Daily Archives: 11 aprile 2017

Benefici per lavoratori del settore produzione materiale ferroviario

Ai lavoratori del settore della produzione di materiale rotabile ferroviario, che hanno prestato la loro attività nel sito produttivo senza gli adeguati equipaggiamenti di protezione per l’esposizione alle polveri di amianto, sono riconosciuti i benefici previdenziali per il periodo corrispondente alla durata delle operazioni di bonifica dall'amianto, secondo quanto stabilito dalla legge di stabilità 2016 (disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato).
Per ottenere i benefici previdenziali, i soggetti interessati devono aver presentato domanda all'INPS, a pena di decadenza, entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della suddetta legge.
Il beneficio è riconosciuto una sola volta con riferimento al medesimo periodo di lavoro, all’atto del pensionamento e nel limite del periodo necessario a conseguire, in base alle disposizioni vigenti, il primo diritto utile a pensione.
Ai fini della misura dei trattamenti pensionistici il beneficio si applica esclusivamente sulla quota di pensione calcolata secondo il sistema retributivo.
Nella circolare 6 aprile 2017, n. 68 condivisa con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si forniscono le istruzioni per l’applicazione delle disposizioni di legge.

Unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina convivenze

Con legge 20 maggio 2016, n. 76 è stato introdotto l’istituto delle Unioni civili tra persone dello stesso sesso (art. 1, commi 2-35) e sono state disciplinate le convivenze di fatto (art. 1, commi 36-65).
 
Con la circolare 31 marzo 2017, n. 66 si forniscono le prime istruzioni in merito all’incidenza delle nuove disposizioni normative sulla disciplina degli obblighi previdenziali posti a carico degli esercenti attività d’impresa (Gestioni dei lavoratori autonomi artigiani e commercianti).

Contratti di solidarietà: fruizione riduzioni contributive 2016

La circolare 2 febbraio 2014, n. 153 illustra le principali novità in materia di sgravi contributivi che riguardano i Contratti di solidarietà (Cds) difensivi accompagnati da Cassa Integrazione Guadagni Straordinari (CIGS).
 
Sono state fornite ai datori di lavoro, ammessi al beneficio in questione, le indicazioni e le modalità di fruizione dello sgravio contributivo a valere sulle risorse stanziate per l’anno 2014.
 
Con la successiva circolare 10 maggio 2016, n. 77 sono state illustrate le indicazioni e le modalità di fruizione a valere sulle risorse per l’anno 2015 e sulle somme residue dello stanziamento per l’anno 2014.
 
Con la circolare 30 marzo 2017, n. 65 sono forniti chiarimenti e istruzioni operative sulla modalità di recupero connesse ai Contratti di solidarietà in favore delle aziende che, sulla base dei decreti direttoriali adottati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, siano state ammesse allo sgravio dei contributi a valere sullo stanziamento relativo all’anno 2016.
 

Le applicazioni della “finestra mobile”

Con la circolare n. 53 del 16 marzo 2011, l’Inps ribadisce che la cosiddetta “finestra mobile” introdotta dalla legge 122/2010, la quale fissa la decorrenza della pensione dodici mesi dopo il raggiungimento dei requisiti per i lavoratori dipendenti e diciotto mesi dopo tale data per i lavoratori autonomi, riguarda chi raggiunge i requisiti previsti dalla legge a partire dal 1° gennaio 2011. Per coloro che li hanno maturati entro il 31 dicembre 2010, invece, continuano ad essere applicate le norme precedentemente in vigore. Nella circolare, inoltre, viene precisato che, in seguito al parere espresso dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in merito, la nuova disciplina delle decorrenze si applica anche a coloro che sono stati autorizzati alla prosecuzione volontaria entro il 20 luglio 2007 e alle donne che accedono al trattamento pensionistico di anzianità secondo il regime sperimentale previsto dalla legge 243/2004, optando per la pensione a 57 anni di età con il sistema contributivo. Nella circolare 53/2011, inoltre, viene presa in esame anche l’applicazione della normativa ad altre tipologie di prestazioni, come la pensione supplementare, la pensione di vecchiaia derivante dalla trasformazione dell’assegno ordinario di invalidità, la pensione di vecchiaia a carico della Gestione separata e così via.

 

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo