Category Archives: Milano

Chiuse le indagini sul disastro ferroviario di Pioltello

La procura di Milano si prepara a chiedere il rinvio a giudizio per Rete ferroviaria italiana e 11 persone. Il deragliamento del treno regionale Trenord 10452 provocò la morte di tre persone.

La procura di Milano ha chiuso le indagini sul disastro ferroviario di Pioltello. Sotto inchiesta, oltre a Rete ferroviaria italiana, ci sono 11 persone: due manager e sette tra dipendenti e tecnici di Rfi, e due ex dirigenti dell’Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria. Il 25 gennaio 2018 il treno regionale Trenord 10452, proveniente da Cremona e diretto alla stazione Porta Garibaldi di Milano, uscì dai binari a Pioltello provocando la morte di tre persone e decine di feriti. La posizione di due manager Trenord e della stessa società è stata stralciata in vista dell’archiviazione.

CONTESTATO L’OMICIDIO COLPOSO PLURIMO

I dirigenti di Rfi indagati, secondo l’accusa, avrebbero «omesso di mettere a disposizione dei lavoratori di Trenord e di tutti i viaggiatori dei treni percorrenti» la linea interessata «attrezzature idonee ai fini della sicurezza», senza garantire così che «l’infrastruttura fosse mantenuta in buono stato di efficienza per la sicura circolazione dei treni». I reati contestati sono disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo e lesioni colpose, mentre Rfi è indagata per la legge sulla responsabilità amministrativa degli enti. Per tutti gli indagati si profila la richiesta di rinvio a giudizio.

LA CAUSA DEL DISASTRO SECONDO L’ACCUSA

Secondo la relazione finale dei consulenti tecnici nominati dai pm, il disastro è stato causato da uno spezzone di rotaia di 23 centimetri che si è fratturato per un «danneggiamento ciclico irreversibile generato da condizioni di insufficiente manutenzione». L’assenza di controlli con ultrasuoni non avrebbe consentito di monitorare «la progressione irreversibile del danneggiamento del giunto in cattive condizioni», anzi ci sarebbero stati dei ritardi nella sua sostituzione. Sempre per i periti dell’accusa, la causa del deragliamento fu «la sopraelevazione della ruota destra» del terzo vagone del convoglio, provocata da quei 23 centimetri di rotaia che dopo essersi staccati andarono a finire tra il binario e la ruota stessa. I ritardi nella programmazione delle attività di sostituzione, per i pm, hanno permesso «all’irreversibile ammaloramento del giunto di procedere fino al cedimento finale».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Linate ha riaperto dopo il restyling

Il primo aereo, dopo tre mesi di lavori, è atterrato a Milano il pomeriggio del 26 ottobre. Presenti anche Giuseppe Sala e Paola De Micheli.

Linate ha (ri)spiccato il volo: i primi 64 passeggeri di un aereo Alitalia in arrivo da Roma Fiumicino sono atterrati alle 18 in punto del 26 ottobre 2019 nello scalo alle porte del capoluogo lombardo, dopo i lavori di restyling iniziati il 27 luglio, con l’operazione ‘Bridge’ e il trasloco del ‘Forlanini’ all’aeroporto di Malpensa (Varese), e terminati come previsto dal timing tre mesi dopo. L’Alitalia AZ2092 ha ricevuto come di consueto nel mondo dell’aviazione il ‘battesimo d’acqua’, passando attraverso i getti di due autopompe dei Vigili del Fuoco appena atterrato sulla pista rimessa a nuovo. Un pista liscia «come un tavolo da biliardo», ha confermato il pilota.

SALA E DE MICHELI PRESENTI ALL’EVENTO

Al ‘varo’ del nuovo scalo, con torta e brindisi, anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala, la ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli, l’ad di Sea Armando Brunini e la presidente Michaela Castelli, Nicola Zaccheo e Alessio Quaranta, presidente e direttore generale di Enac, Roberta Neri ad di Enav, e Fabio Lazzerini e Massimo Iraci, rispettivamente Chief business officer e Chief strategy and operations officer di Alitalia.

SALA: «MARGINI DI CRESCITA MOLTO AMPI»

I lavori nel city airport hanno riguardato zone di fatto ‘off-limit’ per i passeggeri ma fondamentali per il buon funzionamento di uno scalo: la pista di atterraggio, decollo e rullaggio e l’impianto bagagli che smista le valigie e le prepara prima dell’imbarco sull’aereo. «Un progetto meraviglioso, un city airport di livello internazionale che conferma anche l’investimento sulla sicurezza: c’è un aspetto estetico, ma c’è anche un importante investimento sulla sicurezza a tutto tondo». Per il sindaco di Milano Giuseppe Sala, «Linate è un esercizio di efficienza: per i milanesi essere puntuali è importante e abbiamo rispettato i tempi previsti», ha detto commentando i lavori. «Questo è certamente un punto di ripartenza come abbiamo detto al ministro. Dobbiamo pensare al sistema Linate – Malpensa non per quello che è oggi ma per quello che potrà essere tra sette anni, dobbiamo accompagnare questa crescita. I margini di crescita sono molto ampi», ha aggiunto Sala.

110 MILIONI DI EURO DI INVESTIMENTO TRA IL 2018 E IL 2021

«Per il 2019 l’investimento è di circa 35 milioni di euro, ma quello complessivo dal 2018 al 2021 sarà di circa 110 milioni. Questa era una tappa molto importante, perché consentiva la riapertura dello scalo in tutta sicurezza. Ora continuiamo a lavorare, sul terminal abbiamo ancora tanto lavoro da fare e riconsegneremo a inizio 2021 una Linate totalmente riqualificata. Nel frattempo i milanesi e i non milanesi potranno tornare a viverla», ha specificato l’ad di Sea Armando Brunini. Previsti infatti una nuova area shopping e ristorazione, nuovi banchi check-in, gate, toilette, arredamenti e segnaletiche più intuitive, senza trascurare le tecnologie e sostenibilità. Sul fronte hi-tech, prese elettriche in ogni seduta per ricaricare device e smartphone e addio a passaporti, carte di imbarco e documenti: basterà essere identificati dalle fotocamere che riconosceranno anche la destinazione dei passeggeri. Infine, per uno scalo green e sostenibile, luci a basso consumo in tutta l’aerostazione, arredi in legno e fibre naturali.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo