Daily Archives: 8 maggio 2017

Versamento dei contributi volontari presso le tabaccherie

A seguito della convenzione Reti Amiche, sottoscritta da Gruppo Poste Italiane SpA, Unicredit e Lottomatica, dal 26 aprile è possibile versare i contributi volontari presso le 23mila tabaccherie del circuito Reti Amiche/Lottomatica che aderiscono alla convenzione. 

 

Presso le tabaccherie potevano essere versati i contributi per i lavoratori domestici e per i riscatti, ricongiunzioni e rendite.

 

Per accedere al servizio sono necessari il codice fiscale e il codice prosecutore. Il pagamento può essere effettuato in modalità rateale (quando previsto) o in un’unica soluzione entro la data di scadenza.

 

Restano comunque disponibili le seguenti modalità di pagamento dei contributi volontari:

  • MAV inviato dall’INPS per posta oppure generato dall’utente. Il bollettino può essere visualizzato, modificato, stampato e pagato in un qualsiasi istituto di credito senza commissioni oppure presso gli uffici postali con l’applicazione della commissione di versamento;
  • online, tramite la modalità “Pagamento immediato pagoPA”, che permette di versare i contributi utilizzando la carta di credito, di debito o prepagata oppure mediante addebito in conto;
  • avviso di pagamento pagoPA, che permette di versare i contributi presso qualsiasi Prestatore di Servizi di Pagamento (PSP) aderente al circuito “pagoPA”.

Come accedo ai servizi online?

Il nuovo portale INPS ti offre almeno 3 percorsi di navigazione per accedere ai servizi online.

Se non sai come richiedere una prestazione, vuoi avere maggiori informazioni su requisiti e presentazione della domanda, leggi la scheda prestazione (ad esempio Premio alla nascita – 800 euro) prima di utilizzare il pulsante “Accedi al servizio” (in alto a destra).

Quelle che prima erano due sezioni diverse e scollegate del sito INPS (sezione informativa e sezione servizi), oggi sono state unificate in modo da semplificare l’accesso diretto al servizio che devi utilizzare per la tua categoria di utenza.

Se il pulsante “Accedi al servizio” non è presente  significa che quella prestazione non va richiesta tramite un servizio online (ad esempio Assegno di maternità dei comuni).

Oltre all’elenco di tutte le schede prestazione del portale, puoi scegliere di trovare le schede prestazione utilizzando la barra di ricerca, navigando per categoria di utenza (ad esempio Famiglia) o per tema (ad esempio Sostegno economico e allo studio).

Se già sai come richiedere la prestazione e il servizio da utilizzare, puoi accedere direttamente all’elenco di tutti i servizi e utilizzare i filtri per trovare quello di tuo interesse.

Il video tutorial ti illustrerà come accedere ai servizi online.

Online il servizio per certificati di gravidanza e interruzione

È online il servizio che consente ai medici certificatori di inviare all’INPS i certificati di gravidanza o di interruzione di gravidanza. Le lavoratrici possono consultare e stampare il certificato di gravidanza o di interruzione, mentre i datori di lavoro possono consultare e stampare i soli attestati.

Al servizio è possibile accedere tramite PIN, credenziali CNS o SPID. I medici certificatori possono richiedere il PIN con il modulo AP110.
Trascorsi tre mesi dalla pubblicazione della circolare INPS 4 maggio 2017, n. 82, i medici certificatori non potranno più rilasciare i certificati di gravidanza e di interruzione di gravidanza in formato cartaceo.

Unioni civili e convivenze di fatto: effetti sulle prestazioni

La circolare INPS 5 maggio 2017, n. 84 fornisce le principali informazioni sugli effetti della regolamentazione delle unioni civili e delle convivenze di fatto sulle prestazioni a sostegno del nucleo familiare erogate dall’INPS e precisamente: l’assegno al nucleo familiare, l’assegno familiare e l’assegno per congedo matrimoniale.

La circolare, in particolare, affronta le seguenti tematiche:

  • individuazione del nucleo di riferimento per le unioni civili;
  • determinazione del reddito complessivo per i nuclei familiari composti da genitori conviventi;
  • reddito di riferimento in caso di convivenza;
  • diritto all’assegno per congedo matrimoniale.
Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo