Monthly Archives: ottobre 2011

Presentazione telematica rapporti piccola colonia-compartecipanti familiari

Dal 28 ottobre 2011, data di pubblicazione del messaggio n. 20478, l’invio delle dichiarazioni di iscrizione, variazione e prosecuzione dei rapporti di piccola colonia e/o compartecipazione familiare, dovrà avvenire esclusivamente tramite canale telematico. Aziende, consulenti, professionisti e associazioni di categoria potranno accedere alla procedura dal sito internet dell’Istituto attraverso la sezione “Servizi online”, selezionando l’opzione “Gestione rapporti di lavoro piccoli coloni o compartecipanti familiari” e dichiarando, in caso di primo accesso, la tipologia di utente di appartenenza.

 

Le domande di Cassa Integrazione si presentano online

La circolare n. 141 del 28 ottobre 2011 detta nuove modalità di presentazione della domanda di autorizzazione alla cassa integrazione ordinaria per Industria, Edilizia e Lapidei con utilizzo esclusivo del canale telematico. Il periodo transitorio in cui è possibile utilizzare ancora le precedenti modalità di presentazione è prorogato al 31 gennaio 2012.

Pagamento prestazioni nei Comuni colpiti dall’alluvione

Al fine di consentire il pagamento delle prestazioni in favore di coloro che avevano richiesto la riscossione per contanti allo sportello presso gli uffici postali ubicati nei Comuni delle province di La Spezia e Massa Carrara colpiti dall’alluvione, al momento chiusi o inattivi funzionalmente, l’Inps ha autorizzato Poste Italiane ad effettuare il pagamento in circolarità di tutte le prestazioni pensionistiche e non pensionistiche, esonerando i beneficiari, rispettivamente, dall’obbligo della presentazione del certificato di pensione e della lettera di avviso. In circolarità significa che il pagamento in contanti potrà essere richiesto presso un qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale.
Resta inteso che per il pagamento occorre presentare, comunque, un documento valido. L'autorizzazione è operante fino al ripristino della funzionalità degli uffici postali dichiarati inagibili.

Incentivi all’assunzione: dal primo novembre domande solo online

Dal primo novembre le istanze di ammissione agli incentivi per l’assunzione dei disoccupati da almeno 24 mesi (legge 407/1990) e degli iscritti nelle liste di mobilità (legge 223/1991), possono essere presentate solo per via telematica accedendo al Cassetto previdenziale delle aziende. Le domande saranno definite automaticamente entro il giorno successivo all'invio e l’esito dell’istruttoria potrà essere conosciuto sempre  consultando il Cassetto previdenziale Aziende. Il nuovo procedimento è illustrato nella circolare n. 140 del 28 ottobre 2011. Le guide operative sono disponibili all’interno del Cassetto, in corrispondenza dei moduli on-line.

Voucher le ultime novità per l’acquisto e la riscossione in banca

Dal 31 ottobre 2011 è attivo il servizio di vendita e riscossione dei buoni lavoro presso i 380 sportelli della Banca Popolare dell'Emilia Romagna. Le filiali della Banca Popolare dell'Emilia Romagna si aggiungono a quelle della Banca Popolare di Sondrio, che ha inaugurato questo canale di distribuzione, a seguito di una convenzione tra l'INPS e l'Istituto Centrale delle Banche Popolari.
Per quanto riguarda le modalità di riscossione si precisa che i buoni lavoro emessi dagli sportelli della Banca Popolare dell'Emilia Romagna sono pagabili esclusivamente presso il medesimo circuito bancario.
In occasione dell'ampliamento della rete degli sportelli bancari abilitati al servizio 'voucher', sono stati introdotte alcune novità che rendono più accessibili i buoni lavoro per il committente e per il prestatore:
• è stato aumentato per i committenti il limite di importo per ciascuna operazione di acquisto a 5.000 €, rispetto ai 2.000 € finora consentiti;
• i prestatori potranno riscuotere i voucher dopo appena 24 ore dal termine della prestazione, anzichè dopo le 48 ore finora previste.
Informazioni dettagliate sulle modalità di acquisto dei voucher presso gli sportelli bancari sono disponibili nella sezione dedicata al lavoro occasionale accessorio del sito Inps accessibile dalla guida “Come fare per Utilizzare i buoni lavoro”/Come e dove acquistarli e riscuoterli/Distribuzione voucher Banche popolari

 

Comunicato stampa del 27/10/2011

Modifica disposizioni Testo Unico maternità e paternità

Con la circolare 139 del 27 ottobre 2011, vengono rese note le modifiche introdotte dal decreto legislativo n. 119 del 18 luglio 2011 agli articoli 16 e 45 del Testo Unico per la tutela e sostegno della maternità e della paternità (decreto legislativo 151/2011). In particolare, le modifiche introdotte si riferiscono alla disciplina del congedo di maternità in caso di interruzione di gravidanza successiva al 180° giorno nonché in caso di decesso del nato al momento della nascita o nei periodi di congedo post partum (art. 16 T.U.) e dei riposi giornalieri “per allattamento” in caso di adozione e affidamento (art. 45 T.U.).

Domande di assegno straordinario Fondi di sostegno

Dal momento che il diritto all’assegno straordinario al reddito è subordinato al conseguimento della prestazione pensionistica al momento della cessazione della prestazione straordinaria, il diritto a pensione del lavoratore deve essere verificato al momento dell’accesso all’esodo con riferimento ai requisiti pensionistici in vigore alla data di uscita dal Fondo di sostegno. In particolare, per le lavoratrici ammesse alla prestazione straordinaria a decorrere dal 1° ottobre 2011, il diritto alla pensione di vecchiaia deve essere verificato in funzione della nuova disciplina prevista dalla legge 148/2011. Messaggio n. 20343 del 27 ottobre 2011.

Verifica amministrativa denunce aziendali

Nell’ambito delle attività proprie dell’unità organizzativa denominata “Verifica Amministrativa”, con la circolare n. 136 del 25 ottobre 2011 viene avviata la fase sperimentale per il controllo degli importi posti a conguaglio a titolo di assegni al nucleo familiare da parte delle aziende nelle denunce retributive e contributive. Nella circolare 136 vengono forniti tutti i dettagli sulle modalità dell’attività di verifica amministrativa sulle denunce aziendali.

Diritto di opzione tra assegno di invalidità e disoccupazione

I lavoratori che fruiscono di assegno di invalidità, nel caso in cui si trovino ad avere diritto ai trattamenti di disoccupazione, hanno il diritto di scegliere tra l’assegno ordinario di invalidità e l’indennità di disoccupazione limitatamente al periodo di disoccupazione indennizzato, ferma restando l’incumulabilità delle due prestazioni. Lo ha stabilito la sentenza della Corte Costituzionale 19-22 luglio 2011, n. 234 (Circolare n. 138 del 26 ottobre 2011).

Gestione separata. Interruzione termini prescrizione

Sono in corso di completamento le operazioni relative alla preparazione delle lettere di interruzione dei termini prescrizionali e di recupero contributivo da inviare ai contribuenti iscritti alla Gestione separata. Le lettere riguardano i contributi omessi o insufficientemente versati per compensi erogati negli anni 2001, 2002 e 2004. Maggiori informazioni nel messaggio n. 20273 del 26 ottobre 2011.

Postazione veloce per il rilascio del PIN

Per evitare rallentamenti al servizio di front office, presso tutte le agenzie dell’Istituto sarà disponibile uno sportello veloce dedicato agli utenti che si presentino presso gli uffici per l’inoltro di una domanda di prestazione/servizio e siano sprovvisti di PIN. Tale sportello provvederà, pertanto, a rilasciare immediatamente il PIN dispositivo, informando l’utente della possibilità di utilizzare in modo autonomo le postazioni telematiche self service e a prenotare la presentazione della domanda attraverso il Contact Center Multimediale, nel caso l’utente scegliesse tale modalità.  Maggiori informazioni sono disponibili nella circolare n. 137 del 25 ottobre 2011.

Tragedia al secondo giro: il video

Il dramma di Marco Simoncelli accade al secondo giro del Gp di Malesia. Il 24enne pilota romagnolo della Honda ha perso il controllo della moto in uscita da una curva verso destra ed è scivolato sull'asfalto. Dietro di lui Colin Edwards e Valentino Rossi non sono riusciti ad evitare l'impatto con il corpo di SuperSic. Decisivo lo scontro della ruota anteriore della Yamaha di Edwards, che gli ha fatto volare via il casco. Simoncelli è arrivato al centro medico del circuito in arresto cardio circolatorio.


Incidente al Gp di Malesia Morto Marco Simoncelli

Marco Simoncelli è morto dopo un gravissimo incidente al Gp di Malesia a Sepang. Il 24enne pilota romagnolo è caduto nel corso del secondo giro e su di lui sono piombate a gran velocità le moto di Colin Edwards e di Valentino Rossi. Lo schianto, tremendo, lo ha lasciato esanime sulla pista, senza casco. SuperSic è stato immediatamente trasportato al centro medico del circuito in ambulanza. "Simoncelli è arrivato già in arresto cardiocircolatorio, e ha un vistoso segno di una ruota sul collo. Stiamo cercando di rianimarlo ma è molto difficile", aveva ammesso ai microfoni di Italia1 il dottor Giuseppe Russo, uno dei componenti dello staff medico del Motomondiale, pochi minuti prima della notizia del decesso.


Madonna Che tirchia Louise Veronica Ciccone Lei milionaria, il fratello vive sotto un ponte

Talmente material girl da non dare nemmeno un dollaro al fratello senzatetto. Questa volta Louise Veronica Ciccone, in arte Madonna, non fa una bella figura. Il fratello Anthony, licenziato dall'azienda vinicola di famiglia, ha perso la casa e da un anno vive sotto un ponte a Traverse City, in Michigan. Anthony Ciccone, 55 anni, lavorava nella 'Ciccone Vineyard & Winery', a Suttons Bay, ma ha perso il lavoro e "quando mi sono trovato in difficoltà la famiglia mi ha voltato le spalle - ha raccontato al Michigan Messenger -. Mi sono chiesto tante volte: perché mia sorella è multimilionaria e io dormo per strada?". Senza stipendio fisso, non può pagarsi un affitto. Madonna, nel 2010, si è invece dovuta accontentare di 60 milioni di dollari di guadagni e del quinto posto tra le donne più ricche dello showbiz secondo la classifica stilata da Forbes. "Per vivere raccolgo bottiglie e lattine e le consegno per il riciclaggio", ha detto, raccontando che lo scorso inverno ha sofferto spesso di congelamento ai piedi e ha temuto di morire per ipotermia. Anthony si unisce così al coro dei familiari che ce l'hanno con Madonna. La biografia del 2008 dell'altro fratello Christopher era assai poco lusinghiera.

Borsellino candidata, anzi no Terzo Polo fa flop a Palermo

Ennesimo dietrofront del Terzo Polo. E, ancora una volta, cambia la strategia della creatura politica giovane ma già assai sfortunata. Così a Palermo salta la testa di Rita Borsellino come candidata alle prossime amministrative. "Pur rimanendo ferma la stima per la persona - spiegano i terzopolisti - il nome non li "appassiona" più e dopo solo una settimana cambia la tattica elettorale. "Abbiamo deciso come Terzo Polo - dice all’Italpress Alessandro Aricò coordinatore provinciale di Futuro e Libertà - di non fare primarie, abbiamo preso contatti con due o tre personalità che hanno avuto competenze nell'amministrazione di aziende ed enti. Personalità di prestigio per affrontare l'emergenza sociale che vive la città. Qualora dovessero rifiutarsi, candideremo nostri dirigenti come terzo polo non faremo primarie".

Dentro tutti, nessuno escluso - Di composizione delle liste il terzo polo ha parlato nel corso di un vertice dei coordinatori. "Abbiamo definito le dieci aree del programma per Palermo – spiegano Pietro Di Marco (Udc), Aricò e Raffaele Loddo (Api) – si tratta di un percorso che resta comunque aperto ai contributi della società civile organizzata. Il Terzo polo è pronto ad appoggiare una candidatura riformista e moderata ma non esclude a priori un proprio candidato". Ma non è finita, il Terzo Polo apre anche ad punto di confronto e di sintesi con Mpa e Aps, rivolgendo anche uno sguardo verso l’area laico-socialista. Dentro tutti, nessuno escluso dunque. Ma i rappresentati terzopolisti garantiscono: "Il nome del candidato presidente sarà espressione unica del Terzo Polo".

Tutti contro tutti - Ma se questo può sembrare sufficiente, si tratta solo dell'ultimo atto del clima incandescente che si respira a Palermo. Ogni giorno c'è una nuova candidatura. E in tutti gli schieramenti. Dal Pd che brancola nel buio, l'unica certezza nel centrosinistra è l'autocandidatura di Davide Faraone, all'Idv dove la candidatura di Fabrizio Ferrandelli stenta ad essere digerita dai suoi stessi compagni di partito.


Chi ha dato fuoco al blindato stava andando in Val Susa

Sabato aveva dato fuoco al blindato della Polizia, a Roma. Una settimana dopo aveva già lo zaino pronto per andare a "protestare" con le stesse maniere in Val di Susa. I carabinieri del Ros della Capitale hanno identificato e arrestato a Chieti con l'accusa di tentato omicidio un giovane ritenuto responsabile dell'assalto al furgone blindato dei carabinieri attaccato a colpi di pietre, bombe molotov ed altri oggetti nelle vicinanze di piazza San Giovanni durante la manifestazione degli indignati degenerata in violenza urbana.  Il carabiniere, ferito, era stato costretto a fuggire, prima che il mezzo fosse dato alle fiamme. Gli stessi carabinieri hanno reso noto che il fermato si stava organizzando per partire alla volta di Chiomonte, dove domani mattina è in programma la manifestazione dei No Tav.

"La paura di un nuovo disastro".
Massimo de' Manzoni su LiberoTv


Bombe carta e incendi: la guerriglia di Roma su LiberoTv



L'arresto - I Ros hanno arrestato il giovane su coordinamento del procuratore aggiunto di Roma Pietro Saviotti. Originario di Ariano Irpino, stava transitando da Chieti per raggiungere il Piemonte. Decisiva l'intercettazione di una sua telefonata con uno spacciatore, in cui il ragazzo si vantava con il pusher: "Hai visto cosa ho combinato a Roma?". Si tratta della decima persona arrestata nell'ambito dell'inchiesta sugli scontri di Roma.

L'agguato
- Il blindato in fiamme è una delle immagini simbolo del sabato del terrore romano. E' accaduto tutto intorno alle 18 del 15 ottobre, a pochi metri dal sagrato della basilica di San Giovanni. Il mezzo prima è stato circondato dai manifestanti, quindi assaltato e dato alle fiamme tra il lancio di sampietrini e una trave che si infila nell'abitacolo.


Serie B, il Pescara non si ferma Il Padova insegue il Torino

Il Pescara fa sul serio. Con le squadre di Zeman è meglio non dare mai nulla per scontato, ma di sicuro c'è, per ora, che gli abruzzesi valgono la lotta per la promozione. Nell'11° turno di Serie B travolgono l'Ascoli 4-1 con una tripletta di Sansovini e la zampata di Insigne e salgono al terzo posto solitario a quota 22. Davanti a loro, soltanto il Torino (primo a 25, con il posticipo di lunedì a Gubbio) e il Padova (2-1 al Vicenza nel derby veneto e secondo posto a 23). Dietro, frenano il Sassuolo (pareggio 1-1 a Empoli) e la Sampdoria (solo 0-0 col Cittadella) e sale la Reggina (3-2 in casa contro il Varese). Ancora ko il Brescia: 2-0 a Grosseto.

Risultati 11° turno Serie B
Verona-Nocerina 1-1 giocata venerdì
Albinoleffe-Crotone 1-3
Empoli-Sassuolo 1-1
Grosseto-Brescia 2-0
Juve Stabia-Bari 1-0
Modena-Livorno 1-0
Padova-Vicenza 2-1
Pescara-Ascoli 4-1
Reggina-Varese 3-2
Sampdoria-Cittadella 0-0
Gubbio-Torino lunedì 20.45

Classifica
Torino 26
Padova 23
Pescara 22
Sassuolo 21
Reggina 20
Sampdoria 18
Grosseto 17
Bari 17
Brescia 16
Livorno 15
Varese 15
Cittadella 14
Verona 13
Crotone 12 (-1)
Nocerina 10
Juve Stabia 10 (-6)
Modena 10
Albinoleffe 10
Empoli 8
Vicenza 7
Gubbio 7
Ascoli  2 (-7)

Gubbio e Torino una partita in meno

Paragone Rissa in diretta con Stracquadanio: "Non ho prezzo", "Smettila di santoreggiare"

Gianluigi Paragone, conduttore de 'L'Ultima Parola', non ce la fa più a farsi dare del "traditore" e scoppia in diretta. Con Giorgio Stracquadanio, ospite in trasmissione, è sin dall'inizio un continuo battibecco fino a quando, all'ennesima provocazione, Paragone non ci vede più dalla rabbia e sbotta contro il deputato Pdl. "La Rai non è della politica - dice Paragone nel faccia a faccia con Stracquadanio - piantatela. La Rai non è vostra. Sono arrivato con il voto del centro destra ma qui (toccandosi la testa, ndr.) Non ho il cartellino del prezzo".


Il cambiamento - Paragone di recente non ha fatto mistero della sua insofferenza nei confronti del premier e sull'attuale governo sino ad arrivare alla rottura: "Mi dimetto da giornalista di centrodestra. Tolgo la giacca e rimetto gli abiti del cronista". Ma non ci sta a passare per uno che salta sul carro del vincitore e "che si sta già preparando il futuro" cosa che Stracquadanio non manca di rinfacciargli. "Dico queste cose perchè avete sbagliato tutto - taglia secco Paragone - . Sono un giornalista, un professionista. Mi sono stufato di sentirmi dire che sono un traditore". Ma le ragioni del conduttore non convincono affatto il deputato Pdl: "Ma la smetta di santoreggiare".


Fini: "Ho nostalgia di comizi" La soluzione c’è: si dimetta

Gianfranco Fini, Pier Ferdinando Casini e Francesco Rutelli devono andare fino a Lecce per sentirsi uniti. Sebbene abitino tutti e tre a Roma, nel raggio di 500 metri, i leader del Terzo Polo hanno preso parte alla convention del Teatro Politeama, la prima cui prendono ufficialmente parte Fli, Udc, Api (e Movimento per le Autonomie di Raffaele Lombardo). Un evento importante, significativo. E che il presidente della Camera ha pensato di festeggiare dopo, inaugurando una sede futurista nel capoluogo salentino, quando circondato dai suoi sostenitori ha esclamato: "Sono contento di questo appuntamento con la piazza, avevo una certa nostalgia del comizio". "La gente presente oggi sarà la riprova che esiste ancora una destra ed è una destra che sta dalla parte giusta, la nostra", afferma sicuro. Forse non pensando che l'altra destra, quella che sbaglia e che non si riconosce in Futuro e Libertà, potrebbe suggerirgli: se il presidente della Camera ha nostalgia dei comizi, la soluzione è nelle sue mani. Si dimetta dallo scranno di Montecitorio.


"Ventura? Vado avanti lo stesso" Fiocco di Neve voleva Facchinetti

Capelli biondi ossigenati e un nome d’arte che non passa inosservato, Fiocco di neve. La 19enne Gloria Nencioni, la nuova Lady Gaga pisana, ha partecipato ai provini della quinta edizione del talent X Factor. Ma dopo una brutta esibizione, ammessa anche dalla stessa cantante, si è beccata i "no" dei giurati Simona Ventura e Arisa. Fiocco di neve, però, non si è arresa e ha pubblicato su Twitter un video in cui spiega i motivi della sua brutta esibizione. E, soprattutto, se la prende con i giurati. La Ventura: "Una ignorante che ha vinto solo un concorso di bellezza". E Arisa: "Ha fatto solo due canzoncine".


Colpa del montaggio - "Ho partecipato al provino di X Factor perché cantare era il mio sogno”, racconta Fiocco di neve a Libero-news. "Certo non mi aspettavo di arrivare fino al programma in diretta ma nemmeno di essere tratta così". Qualche presentimento però, Gloria - già fan del talent show - ce lo aveva: "Mi aspettavo che la Ventura mi prendesse in giro". E così è stato: "Ha riso di me a causa dei 70-72 premi letterari che ho vinto. Ma questo è stato tagliato e non lo hanno mandato in onda". Così il montaggio "ha fatto apparire la Ventura come una brava donna".

Solo emozione - Fiocco di neve, comunque, lo ammette: "L'esibizione è andata male – dice – ma non sono così stonata. Ero emozionata, è il primo provino che faccio e avevo tantissima paura della Ventura". "Sapevo – continua – che la Ventura non è una donna gentile". Gloria, insomma, era nervosa. E anche prima del provino, "molti ragazzi mi prendevano in giro per come ero vestita". Così decide di pubblicare il video su Youtube: "Loro mi avevano ridicolizzato e io volevo ridicolizzare loro". Arisa, in particolare, dice Fiocco, "che mi ha paragonato alla capretta di Heidi".

Non finisce qui - Ma il prossimo anno Gloria si ripresenterà ai provini. Perché il canto, ribadisce, resta la sua grande passione. Non di lunga data, certo, perché "ho questo sogno da quando avevo sedici anni, quindi solo da tre anni. E ho cominciato a studiare canto da dieci mesi". Ma guai a paragonarla ai fenomeni del web come Gemma del Sud o Laura Scimone: "Gemma è stonata, si ridicolizza da sola. Io non somiglio a lei. Lei l'inglese se lo inventa. Io, anche se non ho una buona pronuncia, almeno mi impegno". E infatti Fiocco è pronta a sbarcare nelle fila di un altro talent, Roxy Park, "un programma televisivo di Vientina, in provincia di Pisa, dove i cantanti si esibiscono uno dopo l'altro e poi fanno una piccola intervista". Perché, confessa, "andare in tv mi piace tantissimo: sono una esibizionista e mi piace stare al centro dell'attenzione". Ma ad Amici, la trasmissione condotta da Maria De Filippi, non è disposta ad andare. "Penso che lì – dice – ci sono parecchi intrallazzi come si dice in Toscana". Le sarebbe piaciuto Star Academy, il programma condotto da Francesco Facchinetti, ma è già stato chiuso dalla Rai. Nel frattempo sul web è diventata una star. Ha un suo canale Youtube, dove pubblica i video delle sue esibizioni registrate nel salotto della sua casa con una fotocamera. E dopo il provino a X Factor ha rilasciato ben due interviste. "Una – racconta – a un giornale virtuale di cui non ricordo il nome. L'altra a un blog".

Cuore di mamma - Anche la mamma di Fiocco è pronta a sostenere la sua figliola con il sogno del canto e della notorietà. "Lo so che non è intonatissima - dice a Liberonews - però canta col cuore". Ma "la Ventura e Arisa l'hanno letteralmente screditata". E il suo pianto, dopo l'eliminazione, "era un pianto vero. Lei non lo ha mai detto, perché non vuole fare compassione, ma il papà è malato e durante l'attesa del provino, che è durata dieci ore, era preoccupata che il papà potesse sentirsi male". Gloria nuova Lady Gaga? "No, lei i vestiti se li cuce da sola con una macchina da cucire da 100 euro. Lady Gaga".


Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo