Monthly Archives: giugno 2011

Proroga termine dichiarazione di responsabilità

Il termine per la trasmissione delle dichiarazioni di responsabilità da parte dei titolari di prestazioni assistenziali, rispettivamente, per l’accertamento della permanenza del requisito relativo alla condizione di ricovero (titolari di indennità di accompagnamento, indennità di frequenza, assegno sociale e assegno sociale sostitutivo di invalidità civile), di mancato svolgimento di attività lavorativa (titolari di assegno mensile agli invalidi civili parziali) e della residenza effettiva in Italia (assegno sociale, pensione sociale e assegno sociale/pensione sociale sostitutivi di invalidità civile), già prorogato dal 31 marzo 2011 al 30 giugno 2011 con il messaggio 7991 del 4 aprile 2011, è ulteriormente prorogato al 31 luglio 2011 (messaggio 13453 del 27 giugno 2011).

Deroga decorrenze pensione

Con la circolare n. 90 del 24 giugno 2011, vengono fornite le prime indicazioni per l’individuazione – in base al parere espresso dal Ministero del Lavoro – della platea dei potenziali beneficiari della deroga alle disposizioni in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici prevista dalla legge 122/2010.

Fondo di solidarietà per i dipendenti imprese del credito

Ai datori di lavoro, che rientrano nell’ambito di applicazione del “Fondo di solidarietà di sostegno al reddito, dell’occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale dipendente dalle imprese di credito”, che assumono a tempo indeterminato lavoratori destinatari dell’assegno di sostegno al reddito previsto dall’art. 11 bis del Regolamento del Fondo, spetta un incentivo mensile equivalente alla residua indennità e contribuzione che sarebbero spettate in favore del lavoratore. Le condizioni per il riconoscimento del beneficio, il procedimento di definizione delle istanze e le modalità di fruizione del beneficio stesso sono illustrate nella circolare n.88 del 20/06/2011.

IV Rapporto Inps-Caritas

Il Rapporto realizzato utilizzando i dati Inps è stato presentato il 9 giugno a Roma

Sono 2 milioni e 700 mila, più del 13 % del totale, ma ancora relegati nelle posizioni marginali del mondo del lavoro. E' questo il quadro che emerge dal IV Rapporto sui lavoratori di origine immigrata registrati negli archivi Inps, intitolato “La regolarità del lavoro come fattore di integrazione”, presentato il 9 giugno scorso a Roma.
Il rapporto, curato dall’Inps in collaborazione con i redattori del Centro Studi e Ricerche Idos-“Dossier Statistico Immigrazione” Caritas/Migrantes, analizza la situazione dei lavoratori immigrati elaborando i dati contenuti negli archivi dell’Istituto, che rappresentano la fonte più completa ed articolata di informazioni in tema di lavoro e previdenza.
I lavoratori immigrati sono concentrati in maniera diversa nelle varie aree geografiche (oltre il 60% al nord, il 24% al centro e il 14% al sud), e trovano lavoro in percentuale maggiore, rispetto agli italiani, nel lavoro domestico (77,5%) e nel lavoro agricolo, settori tradizionalmente meno retribuiti e garantiti.
«Ma non sono lavori marginali – avverte il direttore generale dell’Inps  Mauro Nori – li definirei i lavori di base della società. Si tratta di un pezzo importante di welfare che altrimenti non esisterebbe. Il problema maggiore è quello dell’integrazione – ha aggiunto Nori prendendo spunto dal titolo del Rapporto –  Da questo punto di vista, il lavoro regolare è la via principale per una completa integrazione».
Oltre alle consuete analisi statistiche, la nuova edizione del Rapporto contiene una sezione dedicata agli esiti di una interessante indagine campionaria svolta fra gli immigrati che si sono recati agli sportelli dell’Inps di Roma, dalla quale risulta che gli stranieri hanno una buona conoscenza dei servizi offerti dall’Istituto. Servizi che, in gran parte, ottengono anche il loro apprezzamento.

Il testo integrale del IV Rapporto “La regolarità del lavoro come fattore di integrazione” è pubblicato nella sezione Lavoratori Migranti>Rapporto immigrati e previdenza

Servizio emissione massiva MAV

I consulenti e professionisti abilitati possono richiedere il nuovo servizio disponibile sul portale Inps in vista della prossima scadenza per il pagamento dei contributi del lavoro domestico.


Tra le modalità di pagamento dei contributi dei lavoratori domestici l’Inps ha istituito con circolare n. 49/2011 anche la possibilità di avvalersi del MAV – Pagamento Mediante Avviso. Questa modalità di pagamento mediante avvisi emessi dalla Banca Popolare di Sondrio – aggiudicataria della specifica gara di appalto indetta dall’INPS - si avvale della procedura interbancaria standardizzata di incasso attraverso il bollettino MAV, identificato da uno specifico codice.


Con la circolare n. 85 del 15 giugno l’Istituto ha esteso la possibilità di emissione dei MAV per il pagamento dei contributi dei lavoratori domestici anche ai soggetti indicati al comma 1, art.1, L. 12/79, ovvero agli iscritti nell'albo dei consulenti del lavoro, negli albi degli avvocati e procuratori legali, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e periti commerciali. Attraverso questo servizio, i soggetti accreditati potranno inviare all’Inps i dati necessari alla determinazione dell’importo dei contributi dovuti per ciascun datore di lavoro e, dopo l’interazione dell’Inps con la banca, ricevere dall’Istituto il MAV generato in relazione ai dati forniti.


Per aderire al servizio di emissione massiva di MAV il soggetto abilitato deve compilare e sottoscrivere il modulo di adesione e inviarlo unitamente al documento di identità del sottoscrittore all’indirizzo RichiestaServizioEmissioneMAV@inps.it.


La documentazione ufficiale, l’allegato tecnico descrittivo del servizio e i tracciati xsd necessari per lo scambio dati con Inps sono disponibili nella pagina dedicata del Menu informazioni>Aziende, consulenti e professionisti>Emissione massiva di MAV per contributi lavoro domestico.


Circolare n. 85 del 15 giugno 2011

 

Per informazioni sui lavoratori domestici, visita "Come fare per gestire un lavoratore domestico"

Direttiva Funzionamento Enti Pubblici Non Economici

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha dettato, con Direttiva del 28 aprile 2011, i criteri per il funzionamento degli organi degli enti pubblici non economici in seguito all’emanazione del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito nella legge 30 luglio 2010, n. 122, il quale, per ragioni di semplificazione amministrativa e risparmio, ha accentrato nella figura del Presidente le funzioni precedentemente attribuite allo stesso e al Consiglio di Amministrazione, lasciando inalterato il complesso dei poteri e delle funzioni attribuite e dei rapporti con gli altri organi del sistema di governance.


Segui il link "Scarica la direttiva"

 

Contributi di artigiani e commercianti e liberi professionisti iscritti alla gestione separata

Con la circolare n. 84 del 13 giugno 2011, sono state dettate le disposizioni per il pagamento dei contributi dovuti dagli iscritti alle gestioni artigiani e commercianti sulla quota di reddito eccedente il minimale e dai liberi professionisti iscritti alla gestione separata. La circolare fornisce tutte le indicazioni a proposito dei termini e delle modalità di pagamento, dei limiti di reddito imponibile, della rateizzazione e della compensazione dei contributi.

Assegno per il nucleo familiare nuovi livelli di reddito

Sono stati stabiliti i nuovi livelli di reddito per la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare, riguardanti il periodo dal 1° luglio 2011 al 30 giugno 2012. Le tabelle contenenti i nuovi livelli reddituali, relative alle diverse tipologie di nuclei familiari, sono allegate alla circolare n. 83 del 13 giugno 2011.

Software di controllo UniEMens Individuale per le denunce retributive e contributive individuali mensili

E’ disponibile la versione 2.1.1 del software di controllo UniEMens Individuale che consente la verifica e la certificazione delle denunce retributive e contributive mensili .
Le modalità operative rimangono comunque inalterate.
La procedura può essere scaricata dalla sezione "Software" del sito.

Una tantum lavoratori settore gas-acqua

Gli arretrati retributivi previsti dall’accordo del 10 febbraio 2011, per il rinnovo del contratto collettivo nazionale dei lavoratori dipendenti dalle aziende pubbliche e private che gestiscono i servizi relativi alla distribuzione e vendita del gas ed al ciclo integrale dell’acqua (periodo 1° gennaio 2010 – 28 febbraio 2011), sono valutati pure ai fini della determinazione delle prestazioni economiche di malattia, maternità, congedi parentali, permessi ex legge 104/92 e altre prestazioni a carico dell’Inps, anticipate e poste a conguaglio con i contributi.
Circolare n. 80 dell’8 giugno 2011

Nuove modalità per la domanda del riscatto della Laurea

La domanda di riscatto del corso legale di laurea può essere presentata direttamente tramite il servizio online appositamente dedicato sul sito www.inps.it. L’accesso al minisito prevede la pre-identificazione tramite PIN e la conseguente immediata acquisizione della domanda, dopo la verifica della completezza e della congruità dei dati inseriti. Una volta effettuata l’autenticazione, si ha accesso alle seguenti funzionalità principali:

informazioni generali riguardanti il riscatto della Laurea; riscatto di Laurea Inoccupati: funzionalità abilitata per i soli utenti identificati dal sistema come inoccupati per l’inoltro della domanda; riscatto di Laurea Occupati: funzionalità abilitata per i soli utenti identificati dal sistema come occupati per l’inoltro della domanda; stampa di bollettini MAV relativi ai pagamenti da effettuare; servizi integrati di supporto: a) modifica della propria residenza, b) modulistica di riferimento, c) servizio pagamenti.

Inoltre, è sempre prevista la disponibilità del Contact Center Multicanale, al numero 803164, per ottenere ulteriori informazioni e per ricevere assistenza per il corretto utilizzo del servizio web durante tutte le fasi: dalle modalità di accesso alla presentazione della domanda, dalla simulazione alla stampa dei bollettini MAV e alle modalità di pagamento dei contributi.

Maggiori dettagli nella circolare n. 77 del 27 maggio 2011

Nuove modalità di pagamento dei contributi volontari

Da mercoledì 8 giugno 2011, i contributi volontari possono essere versati esclusivamente con una delle seguenti modalità:

utilizzando il bollettino MAV – Pagamento mediante avviso, senza commissioni aggiuntive se pagato presso una qualunque banca. Nella fase introduttiva, l’Inps provvederà all’invio a tutti i prosecutori volontari di quattro MAV utili per il pagamento dei contributi relativi all’anno 2011; online nella sezione servizi per il cittadino sul sito www.inps.it, utilizzando la carta di credito per perfezionare il pagamento. Per accedere al servizio, sia per la stampa del MAV che per il pagamento online, è richiesta l’autenticazione mediante codice fiscale e codice prosecutore in caso di singola autorizzazione oppure codice fiscale e PIN in caso di più autorizzazioni; telefonando al numero verde gratuito 803.164, utilizzando la carta di credito; attraverso il rapporto interbancario diretto (RID), con addebito su conto corrente.
Circolare n. 79 dell’8 giugno 2011

Giornalisti iscritti all’Inpgi Congedo straordinario per l’assistenza a familiari con handicap grave

In seguito alla cessazione - al 30 aprile 2011 - della competenza dell’Inpgi alla concessione delle autorizzazioni al conguaglio delle indennità erogate a titolo di congedo straordinario per assistere familiari con handicap grave, per i periodi di congedo con decorrenza dal 1° maggio 2011 tale autorizzazione deve essere richiesta all’Inps, cui deve essere presentata una nuova domanda anche per i periodi successivi al 30 aprile già autorizzati dall’Inpgi. L’accredito della contribuzione figurativa, in ogni caso, sarà effettuato dall’Inpgi, al quale va presentata la relativa domanda corredata dell’autorizzazione rilasciata dall’Inps. Nella domanda di congedo straordinario da presentare alla competente sede territoriale dell’Inps, i giornalisti interessati dovranno indicare i periodi pregressi già fruiti a carico dell’Inpgi.
Per maggiori dettagli vedi messaggio n. 12440 dell’8 giugno 2011

Fondo per il sostegno del reddito per il personale del Gruppo Ferrovie dello Stato

Con la circolare n. 78 del 6 giugno 2011 vengono forniti il quadro normativo e le istruzioni relative alla liquidazione dell’assegno straordinario per il sostegno del reddito per il personale delle società del Gruppo Ferrovie dello Stato. Il Fondo ha lo scopo di attuare interventi nei confronti dei lavoratori ai quali si applicano il CCNL del 16 aprile 2003 e il contratto aziendale di pari data con i relativi accordi complementari e fornisce uno strumento di supporto alle aziende del settore in caso di processi di ristrutturazione, di situazioni di crisi, di riorganizzazione aziendale o di riduzione o trasformazione di attività o di lavoro. Nella circolare 78/2011 vengono inoltre descritte in dettaglio le caratteristiche della prestazione, i requisiti per l’accesso e gli adempimenti a carico delle aziende.

“Un giorno per il futuro”, Inps ospita l’evento di lancio

La Direzione generale dell’Inps ha ospitato alle ore 15,30 del 25 maggio, presso la Sala Mancini, l’evento di lancio dell’iniziativa “Un giorno per il futuro”, promossa dal Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Maurizio Sacconi, di concerto con il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Stella Gelmini, intervenuti entrambi per presentare il progetto.
Dopo la proiezione dello spot promozionale realizzato dal Ministero del Lavoro, il Presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua ha dato il suo benvenuto alle scuole e ai Ministri ospiti, assicurando tutto il suo appoggio al progetto. Le scuole partecipanti hanno quindi presentato alcune esperienze, realizzate con l’obiettivo di informare e orientare i giovani sui temi finanziari e previdenziali. I Ministri Gelmini e Sacconi, dopo avere espresso il loro apprezzamento alle docenti e agli studenti  dell’IIS F. Caffè di Roma e dell’ITT M. Polo di Palermo, hanno chiarito gli obiettivi dell’iniziativa avviata insieme per mettere in condizione i giovani di conoscere le tutele per il lavoro e le regole del nuovo sistema pensionistico, operando nel loro percorso di studio e lavoro scelte consapevoli e funzionali ad alimentare, anche prima dell’ingresso stabile nel mondo del lavoro, il proprio conto contributivo.

Vai alla pagina Evento per il resoconto e la documentazione multimediale.
Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo