consente notevoli risparmi di spesa; al momento è collegato il 91% dei numeri telefonici.

È utile precisare che il servizio di Contact center è stato sempre operativo e rimane la via privilegiata di contatto telefonico con l’utenza.

Mobilità in deroga: novità per le aree di crisi industriale complessa

L'articolo 25-ter, comma 1, legge 17 dicembre 2018, n. 136 amplia l'ambito di applicazione del trattamento di mobilità in deroga nelle aree di crisi industriale complessa. Con la nuova legge, infatti, viene estesa la platea dei lavoratori che hanno diritto a questo trattamento anche a coloro che hanno cessato o cessano la mobilità ordinaria o in deroga dal 22 novembre 2017 al 31 dicembre 2018. La mobilità, inoltre, potrà essere riconosciuta sempre per una durata massima di 12 mesi ma senza più il limite temporale del 31 dicembre 2018 come termine ultimo entro il quale usufruire della prestazione.

Con il messaggio 24 gennaio 2019, n. 322, che aggiorna la circolare INPS 1 agosto 2018, n. 90, l’Istituto fornisce le nuove istruzioni operative su questa prestazione.

Pensioni regime internazionale: polo regionale in Trentino Alto Adige

Con il messaggio 24 gennaio 2019, n. 315, si comunica che dal 1° febbraio 2019 verrà istituito, presso la Direzione provinciale di Bolzano e nell’ambito della LPS “Prodotti ad elevata specializzazione – Convenzioni internazionali”, il Polo regionale “Pensioni in regime internazionale dei residenti in Trentino Alto Adige”, che gestirà le pratiche pensionistiche in regime internazionale presentate dai residenti in Trentino Alto Adige.

Il Polo regionale avrà competenza sulle domande di prima liquidazione delle pensioni dirette e ai superstiti in regime internazionale, sia comunitario che di convenzione bilaterale, nonché sulle domande di pensione a carico di soli organismi esteri e sulle relative domande di ricostituzione, contributiva, documentale e di supplemento, presentate dai residenti in Trentino Alto Adige.

Pertanto, dal 1° febbraio 2019, i ricorsi amministrativi presentati dai soggetti residenti nel territorio del Trentino Alto Adige, saranno presi in carico dall’UO “Gestione organizzativa dei ricorsi amministrativi” della Direzione Provinciale di Bolzano che cura l’istruttoria e li inoltra al competente organo per la decisione finale.

I ricorsi avverso provvedimenti amministrativi emanati dalle altre strutture territoriali del Trentino Alto Adige prima del 1° febbraio 2019, continueranno ad essere istruiti e definiti secondo le precedenti disposizioni in materia.

Artigiani e commercianti: avvisi bonari per la rata di novembre 2018

Con il messaggio 24 gennaio 2019, n. 312 l’INPS segnala agli iscritti alle Gestioni Artigiani e Commercianti l’inizio delle elaborazioni degli avvisi bonari relativi alla rata di novembre 2018.

Gli avvisi saranno a disposizione del contribuente nel Cassetto previdenziale artigiani e commercianti.

Agli iscritti, o ai loro intermediari, che abbiano fornito un indirizzo di posta elettronica, verrà inviata una email di alert.

Pubblicato l’Osservatorio sul precariato con i dati di novembre 2018

Sono stati pubblicati i dati di novembre 2018 dell’Osservatorio sul precariato. Nel periodo gennaio-novembre 2018, nel settore privato, le assunzioni complessive sono state 6.890.171, con un aumento del 5% rispetto allo stesso periodo del 2017. In crescita risultano tutte le componenti: contratti a tempo indeterminato +5,9%, contratti a tempo determinato +4,3%, contratti di apprendistato +11,9%, contratti stagionali +6,3%, contratti in somministrazione +2,4% e contratti intermittenti +7,7%.

La dinamica dei flussi

Nello stesso periodo si conferma il forte incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato (+69,3%), mentre risultano in diminuzione i rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo (-15%).

Le cessazioni sono state 6.265.052, in aumento rispetto all’anno precedente (+8,8%). Crescono le cessazioni di tutte le tipologie di rapporti a termine a partire dai contratti a tempo determinato (+15%) per arrivare ai contratti intermittenti (+30%), mentre diminuiscono quelle dei rapporti a tempo indeterminato (-3,5%).

Nel periodo gennaio-novembre 2018, nel settore privato, si registra un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +625.119, inferiore a quello del corrispondente periodo del 2017 (+807.474).

Il lavoro occasionale

La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratto di Prestazione Occasionale (CPO) a novembre 2018 si attesta alle 17.917 unità; l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a 240 euro.

Per quanto riguarda, invece, i lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF), a novembre 2018 risultano circa 8.334; l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a 275 euro.

Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni (CIG) dicembre 2018

Pubblicato l’Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni con i dati di dicembre 2018. Il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate a dicembre 2018 è stato di 14.007.037, in diminuzione del 29,4% rispetto allo stesso mese del 2017.
Nel dettaglio, a dicembre 2018 le ore autorizzate per gli interventi di:

  •  Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) sono state 6.359.373, in diminuzione del 36% rispetto a dicembre 2017;
  •  Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) sono state 7.600.452, in diminuzione del 18,3% rispetto a dicembre 2017;
  •  Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD) sono state 47.212, in diminuzione del 92,2% rispetto a dicembre 2017.

A novembre 2018 sono state presentate domande di prestazioni di disoccupazione per un totale di 223.728, in aumento del 5,2% rispetto a novembre 2017, di cui: 219.450 domande di NASpI, 3.015 di DIS-COLLe 1.263 domande di Disoccupazione ordinaria e speciale edile e di Mobilità.

In allegato all’Osservatorio sulla Cassa Integrazione Guadagni (CIG), è stato pubblicato il focus gennaio 2019 (pdf 841KB) con i dati fino a dicembre 2018.

Pubblicato bando soggiorni primaverili 2019 presso le Case del Maestro

Pubblicato il bando di concorso per i soggiorni primaverili 2019 presso le Case del Maestro, rivolto agli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale in servizio o in pensione e loro parenti entro il secondo grado. Possono beneficiare dei soggiorni anche i vedovi e gli orfani di iscritti e pensionati, minorenni alla data di scadenza del bando, insieme all’altro genitore o al tutore.

La domanda deve essere trasmessa dalle 12 del 24 gennaio alle 12 del 12 febbraio 2019.

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo