Category Archives: MotoGp

Il cannibale Marquez vince anche a Valencia

Il pilota della Honda trionfa anche nella sua Spagna. Male gli italiani a parte Dovizioso a un passo dal podio. Lorenzo chiude la carriera al 13esimo posto.

Il titolo iridato conquistato con alcuni Gp d’anticipo non ha placato la fame di Marc Marquez. Il pilota della Honda ha fatto suo anche il Gran Premio nella sua Spagna trionfando a Valencia. Seconda posizione invece per Fabio Quartararo che era partito in pole ma non ha retto agli attacchi incalzanti dello spagnolo. Con questo podio Marquez ha conquistato il 12esimo titolo stagionale consegnando alla Honda anche il titolo dedicato ai team. Terza posizione invece per l’australiano Jack Miller dell’Alma Pramac Racing. Da segnalare inoltre la 13esima posizione di Jorge Lorenzo che chiude con questo scialbo risultato la sua carriera motoristica.

A VALENCIA MALE GLI ITALIANI

Al Gp di Spagna non hanno brillato di sicuro gli italiani ben lontani dal podio e dai tempi di Marquez. A far sorridere è solo la quarta posizione di Andrea Dovizioso. Poi per trovare un pilota nostrano si deve scendere all’ottavo posto occupato da uno spento Valentino Rossi mai veramente in gara e poi al nono con Andrea Iannone. Male infine Franco Morbidelli che ha chiuso la gara – oltre che una stagione – in chiaroscuro con una scivolata sulla ghiaia chiude nella ghiaia una stagione in chiaroscuro.

LO SCONTRO TRA ZARCO E LEUCONA

Attimi di paura per lo scontro tra Zarco e Leucona. I due si sono scontrati in curva uscendo di pista e interrompendo di fatto la loro gara. Fortunatamente nessuno dei due si è fatto male. «Non so cosa sia successo. Sono caduto a un certo punto della gara. Forse c’era olio in pista. Mi scuso con la squadra. Zarco? Sono rimasto con lui, avevo paura per le gambe, l’impatto è stato molto forte. Poi l’ho visto andare via con lo scooter e mi sono tranquillizzato», ha detto Leucona a caldo.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Marquez ha vinto il MotoGp di Australia

Undicesimo primo posto in campionato per il pilota Honda dopo un duello con Vinales. Lorenzo Dalla Porta iridato in Moto3.

Il gran premio d’Australia della MotoGp si è deciso all’ultimo giro, quando Maverick Vinales – nel tentativo di rimanere in scia a Marc Marquez che lo aveva passato sul rettilineo – è caduto a poche curve dall’arrivo, lasciando via libera al campione del mondo, dopo un duello serratissimo. Così è uscito di scena il pilota Yamaha, che aveva dominato le libere ed ottenuto la pole, spostata alla domenica mattina a causa del vento che sabato ha spazzato Phillip Island. Del suo volo, senza conseguenze, hanno beneficiato Cal Crutchlow (Honda) ed il pilota di casa Jack Miller (Ducati).

DALLA PORTA CAMPIONE IN MOTO3

Ma l’eroe di giornata è Lorenzo Dalla Porta. Il pilota di Prato, 22 anni, quinta stagione nel motomondiale, ha vinto la gara ed è così diventato il primo italiano a laurearsi iridato in Moto3. L’ultimo titolo tricolore nella classe ‘leggera’ l’aveva ottenuto Andrea Dovizioso, conquistando il mondiale 125 nel 2004, anche lui in sella alla Honda. Sul podio Dalla Porta ha dedicato la coppa alla nonna Nicoletta, scomparsa pochi giorni prima del Gp della Thailandia: «Vincere gara e campionato nello stesso giorno è fantastico. È servito tanto lavoro per arrivare a questo successo, che ci ripaga di tutti gli sforzi. Non riesco ancora a credere a quello che ho fatto».

PER MARQUEZ UNDICESIMO GRAN PREMIO DELL’ANNO

Ai piedi del podio in MotoGp si è fermata la rincorsa di Francesco Bagnaia, comunque soddisfatto per il suo miglior piazzamento. Quinto Joan Mir (Suzuki), davanti a tre italiani: i due Andrea, Iannone (Aprilia, mai così avanti quest’anno) e Dovizioso (Ducati), seguiti dalla Yamaha di Valentino Rossi, ottavo. Uno sfortunato contatto aveva tolto di mezzo al primo giro la Ducati di Danilo Petrucci e la Yamaha di Fabio Quartararo. Peccato per entrambi, ma soprattutto per il francese, scattato dal secondo posto della griglia. Marquez, per nulla appagato dall’ennesimo titolo, si è confermato una macchina inarrestabile: 11/o successo in stagione (quinto consecutivo), 14/o podio di fila, 55 vittorie in MotoGp in sella alla Honda (superato Mick Doohan). Con 375 punti ha già battuto il proprio record, stabilito nel 2014 (362): «Sapevo che se a 4-5 giri dalla fine fossi stato in scia a Maverick potevo vincere. Ma non è stato affatto facile. Alla fine eravamo tutti e due al limite con la gomma morbida al posteriore, ma non mi giocavo nulla e quindi potevo rischiare. Imbattibile? No, sono umano pure io».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo